Traduttore: M. Rossari
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 07/02/2017
Pagine: 463 p., Brossura
  • EAN: 9788806226435
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 10,80

€ 20,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Kwi

    17/10/2017 12:51:13

    Perfetto per chi soffre di stipsi… Non capisco come un editore quale Einaudi possa pubblicare un libro così insulso. Per fortuna me l’hanno regalato e quindi non ho speso nulla. Leggendo le prime pagine ho pensato di avere in mano un libro interessante, ma poi… Centinaia di pagine noiosissime dove la narrazione si perde in tanti rivoli raccontandoci vita morte e miracoli di personaggi che neppure sono attori della storia, come per il culturista Jack LaLanne! E poi la storia. Un downsizing della tragedia della Germanwings anche citata dall’autore nel libro. Divertente il conduttore-macchietta, Bill Cunningham, che accusa l’unico superstite del disastro aereo di aver provocato la tragedia. Dice: “hai fatto precipitare l’aereo e poi sei scappato!” (sic!) Si tratta di un aereo privato da decine di tonnellate che precipita in picchiata, a 800 km/ora, da un’altezza di 9 mila metri. Non bisogna scomodare Einstein per capire che un impatto con queste caratteristiche genera un’energia tale da ridurre in coriandoli l’aereo e i suoi passeggeri. E scappare…dove? Se ci si trova in mezzo all’Atlantico a chilometri dalla terraferma. Come se si fosse trattato di un’Ape Piaggio che sbatte contro un marciapiede e sbalza fuori il conducente. E poi il finale…Proprio come le serie televisive la puntata finisce all’improvviso come se l’autore si fosse così annoiato a scrivere che disgustato ha deciso di finirla con un THE END anticipato. Forse il mio giudizio è condizionato dal fatto che ho preso il mano il libro di Hawley dopo aver terminato di leggere Ninfee Nere di Bussi, un libro geniale, articolato e strutturato con gran classe. È come se fossi passato da vedere partite di Champions League a partite tra scapoli e ammogliati. Prima di cadere è un libro di 460 pagine. Se ne togliamo duecento in mezzo e ne aggiungiamo una trentina dopo l'ultima pagina, per dare senso al finale, forse si può anche leggere. Sempre in bagno.

  • User Icon

    Francesco G.

    09/09/2017 15:48:27

    Una vicenda umana misteriosa, un giallo dove i segreti familiari tessono una trama avvincente. Notevole.

  • User Icon

    Pat

    23/07/2017 11:00:50

    Una nota per chi recensisce: bisognerebbe che il numero delle stelline fosse congruente con la valutazione del lettore.... Che dire di questo romanzo? Poteva essere un racconto (20 pagine?) Tra la parte iniziale (lunga nuotata notturna nel mare) e il finale (che cosa era successo sull'aereo "prima di cadere ") ci sono pagine e pagine pronte ad annoiarti. Sconsiglio vivamente la lettura.

  • User Icon

    Marco

    21/06/2017 12:07:25

    Cosa dire ... dall'autore di una serie tv come FARGO ci si aspetta un opera degna di nota dove fantasia e fluttuanti colpi di scena attenagliano il lettore ... ma , ahimè, la reatà del post lettura ... porta questo libro nel territorio della mediocrità, se non della banalità. Peccato!

  • User Icon

    Carol

    02/04/2017 16:30:09

    Non sono una lettrice di thriller, ma di questo mi avevano incuriosito le recensioni. Una storia ben costruita, che parte bene, poi verso la metà diventa un po' scontata e già si intuisce chi è il "colpevole". Non c'è tensione né troppi colpi di scena e alcune situazioni sono un po' forzate. Attenzione spoiler: praticamente ha ripreso la storia del copilota della Germanwings (tra l'altro citato nel testo). Vista la fama di cui gode questo sceneggiatore-scrittore poteva anche inventare un'altra causa per la caduta dell'aereo.

  • User Icon

    Marcello Avigo

    11/03/2017 17:45:31

    Bell'inizio poi la noia. Sinceramente mi ha deluso.

  • User Icon

    Michela M.

    06/03/2017 19:34:12

    Una narrazione travolgente dalla prima all'ultima pagina, un thriller che è anche un ritratto della società contemporanea inaspettato, tra alta finanza, televisione, mondo dell'arte. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Luca Cigolotti

    27/02/2017 20:56:51

    Personaggi stereotipati, idea di fondo interessante ma svolta noiosamente. Libro da autogrill. (Con rispetto per gli autogrill).

  • User Icon

    Carlo M.

    13/02/2017 10:30:12

    Non e' un thriller, ma e' leggibilissimo, ti spinge a consumarlo subito. Clima stile 'Fargo', ma intelligente. Speriamo scriva ancora.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
Le prime righe del romanzo

Un aereo privato è fermo su una pista dell’isola di Martha’s Vineyard, con la scaletta anteriore abbassata. È un Ospry 700SL a nove posti, costruito nel 2001 a Wichita, in Kansas. A chi appartenga, è difficile dirlo con certezza. Sul certificato di proprietà risulta una holding olandese con domicilio fiscale alle isole Cayman, ma il logo sulla fusoliera recita GULLWING AIR. Il pilota, James Melody, è inglese.
Charlie Busch, il copilota, è nato a Odessa, in Texas. L’assistente di volo, Emma Lightner, è nata a Mannheim, in Germania, figlia di un tenente dell’aviazione americana e della sua giovane moglie. Si sono trasferiti a San Diego quando Emma aveva nove anni.
Ognuno ha il suo percorso. Le scelte che ha fatto. Come mai due persone a caso finiscano nello stesso posto nello stesso istante è un mistero. Entri in ascensore con una decina di sconosciuti. Prendi l’autobus, fai la fila per andare al bagno. Accade tutti i giorni. Provare a prevedere i posti dove andremo e la gente che conosceremo sarebbe inutile.
Dal portello aperto arriva un soffuso bagliore alogeno. Non ha niente a che vedere con il freddo luccichio fluorescente che si trova sui voli di linea. Fra due settimane, in un’intervista al «New York Magazine», Scott Burroughs dirà che la cosa piú sorprendente del suo primo viaggio su un jet privato non è stato lo spazio per le gambe o il bar fornitissimo, ma il fatto che l’arredamento sembrasse personalizzato: come se, raggiunto un certo reddito, viaggiare in aereo fosse soltanto un modo come un altro per restare a casa.
È una serata mite, trenta gradi con un vento leggero che soffia da sudovest. L’orario di partenza previsto sono le dieci della sera. Nelle ultime tre ore, è salita una spessa nebbia lungo la costa, con volute di un bianco denso che strisciano sull’asfalto della pista illuminata a giorno.
La famiglia Bateman, a bordo della Range Rover che tengono sull’isola, è la prima ad arrivare: il padre David, la madre Maggie e i loro due figli, Rachel e JJ. È fine agosto e Maggie è rimasta a Martha’s Vineyard con i ragazzi per tutto il mese, mentre David li ha raggiunti in aereo da New York per il weekend. Non è facile per lui assentarsi piú a lungo, anche se gli piacerebbe. Lavora nell’intrattenimento, perché ormai nel suo ambiente è cosí che i colleghi chiamano le news televisive. Un circo equestre di informazioni e opinioni.
È un uomo alto con una voce che al telefono intimidisce. Gli estranei, quando fanno la sua conoscenza, spesso restano colpiti dalla dimensione delle sue mani. Il figlio, JJ, si è addormentato in macchina, e mentre gli altri s’incamminano verso l’aereo David si infila nel sedile posteriore e lo solleva con delicatezza, reggendolo con un braccio. D’istinto il bambino, con il viso stravolto dal sonno, cinge il collo del padre. Il tepore del suo fiato manda a David un brivido lungo la spina dorsale. Sente le ossa del bacino di suo figlio nel palmo della mano, i due pioli delle gambe contro il fianco. A quattro anni, JJ è abbastanza grande da sapere che la gente muore, ma è ancora troppo piccolo per rendersi conto che un giorno capiterà anche a lui. David e Maggie lo chiamano «l’invenzione del moto perpetuo», perché davvero non sta mai fermo un attimo. A tre anni, JJ comunicava quasi solo con un verso da dinosauro. Adesso è il re dell’interruzione, passa al setaccio ogni parola che loro dicono con pazienza apparentemente infinita, finché non ha ottenuto una risposta o non gli hanno ordinato di stare zitto.
David chiude la portiera dell’auto con una pedata, con il peso del figlio che lo sbilancia appena. Regge il telefono contro l’orecchio con l’altra mano.
– Digli che se gli scappa anche solo una parola su questa storia, – mormora senza alzare la voce, per non svegliare il bambino, – lo trasciniamo in tribunale. Ne avrà fin sopra i capelli, degli avvocati.
A cinquantasei anni, David porta un solido strato di ciccia intorno al corpo come un giubbotto antiproiettile. Ha il mento prominente e una folta chioma. Negli anni Novanta si è fatto un nome come spin doctor – governatori, senatori e un presidente che è rimasto per due mandati – ma nel 2000 s’è ritirato per aprire una società di lobbying in K Street. Due anni dopo, un vecchio miliardario l’ha contattato con l’idea di aprire un canale di news ventiquattr’ore su ventiquattro. Tredici anni e tredici miliardi di fatturato piú tardi, David ha un ufficio all’ultimo piano con un vetro a prova di bomba e la possibilità di usare il jet aziendale.
Non riesce a vedere i figli quanto vorrebbe. David e Maggie sono d’accordo, anche se litigano di continuo al riguardo. Tradotto: lei tira fuori l’argomento e lui si mette sulla difensiva, anche se in cuor suo la pensa come lei. Ma in fondo che cos’è il matrimonio se non proprio questo: due persone che litigano per il diritto di proprietà sullo stesso metro quadro?
Ora, lí in pista, arriva una raffica di vento. David, ancora al telefono, lancia un’occhiata a Maggie e sorride, e il sorriso dice: «Sono felice di essere qui con te». Dice: «Ti amo». Ma dice anche: «Lo so che sto facendo l’ennesima telefonata di lavoro, però ho bisogno che tu non me lo faccia pesare». Dice: «Quello che conta è che sono qui, e che siamo tutti insieme».
È un sorriso di scuse, ma c’è anche qualcosa di gelido.
Maggie ricambia, solo che il suo sorriso è piú frettoloso, piú triste. La verità è che lei non riesce piú a capire se è in grado di perdonarlo o no.
Sono sposati da meno di dieci anni. Maggie ne ha trentasei, ex maestra d’asilo, la ragazza carina per cui tutti i bambini hanno una cotta prima ancora di capire che cosa voglia dire: una fissazione per i seni, condivisa dai marmocchi e dagli adolescenti. Maestra Maggie, come la chiamavano, era allegra e amorevole. Arrivava di prima mattina, già alle sei e mezza, per sistemare le cose. Poi si fermava fino a tardi per buttare giú delle schede sui bimbi e preparare le lezioni. Maestra Maggie era una ventiseienne di Piedmont, in California, e amava insegnare. L’amava davvero. Era il primo adulto a prendere sul serio quei treenni, a prestare ascolto a quello che avevano da dire e a farli sentire importanti.