La prima donna - Giustina Porcelli - copertina

La prima donna

Giustina Porcelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Morellini
Collana: Varianti
Anno edizione: 2010
Pagine: 269 p., Brossura
  • EAN: 9788862980951
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 24,70

€ 26,00
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 17,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A metà strada fra dramma e commedia "La Prima Donna" è un romanzo che mette fard, mascara, tacchi alti, doppio petto, cravatta e camici bianchi alla realtà. Durante l'operazione che la consacrerà definitivamente come la donna che, dentro di sé, sa di essere, Gabry fantastica con la stessa intensità di quand'era Gabriele, un bambino troppo timoroso per capacitarsi della propria diversità e per accettare lo spirito libero e anticonformista di Enrico, il suo migliore amico. A differenza di quando era piccolo e aveva bisogno che Wonder Woman lo difendesse, nel corso di un giorno e una notte di quasi totale incoscienza, la protagonista impara a perdonare e apprezzare i limiti umani, riuscendo a cambiare il finale dell'incubo che la perseguita da sempre, e non per prendersene gioco: per sopravvivere. Ambientato in più paesi del sud Italia, a partire dagli anni Ottanta fino a oggi, "La Prima Donna" racconta una verità spesso taciuta o distorta, una verità fatta di esperienze reali con le quali in pochi hanno voglia di confrontarsi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    zarabonza

    14/12/2016 10:25:14

    sono stata letteralmente rapita dal romanzo. dopo poche pagine io e la Gabry eravamo amiche,anche io le stavo vicino!!! sensibile,curioso e con un potere straordinario!!!!!! da leggere assolutamente!!!!!!

  • User Icon

    giangidoe

    18/07/2010 16:35:37

    Una sala operatoria. Wonder Woman come interlocutrice. Pochi ricordi confusi. Molte paure malcelate e, prima di tutto, un corpo ripudiato da una vita. Dopo i toni umoristici dei primi due saggi, Giustina Porcelli affronta una storia di ampio respiro su un tema ancora poco discusso e accettato: la transessualità. La vita del protagonista viene presentata in maniera destrutturata, procedendo per ricordi ed aneddoti inframmezzati da una cornice onirica che riporta costantemente il lettore al momento cruciale, vero filo conduttore di tutta la storia: la tanto agognata operazione finale che porterà il ragazzo a cambiare definitivamente sesso. Sullo sfondo di paesi del sud definiti solo per apposizioni (“la Città delle Belle Donne” in primis), lungo un arco temporale che parte dagli anni 80 e si avvicina inesorabile alla contemporaneità, le quattro fasi dell’antieroe Gabriele/Lele/Gabrielle/Gabry vedono l’avvicendarsi di personaggi vividi e reali, che ci si ritrova presto ad amare od odiare per la loro umanità. Le già note difficoltà sociali della vita di provincia, amplificate oltremodo dallo stigma verso omosessualità e travestimento, si intrecciano sapientemente nella narrazione con gli elementi più (e meno) rassicuranti e riconoscibili della cultura locale e nazionale, rendendo la vicenda assai vicina, realistica e – nonostante le cautele definitorie – geograficamente collocabile. Il percorso di Gabriele eleva "La Prima Donna" a vero e proprio romanzo di formazione, capace di portare allo svisceramento di pregiudizi, dilemmi etici e meccanismi affettivi che possono investire tutti coloro i quali – non certo per capriccio o per sfida – non riescono a sentirsi a proprio agio con le etichette sessuali, morali o (semplicemente e meramente) corporee ricevute alla nascita. Una lettura piacevole e intensa, caratterizzata da uno stile fresco che riesce a essere insieme ironico, commovente nonchè assolutamente personale. Già attendiamo con ansia il secondo romanzo. G.G.

Note legali