Prima di Machiavelli. Politica e cultura in età umanistica

Davide Canfora

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Laterza
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 6 ottobre 2005
Pagine: XI-177 p., Brossura
  • EAN: 9788842077862
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 10,80

€ 20,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La letteratura politica di età umanistica si presenta agli occhi del lettore moderno come una ricca 'enciclopedia' di voci diverse, in cui convivono - alle soglie della modernità - slancio laico e recupero degli antichi, entusiasmo repubblicano, denuncia dei soprusi del potere, accondiscendenza cortigiana. Davide Canfora insegna Filologia italiana all'Università di Bari.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesco Villani

    06/07/2006 12:11:11

    Il saggio di Canfora è un esempio di saggistica di altissimo livello, un libro esemplare per chiarezza, precisione e ampiezza nell'informazione. Lo consiglio vivamente anche a chi non ha interessi specificamente rinascimentali.

Dedicando il suo libro ai rapporti fra Machiavelli e la letteratura politica che lo ha preceduto ma anche a un panorama delle ideologie quattrocentesche Davide Canfora riprende su nuove basi la discussione sulle fonti del Principe e dei Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio. I grandi temi machiavelliani della repubblica e del principato della dittatura e della tirannide appaiono così legati al ben noto filone fiorentino e “civile” che da Dante giunge a Salutati a Bruni al dibattito umanistico su Scipione e Cesare. L'autore tuttavia trasforma ogni volta lo studio delle fonti in una ricerca più ampia individuando le linee di sviluppo dell'intero pensiero politico quattrocentesco. Particolarmente stimolante è il capitolo dedicato agli umanisti della crisi e della “disillusione” Leon Battista Alberti e Poggio Bracciolini che anticipano il pessimismo di Erasmo e dello stesso Machiavelli capovolgendo le fiduciose ideologie “civili” e suggerendo un doloroso “rifiuto della politica”. Quando esamina poi la letteratura prodotta in ambito cortigiano nella seconda metà del secolo Canfora insiste opportunamente sugli sforzi volti a ricucire lo strappo della crisi sotto il segno di un nuovo “rapporto di fiducia tra letterato e potere” fra celebrazione del principe e slanci encomiastici. Esemplari sono le pagine su alcuni autori tardo-quattrocenteschi che recuperano e modificano in chiave cortigiana i temi del primo umanesimo: Giovanni Pontano Bartolomeo Platina Francesco Patrizi. Il fatto che proprio Patrizi con la sua “equidistanza” fra repubblica e monarchia sia per Machiavelli un precedente essenziale la dice lunga sulla distanza percorsa dai tempi di Salutati e Bruni. Non c'è più propaganda o polemica ma il pragmatico impiego di due modelli di governo in un'ottica formalizzata e insieme utilitaria alla ricerca di “regole generali”.


Rinaldo Rinaldi

Note legali