Prima che gridino le pietre. Manifesto contro il nuovo razzismo - Valentina Furlanetto,Alex Zanotelli - ebook

Prima che gridino le pietre. Manifesto contro il nuovo razzismo

Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 656,98 KB
Pagine della versione a stampa: 150 p.
  • EAN: 9788832961546
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Mi diranno che faccio politica?
La vita di ogni giorno è politica.
Ogni nostra scelta è politica.
Alex Zanotelli


Questo libro racconta il razzismo di ieri e soprattutto di oggi, potente macchina del consenso. Missionario e attivista – da sempre convinto che “Dio è schierato, è il Dio degli oppressi, degli schiavi, dei poveri” –, Alex Zanotelli compone uno scritto politico che non è solo denuncia del presente ma contributo essenziale di conoscenza. È il precipitato di oltre cinquant’anni vissuti fianco a fianco con gli ultimi della terra, prima in Sudan poi in Kenya, in una delle infinite baraccopoli di Nairobi. È sorprendente leggere il racconto della quotidiana distorsione dei fatti, di cui ormai siamo vittime, spesso inconsapevoli. È decisivo restituire una storia ai popoli in fuga, per capire quello che sta succedendo, perché di quella storia siamo responsabili. Ricordando la “santa collera” del pastore luterano Kaj Munk; il Sanctuary Movement che, a partire dagli Stati Uniti, ha trasformato le chiese in rifugi protetti; il primo sciopero dei braccianti africani, guidato dallo studente di ingegneria e lavoratore nei campi Yvan Sagnet, fino all’esperienza di Riace, Zanotelli tira le fila di un’Italia impegnata e rilancia con forza il valore politico della disobbedienza civile.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,43
di 5
Totale 7
5
5
4
1
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alice

    22/09/2019 06:06:20

    Un libro da leggere assolutamente per prendere coscienza di alcune tematiche che ormai dilagano attorno a noi e magari agire di conseguenza.

  • User Icon

    Alessandra

    19/09/2019 19:44:46

    Io lo trovo semplicemente strepitoso. Un’analisi socio politica ( e anche umana ) lucida e veritiera del periodo di decadenza sociale e morale, che tutta la società occidentale sta vivendo. Un testo che tutti dovrebbero leggere.

  • User Icon

    Sandro Gramm. '74

    15/04/2019 10:28:00

    Concordo pienamente con l'opinione di Claudio. Complimenti, ottima analisi storica, sociale e politica da vero libero pensatore privo come me di qualsiasi condizionamento ideologico e religioso. Siamo in pochi, teniamoci forte in questo odioso clima di feroce intolleranza, forse,e spero di no, siamo soltanto all'inizio di una vertiginosa decadenza intellettuale e spirituale che chissà dentro quali nefandezze ci farà sprofondare (un film purtroppo visto e rivisto).

  • User Icon

    Giuseppina

    02/04/2019 21:13:09

    "Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto... " e ancora:"Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. Siamo cristiani? Bene, dobbiamo fare il conto con queste parole. Oppure siamo soltanto degli ipocriti. Alex Zanotelli in questo libro tenta di aprirci gli occhi perché possiamo guardare dentro noi stessi. Ma chi siamo? Cosa stiamo facendo? Proviamo a riflettere sul passato anche recente, sull'egoismo sfrontato che ha sempre caratterizzato le politiche di noi occidentali cosiddetti "civili". Questo libro mi ha emozionata, anche sconvolta, nella parte storica. Certe cose non si insegnano a scuola. Ne ho acquistate alcune copie e le regalerò a persone care, perché riflettano. Lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Claudio

    02/02/2019 18:15:41

    Partendo dal grido di dolore di papa Francesco, Alex Zanotelli spara a palle incatenate contro la Lega di Salvini, contro il razzismo e la cattiveria che questa sta portando avanti e che le dà sempre più consensi. In un paese che si definisce cattolico, non è possibile, dice Zanotelli, che la gerarchia cattolica, i vescovi in primis, non escano con documenti precisi di condanna di questo movimento e delle sue idee. Naturalmente non viene risparmiata nemmeno la politica migratoria dei precedenti governi Pd, ma almeno quelli non avevano la carica di razzismo che ha questo. La disanima di Zanotelli continua con un interessante excursus sulla politica e sulla realtà di molti paesi africani, ricchi di materie prime ma in preda a continue guerre civili, fra massacri e fughe della popolazione. Un libro che fa pensare, che dovrebbe scuotere molte coscienze deboli, tranquille: anche il nazismo e il fascismo nacquero in climi del genere. Infine l'inizio e la fine del libro: una strage d italiani in Francia verso la fine dell'800, quando i migranti eravamo noi, quando -secondo molti-portavamo via il lavoro ai francesi, noi, sporchi, malvestiti, maleducati. E la realtà attuale dell'Italia non è molto diversa, probabilmente anche a causa della martellante propaganda leghista. Dimenticavo: nell'analisi africana vengono chiaramente messi sotto accusa quei paesi che la colonizzarono e la sfruttarono, e fra questi anche la nostra Italia. Ultima cosa: mi aspettavo però anche un atto di accusa verso i sodali di Salvini al governo, quel movimento cinque stelle che, forse per non perdere sempre più terreno nei confronti dell'alleato, segue pedissequamente la politica anti migranti di Salvini.

  • User Icon

    Antonio

    17/12/2018 20:16:08

    Innanzitutto prima di criticare un libro lo si legge, Secondo: vergognamoci. Panzuti, ricchi e al caldo. E i bambini muoiono in mare...tutto per i soldi....vergognamoci.

  • User Icon

    Freedom

    15/12/2018 11:22:42

    Mi pare un testo eccessivamente "schierato", perciò non valutabile del tutto da un semplice lettore come me. Lo dovrebbe leggere chi è già certo delle proprie verità, non chi, come me, cerca di chiarirsi le idee.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Valentina Furlanetto Cover

    Valentina Furlanetto è giornalista di Radio 24 - Il Sole 24 Ore. Si occupa prevalentemente di immigrazione, economia e temi sociali. Ha condotto varie trasmissioni radiofoniche dedicate al mondo del non profit. Tra i libri da lei pubblicati ricordiamo Si fa presto a dire madre (Melampo, 2010) e L’industria della carità. Il volto nascosto della beneficenza (Chiarelettere, 2013 e 2018). Approfondisci
  • Alex Zanotelli Cover

    Missionario comboniano, dal 1965 al 1978 vive in Sudan, dal 1978 al 1987 è direttore della rivista “Nigrizia”, nel 1988 arriva in Kenya e dal 1990 al 2002 vive a Korogocho, baraccopoli di Nairobi, un’esperienza che ha raccontato nel libro autobiografico Korogocho. Alla scuola dei poveri (Feltrinelli 2003). Dall’aprile del 2002 risiede stabilmente in Italia, a Napoli, nel rione Sanità, dove continua la sua battaglia dalla parte dei poveri. Approfondisci
Note legali