Categorie

Lars Kepler

Traduttore: A. Storti
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2015
Pagine: 360 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830443570

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    andrea

    27/10/2016 09.58.34

    mi è sempre piaciuto lo stile di questa coppia e nonostante i loro libri abbiano sempre lo stesso giro di protagonisti,ho sempre trovato le loro opere ben scritte e appassionanti. devo dire che inizialmente sono rimasto colpito positivamente dal fatto che finalmente non ci sia il solito commissario (anche se di sfuggita viene citato) o il solito ipnotista,però alla fine il libro mi ha un po' deluso. è strano,confusionario,ben scritto ma credo che ci siano troppe idee sviluppate male. si legge velocemente,appassiona a tratti...ma alla fine non soddisfa pienamente,peccato!

  • User Icon

    cantarstorie

    04/10/2016 09.51.59

    E' veramente difficile dare atto della indicibile bruttezza di questo libro. Davvero difficile anche riconoscere lo stile di Kepler, così magnetico e sapiente in molti altri suoi libri. Questo è assolutamente e accuratamente da evitare.

  • User Icon

    Mara

    03/06/2016 15.42.02

    Un libro cupo, terribile. Spero che tornino presto alla serie sull'ispettore Joona Linna perché questo libro trovo che non sia per nulla riuscito.

  • User Icon

    Claudio

    30/03/2016 11.51.36

    Continua implacabile la discesa verso l'abisso di questa ineffabile coppia (per altro mai stata nei miei personali indici di gradimento). Pare inoltre che la protagonista sarà riproposta in ulteriori parti pseudo-letterari. Buono a sapersi per starsene bene alla larga. Penoso il romanzo e incomprensibile la forzatura di dover dare 1. IBS: in certi casi dovreste permetterci di scendere ulteriormente.

  • User Icon

    Umberto75

    13/03/2016 10.07.35

    Come'è che diceva Fantozzia proposito della proverbiale corazzata?!? Sconclusionato e scritto giusto per onorare il contratto con la casa editrice. Lasciate stare che è meglio

  • User Icon

    Isa

    10/02/2016 10.28.44

    "Jasmin sentì un desiderio che mai nessuno le aveva fatto provare. Forse la vita che era ancora in lei stava avendo la meglio. in quell'istante, i loro cuori erano fermi come pietre in una citta' illuminata sotto una cupola di vetro riempita da un turbinio di neve."

  • User Icon

    Rita71

    22/01/2016 13.23.42

    Libro inutile di rara bruttezza. L'ho acquistato pensando ai bellissimi romanzi che hanno come protagonista Joona Linna. Questa é la storia sconclusionata del classico tunnel con annessa luce in fondo di cui parlano coloro che hanno rischiato di morire. Qui il tunnel diventa una città portuale cinese in cui i "definitivamente morti" vengono imbarcati verso altri lidi e "coloro che non sono ancora morti" vengono censiti (con una bilancia che li pesa) con una piastrina al collo di militare memoria (il visto). I non morti, indossata la catenina con la piastrina, in attesa di svegliarsi dal coma nel mondo reale (cosa che nella città portuale avviene con la pubblicazione della foto dell'interessato), conducono un'esistenza parallela in cui dei delinquenti corrotti cercano di accaparrarsi i visti/piastrina di chi ha più possibilità di tornare a vivere. La trama è zoppicante, a volte senza senso (come quando la protagonista immotivatamente si innamora di un tossico cinese in coma a Stoccolma per overdose, o come quando, tornata alla vita per l'ennesima volta, prima di farsi ri-arrestare il cuore dalla sorella medico, decide di stringere in mano un bisturi per avere un'arma con se nella città portuale - quindi assieme all'anima viaggiano pure gli oggetti) e a volte ridicola (per esempio quando la protagonista, in preda, quasi, a un raptus sessuale - sebbene si stia attivando freneticamente a fare cose "strampalate" nel terrore del possibile non ritorno alla vita del figlio, a cui un cattivo ha sottratto il visto/piastrina - trova il tempo di "fare una pausa" e accoppiarsi con il tossicodipendente). Si fatica a proseguire la lettura tanta è la banalità della storia e la superficialità dei personaggi. Da dimenticare.

  • User Icon

    Giulietta

    08/01/2016 16.18.50

    Un libro bruttissimo. Non sono riuscita a finirlo. Solo descrizioni, niente narrazione e pochi dialoghi.

  • User Icon

    miry56

    13/12/2015 20.36.20

    Dopo aver abbandonato la lettura di Dannati di Cooper, pensavo di aver archiviato il genere. Mai e poi mai mi sarei aspettata di ritrovarmi ancora catapultata nell'aldilà da Lars Kepler. Libro decisamente da dimenticare ed archiviare. Delusione cocente dopo tutti i bei libri che ci hanno regalato i due coniugi.

  • User Icon

    carmen

    08/12/2015 11.48.16

    ho aspettato co ansia l'ultimo libro avendo letto con entusiasmo tutti i precedenti.. è orribile, mai letto niente di peggio, dubito che lo abbiano scritto loro.

  • User Icon

    Charlie

    01/12/2015 18.18.29

    Un'inaspettata sorpresa in negativo, considerati i bei libri precedenti dell'autore(i). Stento a credere che sia stato effettivamente scritto da Lars Kepler. Certamente il libro più brutto che ho letto negli ultimi tre anni. Trama surreale, personaggi improbabili, vicende assurde, ironia zero, che data la storia ci sarebbe stata bene. Soldi buttati dalla finestra.

  • User Icon

    paola

    01/12/2015 12.33.02

    libro discreto anche se diverso dallo stile di Lars Kepler, i cui testi sono solitamente imeperniati sul thriller, questo è un romanzo di genere fantastico, con finale un pò banale.

  • User Icon

    Giusi

    28/11/2015 13.14.56

    No..non ci siamo! Ho letto tutti gli altri libri degli autori e li ho divorati...ma questo non riesco quasi a finirlo. Non prende, c'è azione ma non suspense..non avrei mai pensato, visti i libri precedenti!

  • User Icon

    NADIA3

    28/11/2015 10.42.43

    Ho letto tutti i libri degli autori ma questo mi ha lasciato esterrefatta, non è un thriller, non è un fantasy forse più un horror di serie B con situazioni paradossali al limite del ridicolo, a tratti incomprensibile e con descrizioni inutili. L'assurdità totale poi è l'ambientazione nella città cinese e i morti che muoiono di nuovo con effetti splatter a dir poco disturbanti. Spero solo che non ci sia alcun seguito perché a malincuore dovrei abbandonare questi autori che invece mi hanno sempre regalato libri bellissimi.

  • User Icon

    Alberto

    24/11/2015 18.00.03

    decisamente surreale e fantasioso, a tratti incomprensibile....mah... ho letto tutti i libri dei due autori ma questo è davvero pessimo...

  • User Icon

    Pupottina

    04/11/2015 10.12.43

    "Nessuno sa dove andiamo quando moriamo né se i luoghi dell'oltretomba esistano solo dentro di noi fra i lampi delle sinapsi." È un romanzo thriller ad alta tensione, una lotta contro il tempo, che spiazza anche per l'ambientazione totalmente inedita, oltre che per i personaggi nuovi. Ottimo ... forse anche un nuovo inizio ...

Vedi tutte le 16 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione