Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Prepariamoci a vivere in un mondo con meno risorse, meno energia, meno abbondanza... e forse più felicità
13,30 € 14,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+130 punti Effe
-5% 14,00 € 13,30 €
Disp. immediata Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
7,70 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Libro di Faccia
10,30 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,70 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Libro di Faccia
10,30 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi
Prepariamoci a vivere in un mondo con meno risorse, meno energia, meno abbondanza... e forse più felicità - Luca Mercalli - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Mai tante crisi tutte insieme: clima, ambiente, energia, risorse naturali, cibo, rifiuti, economia. Eppure la minaccia della catastrofe non fa paura a nessuno. Come fare? Ci vuole una nuova intelligenza collettiva. Stop a dibattiti tra politici disinformati o in conflitto d'interessi. Se aspettiamo loro sarà troppo tardi, se ci arrangiamo da soli sarà troppo poco, ma se lavoriamo insieme possiamo davvero cambiare. L'autore racconta il suo percorso verso la resilienza, ovvero la capacità di affrontare serenamente un futuro più incerto, e indica il programma politico che voterebbe. Il cambiamento deve partire dalle nostre case (più coibentate), dalle nostre abitudini, più sane ed economiche (dal consumo d'acqua ai trasporti, dai rifiuti alle energie rinnovabili, dall'orto all'impegno civile). Oggi non possiamo più aspettarci soluzioni miracolistiche: meglio dunque tenere il cervello sempre acceso, le luci solo quando servono.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2011
26 maggio 2011
205 p., Brossura
9788861900127

Valutazioni e recensioni

4,91/5
Recensioni: 5/5
(11)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
mandarino occidentale
Recensioni: 5/5

Ho riletto il libro in questi giorni di ferie e ne sono rimasto ancora impressionato. Ho dei dubbi quanto penso al capitale di partenza necessario per "sistemare" la casa modello Mercalli (dato che sono già impiccato col mutuo) e il suo elenco di cose inutili cui rinunciare lo applico da venti anni...ma ha maledettamente ragione. Penso solo alla follia del settore costruzioni, con le strade tra Cremona e Brescia cementificate a forza di capannoni costruiti da gente senza soldi (con prestiti bancari) senza sapere a chi rivenderli ma dando per certo che qualcuno li avrebbe comprati (con altri prestiti bancari) per farci prodotti con cui ingozzare gente che avrebbe comprato pagando con carte di credito revolving...oggi tutto questo è fermo ed è un disastro ma temo la follia di chi vuol far ripartire la dea "crescita". Mercalli ha ragioni non da vendere ma da regalare, da regalare a tutti quelli che non vogliono chiudere gli occhi di fronte ad una pretesa di crescita esponenziale senza fine. Meglio capire almeno da ora che la crescita che non c'è è una fortuna e non una iattura e cominciare a lavore per il benessere in un'ottica diversa da quella, palesemente fallimentare degli ultimi 30 anni.

Leggi di più Leggi di meno
Laura
Recensioni: 5/5

Parole semplici e grande competenza, le sue esperienze di risparmio delle risorse, dall'acqua al calore,alla rinuncia ai mille piccoli capricci, fanno capire che basta davvero poco per riscoprire i veri valori della felicità. Le citazioni sono tante, ma non danno la sensazione di snobismo, ci ricordano invece che l'uomo si rifiuta di sentire il grido di dolore delle terra, di vedere che la sta distruggendo e con essa se stesso, perchè "Chi crede che una crescita esponenziale possa durare all'infinito in un mondo finito è un pazzo oppure un economista" parole di Kenneth E. Boulding già nel 1966, o ancora di Seneca, lì a ricordare che "Sarebbe già un conforto per la nostra debolezza se tutto perisse con la stessa lentezza con cui si è formato. Invece la crescita è lenta, la rovina è rapida." Così scriveva a Lucillo, e forse senza saperlo anche a noi, Luca Mercalli per fortuna ce lo fa notare e suggerisce di fare qualcosa invece di parlare e lamentarsi, perchè da soli sarà poco ma coinvolgendo amici e conoscenti possiamo sperare di avere ancora un futuro: migliore? Più felice? Chissà, ma provate a piantare due fragole sul balcone, o i pomodori e con poca fatica... che soffisfazione. E poi ricordarsi di prendersi del tempo, per se stessi e per le relazioni sociali. Suggerimenti non da poco e... a impatto zero.

Leggi di più Leggi di meno
Massimo
Recensioni: 5/5

Intelligenti, illuminanti riflessioni sul mondo passato, attuale e che verrà. Nozioni semplici alla portata anche dei non-iniziati per imparare a vivere in modo ecologicamente corretto. Un ottimo libro.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,91/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

La recensione di IBS

Finalista Premio Bancarella 2012
E se la crisi del 2008 rappresentasse qualcosa di molto più radicale di una profonda depressione? E se ci stesse dicendo che l'intero modello basato sulla crescita che abbiamo creato negli ultimi cinquant'anni è semplicemente insostenibile economicamente ed ecologicamente e che il 2008 è stato quando abbiamo sbattuto contro il muro, quando madre natura e il mercato hanno entrambi detto "basta così"?
Il meteorologo di “Che tempo che fa” mette tutto nero su bianco. Non si tratta però delle nubi cariche di pioggia sullo sfondo di un cielo terso, sia chiaro: Mercalli ha messo per iscritto le sue considerazioni sulle crisi profondissime in atto, e suggerisce idee per prepararsi a “… vivere in un mondo con meno risorse, meno energia e meno abbondanza”.
Quanto alla possibile “più felicità” cui si fa riferimento nel sottotitolo del libro, dipenderà da noi cittadini, e dalla capacità di resilienza che sapremo dimostrare.
Resilienza, come ci spiega lo stesso Mercalli, è la proprietà di assorbire un trauma senza collassare, e sapersi adattare alle nuove condizioni di vita che cambiamenti drammatici impongono. Nel libro pubblicato da Chiarelettere, il presidente della Società meteorologica italiana traccia infatti un quadro a tinte fosche di quel che sta accadendo: il collasso imminente, riassume Mercalli è visibile in molti segni che ci ostiniamo a non voler vedere, e il nostro attuale mantenimento di uno stile di vita al di sopra delle nostre possibilità somiglia molto al “camminare bendati in un campo minato”.
Siamo ancora in tempo, ma i margini si riducono ogni giorno, e tutte le risorse che dovremmo impiegare per prepararci ad un mondo più “sobrio” (sì, è un eufemismo) vengono allegramente sperperate nel tentativo di arroccarsi su privilegi che sono già retaggio di un’epoca passata.
Cominciamo dalle nostre case, suggerisce Mercalli. Basta con i boiler elettrici o a gas, passiamo ai pannelli solari. Coibentiamo bene le case, isoliamole termicamente in modo da evitare dispersioni costose. Capitalizziamo l’esposizione a sud, dove possibile, e insomma facciamo di tutto perché l’energia non vada sprecata, e sia il più possibile utile.
Facile a dirsi, direte voi. Però Mercalli può predicare bene perché benissimo ha razzolato, e quando enumera tutte le soluzioni da lui adottate perché la sua casa in Val di Susa risultasse un gioiellino di efficienza energetica, ci viene da chiederci “perché io non l’ho ancora fatto?”. Si tratta di cambiare mentalità, e cominciare a considerare importanti tante cose alle quali non prestiamo attenzione. Possiamo frenare questa corsa disperata verso l’autodistruzione solamente smettendo di delegare alla politica un’inversione di tendenza che dalla politica non sembra venire. Siamo noi a dettare l’agenda, e ci conviene farci piacere l’avventura di trovare vie nuove al benessere (mai pensato di fare un orticello sul balcone?) il più in fretta possibile.
Il libro è ricco di riferimenti sempre accessibili, e pesca da un repertorio che – si vede molto bene – Mercalli conosce in profondità.
Non è una “cassandrata”, ma il risultato di un’attenta analisi della situazione, condotta con piglio serio e competente, voce pacata ma ferma, e un po’ d’ironia a punteggiare qua e là riflessioni tanto urgenti e attuali. Proprio come quando un meteorologo annuncia che il tempo sta per cambiare.

A cura di Wuz.it

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Luca Mercalli

1966, Torino

Inzia prestissimo ad interessarsi di meteorologia: nel suo libro Filosofia delle nuvole, racconta di aver costretto la famiglia a un viaggio fino a Ginevra per trovare alcuni libri di meteorologia che in Italia non erano reperibili. Consegue (a pieni voti) l'attestato di Cultura aeronautica in Meteorologia rilasciato dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare, ed effettua successivamente il servizio di leva in qualità di "previsore valanghe" presso il Meteomont della Brigata Alpina Taurinense.Vive in Val di Susa, prestando particolare attenzione alla riduzione dell'impatto ecologico:  fa una differenziazione particolarmente attenta dei rifiuti, coltiva l'orto e frequenta le biblioteche. Casa sua è...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore