Categorie

Anna Politkovskaja

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: XXIX-307 p. , Brossura

4 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Controllo politico e libertà - Oppressione e persecuzione

  • EAN: 9788804567806
Il volto intenso e algido dell'autrice campeggia nella quarta di copertina, in ricordo di una persona tragicamente scomparsa, assassinata da ignoti in un paese che, più passa il tempo, più ci pare incomprensibile, se non, per l'appunto, ignoto esso stesso. Un paese senza storia e senza memoria, dimentico dei drammi trascorsi, rivolto verso un orizzonte privo di futuro e senza alcuna speranza che non sia quella del facile arricchimento offerto a una classe di nuovi ricchi, sprezzanti della legalità e indifferenti agli altrui bisogni. Anna Politkovskaja di questo paese ha tentato di descrivere le profonde trasformazioni, dal momento della transizione gorbacioviana a oggi. Giornalista della "Novaja Gazeta", per la quale ha firmato innumerevoli corrispondenze dalle zone problematiche della vecchia e nuova Russia, da tempo era entrata nel mirino di chi intendeva tacitarla una volta per sempre. Biografa dei cambiamenti intervenuti dal declino dell'impero sovietico, aveva raccontato ai suoi lettori cosa implicasse l'essere entrati in un nuovo regime, a tratti non meno imperiale di quello che ci si era lasciati alle spalle. La raccolta che ci viene ora consegnata dei suoi più recenti articoli sulla "Novaja Gazeta" è una scarna e al contempo drammatica ricostruzione della natura della società russa. A partire da quei buchi neri della coscienza collettiva che portano il nome di Cecenia, Breslan e così via. Lo sguardo di Politkovskaja non si sofferma mai su un solo soggetto, avendo come obiettivo l'umanità che si cela, cercando di sopravvivere, tra le pieghe della cronaca non meno che della storia. Una sopravvivenza che a lei è stata negata.
  Claudio Vercelli

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    bruno

    18/04/2016 19.38.36

    A volte amo sottolineare frasi ke mi ccolpiscono, ma....in questo caso credo dovrei farlo per l'intero libro....da leggere e meditare profondamente...grazie Anna

  • User Icon

    david

    21/07/2015 14.46.01

    Lettura interessante, dove la Politkovskaja dà la sua versione dei fatti su 3 drammatici eventi che hanno interessato la storia russa degli ultimi 20 anni.

  • User Icon

    Federica

    23/05/2012 11.27.41

    Morire per delle idee. Il coraggio, la determinazione, la sete di verità (e di divulgare la verità) di questa giornalista e donna straordinaria, trasudano da ogni parola dei suoi scritti. I suoi articoli continueranno a parlare per lei, per non dover più dire "NON LO SAPEVO".

  • User Icon

    Marianna

    27/11/2011 13.46.51

    E' il primo suo libro che abbia mai letto. Non sono soddisfatta, nel senso che adesso ne voglio leggere ancora di più per capire meglio e sapere ancora più cose. Non è cambiato molto dagli anni del Terrore, in questa Russia dove il primo nemico non sono i ceceni ma lo Stato. Non penso che Anna si aspettasse giustizia dal processo per il suo omicidio, ma spero che le basti sapere che i suoi scritti continuano ad essere pubblicati, letti, e ad indignare. La tua voce non si è spenta il 7 ottobre 2006, Anna.

  • User Icon

    Graziana

    07/09/2008 21.50.30

    Hanno già scritto tutto coloro che mi hanno preceduta. Certamente la Russia che pensiamo modernizzata e più vicina a noi, in realtà è veramente diversa. Questo libro ne è la testimonianza.Onore a chi fa giornalismo in questo modo.Che strano, i nostri giornali pullulano di "Costantini, veline , Briatori ecc ecc" ed in Russia i problemi sono ben diversi a giudicare dagli articoli di Anna.Viviamo in una società strana e non si sa quale sia "la meno peggio ". Ricordate la giornalista ( della Novaja Gazeta lo stesso giornale della Politkovskaja )che un pò di tempo fa fece una domanda a Putin ( ospite di Berlusconi In Sardegna)sulla sua vita privata? Lei sembra sia tornata in patria sconvolta dalla paura. Combattiamo sempre i " regimi" di qualsiasi colore essi siano. Fanno sempre un mucchio di vittime e la Politkovskaja è stata una di queste.

  • User Icon

    Gianmarco

    11/06/2008 09.11.12

    Questa si che è informazione obiettiva, questo si che è coraggio di scrivere le cose come stanno! Un interessantissimo reportage sulla Cecenia e sulla dittatura putiniana. Chi sono i veri terroristi, il povero popolo ceceno vittima da sempre di soprusi, o il goverso russo che ha sulle spalle le morti di innumerevoli civili vittime di bombe e rastrellamenti indiscriminati? Leggete questo libro e avrete sicuramente la risposta.

  • User Icon

    Paolo

    30/04/2008 18.08.22

    Non posso che confermare i giudizi già apparsi. Aggiungo però che il libro, oltre che appassionante, sconvolgente, incredibile nei suoi contenuti, in alcuni punti commovente, ha brani di vera letteratura: la Politkovskaja non era solo una grande e coraggiosa giornalista, era una vera scrittrice e tra le sue righe affiorano i segni chiari di una nobile cultura, che si tramanda come un patrimonio genetico, nonostante la storia. Un libro che lascia il segno.

  • User Icon

    Denis

    17/06/2007 21.50.46

    Quando una persona viene uccisa per quello che dice, sicuramente è necessario conoscere, sapere, capire. Questo libro fà capire la situazione Russa, i diritti negati e il modo "terroristico" di operare del governo russo.

  • User Icon

    pasquale

    25/05/2007 19.39.45

    Un libro in cui e' tutto mostrato il coraggio della Politovskaja e il grado di democrazia che vige in Russia. Si sa in occidente ma conviene non parlarne altrimenti che gas ci arriva? Voto 4+

  • User Icon

    ilaria

    24/05/2007 21.27.46

    Impressiona per la cronaca precisa e semplice di fatti vergognosi che persone oneste subiscono a poca distanza da noi. Consiglio questo libro a chi voglia veramente sapere cosa accade al giorno d'oggi in Cecenia e a come in Russia e in queste regioni travagliate oggi la libertà ancora sia solo finzione.

  • User Icon

    Stefano Galli

    16/03/2007 16.19.59

    Semplicemente sconvolgente, il coraggio di dire la verità pagato con la vita. La raccolta di articoli pubblicati salla Sig.ra Politkovskaja dovrebbe scuotere le nostre coscienze considerato il fatto che i luoghi dove si stanno svolgendo queste carneficine sono poco distanti da casa nostra e il nostro governo dovrebbe meditare e condannare violazioni dei diritti civili di questo tipo.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione