Traduttore: V. Mingiardi
Editore: BEAT
Collana: BEAT
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 217 p., Brossura
  • EAN: 9788865591888
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manus78

    11/01/2017 10:28:00

    Libro che non ha prodotto l'impatto emotivo che mi sarei aspettata,visto l'argomento trattato. Forse a causa dello stile troppo elementare,quasi infantile:personalmente mi ha infastidito l'uso,per molte pagine,della seconda persona al posto della prima. Poi:perchè una traduzione dall'inglese anzichè direttamente dal coreano?!

  • User Icon

    Federica

    02/09/2014 09:40:15

    Bellissima opera. Il linguaggio con cui e' narrata e' originale, se si supera lo scoglio dell'uso della terza persona singolare la lettura diventa anche scorrevole. Le famiglie sono uguali in tutto il mondo, con gli stessi problemi di incomunicabilita', egoismo e lo stesso amore, dedizione, attaccamento. Induce a ripensare tutti i propri rapporti familiari.

  • User Icon

    Pupottina

    30/03/2014 14:48:53

    "Cosa stavo facendo quando mamma è rimasta sola su quel marciapiede sconosciuto, quando non è riuscita a salire sul treno con papà?" E' un dramma familiare che inizia con la scomparsa della madre. È un romanzo impegnativo che descrive come la vita adulta e lavorativa abbia, progressivamente, fatto perdere al nucleo familiare la sua stabilità, unità, il suo "calore". L'elemento aggregante era proprio lei, la madre. Ognuno dovrà superare il senso di colpa, il profondo rimorso, per il progressivo abbandono. È un libro che apre grandi riflessioni su come ciascuno di noi vive la famiglia e su quale tipo di rapporto si instaura con chi ci ha dato la vita.

  • User Icon

    Tilde

    04/11/2013 22:35:42

    Libro a tratti noioso e ripetitivo, se però si riesce ad superare la fase iniziale dopo si scopre un racconto interessante e più profondo nelle dinamiche dei sentimenti familiari, tra emozione negate o date per scontate e rimorsi per quello che non si è detto o non si è fatto, o lo si è detto o fatto male. E'la tragedia dei sentimenti umani e dell'incomunicabilità che sembra essere uguale in qualsiasi parte del mondo.

  • User Icon

    KO

    25/10/2012 11:12:49

    "Prenditi cura di lei", un libro universale anche se ambientato a Seul; se il cibo descritto non fosse orientale, la mamma smarrita alla stazione della metropolitana potrebbe essere la nostra, i pensieri e i rimorsi pure. Un libro che ti fa sentire figlio, anche quando sei genitore, e ti mette di fronte alle responsabilità. Bello e scritto bene. Mi è dispiaciuto che,quando l'autrice parla di Roma, ne metta in luce aspetti non proprio edificanti, ma tant'è. Se questa è stata la sua esperienza? Speriamo che in un suo prossimo viaggio la nostra capitale faccia ammenda. Ottima la traduzione.

  • User Icon

    francesco

    06/09/2012 11:24:36

    Romanzo delicatissimo con dei protagonisti indimenticabili. Stupenda la figura della madre.

  • User Icon

    stefano

    15/04/2012 18:11:26

    Colpito..si, sono rimasto colpito da questo bel romanzo..delicatissimo...una storia dolcissima sulla mamma..sempre presente,sempre indaffarata, ma questo suo moto perpetuo è invisibile ai famigliari,lei è la mamma,la moglie, lo deve fare ..ma quando improvvisamente questa si perde alla stazione di Seul,i figli e il marito riflettono su questa mancanza...mi è molto piaciuta anche la descrizione che l'autrice fa, della pietà di Michelangelo,molto intensa...bel libro..mi ha fatto commuovere....consigliato

  • User Icon

    M.T.

    01/02/2012 11:38:50

    Una storia che sembrerebbe noiosa e ripetitiva diventa l'occasione, per una intera famiglia, di riaccendere la memoria dell'importanza delle piccole cose e dei semplici gesti che illuminano ogni giornata. E viene fuori la consapevolezza delle occasioni mancate per far capire a una madre-moglie l'importanza della sua presenza.

  • User Icon

    Alessandra

    19/01/2012 20:49:35

    Scrivo solo che se fosse possibile darei voto 10! la scelta di una donna di donarsi completamente alla famiglia e l'analisi dei legami familiari, merita di essere letto da tutti!!!

  • User Icon

    Brunella

    29/12/2011 11:25:55

    Non mi è piaciuto e non l'ho finito. La storia sarà anche emozionante e toccante dal punto di vista umano, ma per come è stato scritto questo romanzo non mi ha trasmesso nulla se non una trama ripetitiva e pesante.

  • User Icon

    mara regonaschi

    03/11/2011 09:39:12

    meravigliosa riflessione sul mistero di essere madre, sulla particolare e irreplicabile prospettiva da cui origina la visione di madre e moglie di ciascun familiare. La sua scomparsa improvvisa e ingiustificabile, stimola per la prima volta il confronto fra i figli, volto a delineare dei tratti condivisi di questa persona, alla quale si devono vita, esperienze, valori, crescita. Ma si scopre sorprendentemente che poco si sa su di lei, sulla sua vita, ma soprattutto sulle sue passioni e sui suoi desideri: ne avrà avuti pure lei, malgrado abbia dovuto affrontare tutta sola povertà e tristezze, subendo il proprio destino, ma vivendo la propria esistenza al meglio delle sue capacità, dedicandosi anima e corpo a quel tipo di vita. Solo ora i figli scoprono l'esigenza di capirla, di scoltarla, di consolarla e rispettarla.

  • User Icon

    alessia

    13/09/2011 11:17:59

    Molto bello, anche se a tratti un pò dispersivo e ripetitivo!!! Sicuramente fa riflettere sul ruolo di madre, spesso sottovalutato e sull'amore incondizionato che ogni madre sa dare.....

  • User Icon

    claudio

    27/07/2011 08:24:14

    Veramente bello. All'inizio non si riesce a capire molto, con tutti nomi coreani, ma pian piano si comprende il racconto. E' diviso in quattro parti più un epilogo: la prima è rivolta alla figlia maggiore, la scrittrice, la seconda è del figlio maggiore, quello su cui la madre ha sempre puntato, la terza è del marito che è stato assente per molta parte della vita della donna, la quarta è proprio della donna scomparsa che riepiloga un po' tutta la sua vita. L'epilogo si svolge a Roma, davanti alla Pietà di Michelangelo dove la figlia maggiore chiede alla Madonna di prendersi cura di sua madre. Una donna che nessuno conosceva, vissuta durante e dopo la guerra coreana, vissuta in povertà fino a quando i figli sono diventati grandi e hanno fatto "fortuna". In questa donna si possono benissimo trovare nostre donne -penso a mia mamma di dieci anni di più- che hanno vissuto una vita completamente diversa dalla nostra, sconosciuta direi ai più. Da leggere e consigliare.

  • User Icon

    Francesca

    12/07/2011 12:34:28

    Assolutamente da leggere,scrittura poetica ed evocativa. Ho amato molto questo libro che fa riflettere sul ruolo spesso scontato di una madre, mi sono commossa sia in quanto figlia sia in quanto neo-mamma. Consigliatissimo

  • User Icon

    Giovanni

    14/06/2011 21:30:06

    Con la scomparsa della madre scompiono i valori della cura dell'altro, del sacrificio altruistico e del valore del rapporto tra familiari. Marito, figlio e figlia non solo non sanno dove sia la madre ma neanche chi sia, ogniuno la dipinge in maniera diversa e non mancheranno le sorprese al suo ritrovamento. Non esiste una fine ben definita perchè l'autrice ritiene che: "la letteratura non deve offrire risposte ma stimolare la curiosità e le riflessioni da che legge"

  • User Icon

    Mariagrazia

    13/06/2011 21:38:19

    E' scritto veramente bene, punta sui sentimenti senza essere stucchevole e senza idealizzare. L'autrice narra trattando i personaggi come se fossero in un caledoscopio o come se seguisse lentamente le sfaccettature di un diamante. Merita proprio di essere letto.

  • User Icon

    glumy

    06/06/2011 15:03:25

    Straordinario. Una storia commuovente e a tratti surreale che fa riflettere sui valori della famiglia e del meraviglioso e tanto scontato ruolo della madre. Ambientato nei sobborghi di Seul, una famiglia, è costretta a riunirsi e ad allearsi, dopo molto tempo, per cercare di ritrovare la madre scomparsa. Inizierà un viaggio interiore, colmo di ricordi che si riaffacceranno nelle menti di ogni singola persona entrata in contatto con questa donna scomparsa. Figli, parenti e conoscenti. La scrittrice usa un curioso metodo narrante capace di immedesimare il lettore in ogni singolo personaggio.

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione