Possa il mio sangue servire. Uomini e donne della Resistenza

Aldo Cazzullo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Rizzoli
Collana: Saggi italiani
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 16 aprile 2015
Pagine: 403 p., Rilegato
  • EAN: 9788817082327

nella classifica Bestseller di IBS Libri Storia e archeologia - Storia - Specifici eventi e argomenti - Post-colonialismo

Salvato in 246 liste dei desideri

€ 9,50

€ 19,00
(-50%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Possa il mio sangue servire. Uomini e donne della Resistenza

Aldo Cazzullo

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Possa il mio sangue servire. Uomini e donne della Resistenza

Aldo Cazzullo

€ 19,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Possa il mio sangue servire. Uomini e donne della Resistenza

Aldo Cazzullo

€ 19,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 10,26

€ 19,00

Punti Premium: 10

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 4,99 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La Resistenza a lungo è stata considerata solo una "cosa di sinistra": fazzoletto rosso e Bella ciao. Poi, negli ultimi anni, i partigiani sono stati presentati come carnefici sanguinari, che si accanirono su vittime innocenti, i "ragazzi di Salò". Entrambe queste versioni sono parziali e false. La Resistenza non è il patrimonio di una fazione; è un patrimonio della nazione. Aldo Cazzullo lo dimostra raccontando la Resistenza che non si trova nei libri. Storie di case che si aprono nella notte, di feriti curati nei pagliai, di ricercati nascosti in cantina, di madri che fanno scudo con il proprio corpo ai figli. Le storie delle suore di Firenze, Giuste tra le Nazioni per aver salvato centinaia di ebrei; dei sacerdoti come don Ferrante Bagiardi, che sceglie di morire con i suoi parrocchiani dicendo "vi accompagno io davanti al Signore"; degli alpini della Val Chisone che rifiutano di arrendersi ai nazisti perché "le nostre montagne sono nostre"; dei tre carabinieri di Fiesole che si fanno uccidere per salvare gli ostaggi; dei 600 mila internati in Germania che come Giovanni Guareschi restano nei lager a patire la fame e le botte, pur di non andare a Salò a combattere altri italiani. La Resistenza fu fatta dai partigiani comunisti come Cino Moscatelli, ma anche da quelli cattolici come Paola Del Din, monarchici come Edgardo Sogno, autonomi come Beppe Fenoglio. E fu fatta dalle donne, dai fucilati di Cefalonia, dai bersaglieri che morirono combattendo al fianco degli Alleati...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,08
di 5
Totale 13
5
5
4
5
3
2
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giada

    26/09/2020 14:08:36

    Testo molto scorrevole, adatto a un pubblico eterogeneo. Commovente, ricco di precisazioni, sebbene non vi siano note a piè pagina (testo a finalità divulgativa). Un punto di partenza robusto per iniziare ad approcciarsi con la Resistenza, ma non solo: seppur minimamente, l'autore concede qualche riflessione legata agli uomini della RSI. Interessante la sua opinione sulla Germania, ieri e oggi.

  • User Icon

    Luisa

    15/05/2020 11:26:53

    La resistenza non è stata solo Comunista. C'erano tanti colori che si sono uniti e talvolta combattuti, ma partendo tutti da una matrice antifascista e antinazista che accomuna chi finì internato, chi morì per non cedere le armi, chi combatté sulle montagne, e tanti altri che non dobbiamo dimenticare . Da leggere, i testimoni stanno sparendo, dobbiamo prendere noi il loro posto.

  • User Icon

    consiglia

    14/05/2020 19:14:00

    un bel libro sul martirio. molto bello, in cui il sacrificio prevale

  • User Icon

    Esposito Francesca

    05/04/2020 16:29:13

    Bellissimo

  • User Icon

    n.d.

    22/06/2019 12:39:13

    bellissimo libro. carattere storico narrativo

  • User Icon

    Alessandra

    22/09/2018 14:35:16

    Testo interessante anche se un po' frammentato, utile soprattutto per ricordare che la Resistenza non è stata solo un fenomeno rosso e che anche oggi non deve essere celebrata esclusivamente da una parte politica

  • User Icon

    Luca Taj

    25/04/2016 06:42:04

    Mi è molto piaciuto questo libro del giornalista del Corriere della Sera, Aldo Cazzullo. Forse le storie raccontate sono troppe e ci si perde un po' ma, alla fine del libro, si resta con la sensazione di aver abbracciato il periodo storico della Resistenza dal un punto di vista originale dei tanti piccoli racconti. Lo stile della scrittura è notevole (ma basta leggere anche i suoi articoli sul Corriere on line per apprezzarlo. Mi sono molto piaciuti il num. 10 "Vi accompagno io davanti al Signore" e il numero 16 "Impiccateli tutti, anche i bambini". Struggenti. Luca Tajani-lettore

  • User Icon

    Giamba

    04/11/2015 17:33:44

    Racconti frammentari della Resistenza che danno però l'idea della varietà del fenomeno che spesso è stato invece interpretato da una storiografia monocolore.

  • User Icon

    emanuele

    02/08/2015 08:09:53

    Argomento molto interessante ma a mio parere sviluppato un po' male... troppi nomi e troppe storie poco sviluppate... forse era il caso di riportare meno episodi e svilupparli di più... a tratti, si leggono lunghi elenchi di nomi che finiscono con l'annoiare...

  • User Icon

    Hyeronimus52

    09/07/2015 14:38:42

    Un libro commovente che tutti dovrebbero leggere per sapere, per non dimenticare, per capire: pensare oggi che quegli italiani che vissero con coraggio e abnegazione gli anni bui della guerra civile abbiano rappresentato una generazione unica e irripetibile della genia italiana è semplicistico e limitativo perché basterebbe ricordare quanti altri italiani si macchiarono insieme alle "bestie" tedesche delle più vergognose azioni nei confronti dei loro fratelli in armi e della popolazione inerme e indifesa per comprendere come un popolo possa essere nello stesso tempo il migliore e il peggiore del mondo

  • User Icon

    gianni

    27/05/2015 15:11:45

    La tesi centrale del libro è moralmente necessaria: il torto settant'anni fa era solo da una parte e chi oggi condanna o tenta di minare la Resistenza come valore irrinunciabile della Repubblica (certi di titoli di taluni quotidiani lo scorso 25 aprile erano, a questo proposito, per lo meno disgustosi) o è in malafede, o è un ignorante, o afferma (forse senza saperlo, e questo lo fa rientrare di diritto nella seconda casistica) di essere dalla parte di Hitler. L'equazione (falsa politicamente, storicamente e sul piano logico) che tanti successi ha mietuto negli ultimi vent'anni secondo cui antifascismo=stalinismo viene mostrata nel libro di Cazzullo in tutta la sua pericolosissima ridicolaggine.

  • User Icon

    claudio

    24/04/2015 21:51:22

    Dopo i nonni della prima guerra mondiale, Cazzullo ci racconta i genitori della seconda. Gli uomini e le donne che resistettero in qualche maniera all'invasore nazista. Fu guerra civile, ma anche guerra di liberazione, guerra di popolo a cui parteciparono militari e civili, religiosi e politici, giovani e anziani. Purtroppo ci furono anche delle esagerazioni, ma non si può dimenticare gli eccidi nazifascisti di quasi due anni contro la popolazione inerme.

  • User Icon

    Simo

    24/04/2015 10:18:51

    Uno di quei libri che bisogna leggere. Gli italiano hanno la memoria breve, invece bisogna sempre ricordarsi chi siamo, da dove veniamo e chi ci ha permesso di essere qui.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente



«Possa il mio sangue servire per ricostruire l’unità italiana e per riportare la nostra terra a essere onorata e stimata nel mondo intero».
Capitano Franco Balbis, decorato a El Alamein e fucilato dai fascisti il 5 aprile 1944

Cazzullo scrive – a ragione – che la Resistenza non è il patrimonio di una fazione, ma il patrimonio di una Nazione.
In Italia non è facile parlare di Resistenza: è uno di quegli accadimenti storici ancora troppo vicini, che dividono gli animi e portano a schierarsi ideologicamente, furiosamente e ciecamente.
L’autore de La guerra dei nostri nonni non cade in questa trappola, e ci incoraggia a seguirlo: questo è un libro prezioso, in cui vengono raccolte testimonianze vere, in cui non c’è ideologia, in cui si presentano i fatti così come sono stati, in cui emergono nitidamente ritratti di giovani, di donne, di ufficiali dei Carabinieri, di suore, di anziani, di parroci, di partigiani comunisti e cattolici, di contadini e intellettuali.
Tutti accomunati dalla stessa necessità: la libertà dell’Italia, e dei loro figli. Persone che hanno combattuto in tempi bui, in cui per una parola sbagliata si rischiava una fucilata, in cui per uno sguardo di traverso si veniva picchiati, in cui le fedi delle vedove venivano fuse “per la Patria” e il futuro dei bambini era con i tedeschi o con i partigiani. Non c’era la possibilità di scostarsi: o da una parte o dall’altra.
Quando si chiude Possa il mio sangue servire, non si è più le stesse persone di prima: bene scrive Cazzullo nella dedica, che è anche una chiusa meravigliosa “A Francesco e ai ragazzi della sua generazione perché sappiano quanto sangue è costata la loro libertà”.


I. Il testamento del capitano Balbis
II. «Non mi avrete mai»
III. 8 settembre: la vergogna e il riscatto
IV. Cefalonia: la prima Resistenza
V. «Viva la libertà per tutti»
VI. La Resistenza del Sud
VII. «Arrestate quelle suore»
VIII. La lista di Andreatta e il diario di Guareschi
IX. Lettere d'amore
X. «Vi accompagno io davanti al Signore»
XI. Roma liberata
XII. Le mogli dei carabinieri
XIII. Anna Maria Enriques e la battaglia di Firenze
XIV. Massacri e massacratori
XV. Il partigiano Fenoglio
XVI. «Impiccateli tutti, anche i ragazzini»
XVII. La paracadutista
XVIII. La Resistenza dei cattolici
XIX. Comunisti patrioti
XX. Il partigiano Sogno
XXI. La Resistenza degli alpini
XXII. La persecuzione degli ebrei
XXIII. La seconda battaglia di Legnano
XXIV. Il 25 aprile
XXV. Conclusione

Spoon River su Facebook

Ringraziamenti
Bibliografia
  • Aldo Cazzullo Cover

    Giornalista italiano. Dopo quindici anni a "La Stampa" di Torino, dal 2003 è inviato speciale ed editorialista del "Corriere della Sera". Ha raccontato le Olimpiadi di Atene e di Pechino, gli attentati dell'11 settembre, il G8 di Genova, gli omicidi di Massimo D'Antona e Marco Biagi ad opera delle Brigate Rosse.Tra i suoi libri, pubblicati da Mondadori e incentrati in gran parte sul tema dell'identità nazionale, ricordiamo: Ragazzi di via Po (1997), I ragazzi che volevano fare la rivoluzione (1998), Il caso Sofri (2004), I grandi vecchi (2006), Outlet Italia. Viaggio nel paese in svendita (2007), L'Italia de noantri. Come siamo diventati tutti meridionali (2009), Viva l'Italia! Risorgimento e Resistenza: perché dobbiamo essere orgogliosi della nostra nazione (2010), La... Approfondisci
Note legali