Traduttore: E. Corsini
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 15 settembre 2016
Pagine: 349 p., Rilegato
  • EAN: 9788811672395

99° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Rosa

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

La strada è piena di rumori: le macchine che sfrecciano, le voci dei passanti, i clacson impazziti. Ma l'uomo non sente nulla. È come se tutto il mondo si fosse fermato in un istante. Per lui esiste solo lei. Lei che stranita si guarda intorno mentre il vento le scompiglia i capelli. Non la conosce, ma non importa. Sa di amarla. In fondo per farlo basta guardare i suoi occhi, le sue mani e la sua bocca. L'amore non ha bisogno di altro. L'uomo le si avvicina e le chiede di essere sua per sempre. Lei gli dice di sì. Perché amarsi vuol dire essere folli. Solo allora scoprono i loro nomi, ma già i loro cuori li urlavano. In quel momento lui le fa la promessa più importante. Quella di perdere, di non riuscire a darle sempre quello che desidera, di fare scelte sbagliate. Eppure le promette che non desisterà, non cederà mai solo perché costruire è la strada più complicata. Solo chi non ha mai amato non ha mai perso. Ed è allora che comincia la sfida, la sfida che come loro tutti gli amanti devono affrontare, e ogni loro storia insegna qualcosa. Insegna che per restare insieme si devono fare errori. Si deve piangere e litigare, essere deboli, incoerenti e lunatici. La ragione non ha nulla a che fare con i sentimenti. È il sogno la loro giusta dimensione. Bisogna credere nell'impossibile. Perché l'impossibile accade, come nei film e nei libri. Il segreto è trovare le parole. Se si ama qualcuno, l'importante è dirlo. E convincere l'altro che l'amore non è una bugia, un'invenzione dei poeti.

€ 12,68

€ 16,90

Risparmi € 4,22 (25%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 9,12

€ 16,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rosa

    21/09/2018 19:46:58

    Prometto di perdere è l’ultimo romanzo pubblicato da questo strepitoso autore portoghese che è stato capace di confluire nella sua unica persona di scrittore e artista della parola tanto odio quanto amore. Per odio intendo molte critiche che spesso lo hanno segnalato come qualcuno che non è in grado di scrivere un romanzo e che le sue storie non hanno né capo e né coda. Beh sappiate che io ho letto tutti i romanzi di Freitas e posso affermare con sicurezza che si tratta di narrazioni al di sopra di qualsiasi definizione. E’ vero, non sono romanzi, ma le definizioni sono così importanti? L’indefinito fa ancora così paura? Sono stati gli innamorati e i folli a cambiare il mondo. Freitas è un vero poeta dell’arte dell’amore, lui ama, fa l’amore attraverso le parole. Accarezza, tocca, sfiora, e ad ogni passo scritto, lascia la sua inequivocabile impronta.

  • User Icon

    Nicola59

    09/01/2017 09:39:34

    Il libro si muove fra alti e bassi: pagine con frasi più o meno edificabti di quelle che si scambiano via Internet, pagine con banalità alla 'Raffaele Morelli' e pagine emozionanti. Purtroppo queste ultime sono in forte minoranza: ma, almemo, la loro presenza evita un voto più basso.

Scrivi una recensione


Solo chi ama corre il rischio di perdere. Sono stati gli innamorati e i folli a cambiare il mondo.

«L’autore di un caso editoriale nel mondo grazie al passaparola» - TTL

«Un autore da 100.000 copie vendute.» - Raffaella de Santis, la Repubblica

«Per Pedro Chagas Freitas in amore vince chi sbaglia e non si arrende.» - Manuela Sasso, Diva e Donna

Prometto di perdere.
Perché solo chi ama corre il rischio di perdere; gli altri corrono solo il rischio di essere perduti.
Prometto di perdere.
Perché solo chi non ha mai amato non ha mai perso.


L’amore non è una cosa semplice. Per niente. Come non è semplice parlare di amore. Perché l’amore ha mille volti, mille sfaccettature. È come un gioco di specchi, è una cosa e il suo opposto, è la somma di tutte le sue contraddizioni.

E in questo libro, Pedro Chagas Freitas ha deciso di raccontarle tutte, di prendere tutte le voci dell’amore e dargli uno spazio dove potersi esprimere per raggiungere tutti noi. Il risultato, come sempre, è un romanzo-non romanzo, un alternarsi di storie, un susseguirsi di spunti e di stimoli da leggere con calma e poi custodire dentro di noi.
Ancora una volta l’autore portoghese ci fa capire che per arrivare davvero all’anima delle cose bisogna guardare il mondo da un punto di vista diverso, bisogna lasciare da parte le certezze e abbandonarsi all’immaginazione e al sogno. Bisogna abbandonarsi alla vita, perché altro non è che l’amore stesso. Ed è allora che tutte le nostre fragilità trovano un senso, è allora che riusciamo a capire che la perfezione non ha valore, perché l’amore si nutre anche di debolezza e di incoerenza e di pazzia. E che alla base di ogni relazione ci sono anche i litigi e le lacrime, il senso di sconfitta e la paura di ferire, il sacrificio e la perdita.

No, l’amore non è una cosa semplice. Ma porta con sé una promessa straordinaria: quella di mantenersi vivi e rinascere ogni volta, quella di non sentirsi mai perduti.


Le prime frasi del romanzo

Siamo tutti innamorati e folli.

Così disse lei, con quell’aria inconcludente con cui diceva quasi tutto.
Siamo tutti innamorati e folli.
Lui continuava a non capire. Non l’aveva mai vista prima e intanto stava lì, in mezzo alla strada, ad ascoltare una sconosciuta che avrebbe desiderato abbracciare (ti sposerei all’istante – per la miseria, cosa farei se accettasse? – chissà chi sei tu, ma ti sposerei all’istante, te lo giuro).

Sono i folli e gli innamorati che cambiano il mondo, lo sai?

Lui fece cenno di sì con la testa (è così bella, quanto la desidero e non so chi sia, come si chiama, che diavolo vuole da me, è così bella e la sposerei subito). Stava per spiccicare una frase ma fu interrotto.
Ho già parlato con il sacerdote e mi sposo con te oggi alle quattro, vieni?
Lui balbettò (sì, sì, certo che sì, adesso, ora, immediatamente, è già troppo tardi, se proprio vuoi saperlo), la pelle prese un colorito simile al rosso torrido, riuscì soltanto a chiedere perché, impiegando dieci secondi buoni – forse di più, mai una parola così corta avrebbe potuto sembrare tanto interminabile.

Odio le spiegazioni, preferisco le sensazioni. Ti amo dalla prima volta che ti ho visto. Da circa due minuti. È già un buon motivo per sposarsi, non credi? Ci si sposa per amore e io ti amo. Mi è più che sufficiente. E a te?
Lui rimase senza parole (i tuoi occhi, la tua bocca, le tue mani, la tua voce, voglio tutto questo per sempre, quale altro motivo ci può essere per sposarsi con qualcuno se non desiderare quegli occhi e quella bocca e quelle mani e quella voce per sempre?).
Poi agì: la afferrò per un braccio e la portò con sé fino alla chiesa, non senza prima aver dato una mancia a due mendicanti affinché assistessero alla cerimonia (se il denaro serve a qualcosa è per aiutare ad amare, per questo è stato inventato: per essere strumento d’amore, cos’altro?).

Sì, come un pazzo.

Rispose, quando il sacerdote gli chiese se volesse sposare quella donna di cui aveva appena conosciuto il nome (sarai mia, che fortuna, sarai mia, chi devo ringraziare per questa fortuna? Dimmelo subito, chi devo ringraziare per la fortuna di averti?).
Quando tornerò in me rinchiudimi in un manicomio.
Lui disse sì, certo. Ai due mendicanti scese una lacrima, non si sa se per la noia o per l’emozione. E il sacerdote diede il permesso di baciare la sposa.