Prequelle

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Ghost
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Caroline
Data di pubblicazione: 1 giugno 2018
  • EAN: 0888072053885

€ 26,50

Punti Premium: 27

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Edizione in vinile Standard.
GHOST pubblicano il loro quarto sacro salmo, il nuovo album "Prequelle" esce per Spinefarm / Loma Vista Recordings. I fan della band si sono chiesti per anni chi ci fosse dietro alle maschere dei Ghost fino a quando Tobias Forge ha rivelato di essere la mente della band svedese. Ogni album potrebbe essere visto più come un’uscita cinematografica che un disco e Tobias oltre ad essere il regista è anche il supervisore del progetto coordinando il tutto, dalla sceneggiatura dei video alla colonna sonora, dal design delle divise di scena all’artwork.
Come sempre in casa Ghost ad ogni nuova uscita discografica si assiste al “cambio della guardia” del sacro cantante e questa volta, al posto di Papa Emeritus III, c’è Cardinal Copia.
Dal punto di vista lirico "Prequelle" parla di malessere, apocalisse e oscurità e l'intero lavoro è l’immagine del mondo in cui viviamo ogni giorno raccontato e portato in vita con una manciata di canzoni emotive, illuminante e avvincenti.
Disco 1
1
Ashes
2
Rats
3
Faith
4
See The Light
5
Miasma
6
Dance Macabre
7
Pro Memoria
8
Witch Image
9
Helvetesfonster
10
Life Eternal
3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ilgrattadischi.com

    24/06/2018 08:09:45

    Prima di queste ultime settimane mi ero sempre rifiutato di dare chanches ai Ghost, ritendoli dei geni del marketing ruffiani e superbuffoni. Con questo disco, però, ho capito che si può anche rivolgere tutti questi aggettivi apparentemente negativi in positivo: la band abbandona qualunque velleità 'occulta' per dedicarsi a un hard rock melodico che ricorda da vicino Lordi e altra gente che negli anni ha fatto il botto con classiconi commercialissimi. Non troverete certo una "Hard Rock Halleluja" o una "Would You Love a Monsterman", ma se siete di palato omnicomprensivo non rimarrete indifferenti di fronte alle tamarraggini di "Rats" o della super hit "Dance Macabre". Indubbiamente il mio disco dell'estate, non un capolavoro ma qualcosa con cui ci si può divertire a spaventare le vecchiette e i bambini andando in giro col finestrino abbassato.

Note legali