Il principe Lestat. Le cronache dei vampiri

Anne Rice

Traduttore: S. Caraffini
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2014
Pagine: 559 p., Rilegato
  • EAN: 9788830441439
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,92

€ 19,90

Risparmi € 2,98 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 10,74

€ 19,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rosa elena

    03/12/2016 10:47:15

    Da amante delle Cronache stronco con dolore questo libro da cui mi aspettavo molto. Personaggi svuotati, ridotti a sagome patinate di bei vestiti, begli hotel, bei capelli; trama insulsa e pretestuosa, infarcita di tutto quanto mancava nella saga vampiresca più originale di sempre, quasi che l'Autrice abbia messo la spunta a ciò che mancava nel campionario lestatiano, magari ispirata (orrore) a Stephanie Meyer - addirittura un figlio, concepito in vitro nel siparietto più trash di sempre. Qui i vampiri, semplicemente, si incontrano e parlano, parlano e si incontrano, mentre una Voce annienta le nuove leve e i vecchi parlano, parlano e parlano per indovinare cosa mai accada, e ovviamente scelgono sempre suites di lusso per farlo... Ma il peggio è Lestat: un ribelle combinaguai, eletto da tutti come capo indiscusso? Un eroe pronto alla lotta, che però trova sempre il modo e il tempo di pettinarsi i bei capelli e indossare abiti di lusso? Un perverso bevitore di sangue che aveva vampirizzato una bambina nel Settecento, ma che ora alleva nel lusso una giovane mielosa e stupida, tutto preso dal voler conservare la sua umanità, il suo essere donna? Essere donna, badate, che la diretta interessata baratta senza remore in cambio di una pelle d'alabastro e di un fare algido, e di bei vestiti bei capelli begli hotel in cui incontrarsi a parlare, parlare e ancora parlare - ah, no, scusate, anche ballare. La vita umana, per Anne Rice, vale davvero così poco? Questo, in ultimo, il senso del libro. Sinceramente si poteva, poi, ritrovare spunti più semplici e meno ridicoli di una voce schizofrenica, per richiamare alla vita i vecchi personaggi delle Cronache. Se avete amato i libri di Anne Rice, fermatevi e non leggete questo.

  • User Icon

    Marcello

    22/02/2015 09:16:53

    Ho appena finito di leggere questo libro, La Rice torna con le cronache dei vampiri dopo tantissimi anni, ed io non potevo mancare essendo un suo assiduo lettore, il libro è scritto bene e scorre che è una meraviglia, molti personaggi quasi "dimenticati" tornano alla luce, su alcuni sono stato contento di sapere che fine avevano fatto come lo schiavo di Pandora Flavius, la bella cortigiana Bianca ed altri, il libro è stupendo! non ho dato 5 stelle solo perchè la rice ha dato poco spazio al mio personaggio preferito l'amata Gabrielle de Lioncourt e per il finale che mi aspettavo più sanguinaro

  • User Icon

    Viktor

    05/12/2014 13:13:49

    Temevo che dopo tutti questi anni la Rice non sapesse risintonizzarsi con le voci delle magnifiche creature da lei create, ma sbagliavo. Il romanzo è un bellissimo sequel di quel capolavoro che era "La Regina dei dannati", consigliato.

Scrivi una recensione