Psicoanalisi e luoghi della negazione

Curatore: A. Cusin, G. Leo
Editore: Frenis Zero
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 1 gennaio 2011
Pagine: 400 p., Brossura
  • EAN: 9788890371042
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 32,30

€ 38,00

Risparmi € 5,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

32 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    lucia giannone

    14/10/2011 10:19:45

    Questo libro ha preso spunto dai temi affrontati al convegno "Id-entità mediterranee. Psicoanalisi e luoghi della negazione" (Lecce, 30 ottobre 2010), organizzato dalla rivista di psicoanalisi Frenis Zero, per ampliarli grazie ai contributi di eminenti psicoanalisti che hanno messo a disposizione i loro scritti per portare avanti un progetto editoriale ed una collana di libri (intitolata "Id-entità mediterranee") che vorrebbero porre la psicoanalisi e la storia del Mediterraneo ai due poli di una riflessione 'al confine' tra psicologia e sociologia, tra psicoterapia degli individui e dei gruppi e clinica delle psicopatologie sociali. Il libro, dopo una Prefazione di Ambra Cusin, è strutturato nelle seguenti sezioni: una parte introduttiva con scritti di Giuseppe Leo (Negazione: una sfida per la psicoanalisi e le neuroscienze?) e di Bonnie E. Litowitz (Una linea di sviluppo ampliata per la negazione: rigetto, rifiuto, diniego); una sezione intitolata "Negazione e omertà nel campo analitico ed istituzionale" con testi di Salomon Resnik (Psicopatologia e anonimato nel campo psichiatrico) e di Ambra Cusin (Quando il mare diventò una montagna di uomini); una sezione intitolata "Negazione ed ideologia", con scritti di Janine Altounian (Di fronte al negazionismo: il ruolo delle istanze terze nella vita psichica e politica degli eredi dei sopravvissuti), di Manuela e Mary Avakian (Dalla rimozione al negazionismo), di Anna Sabatini Scalmati (Terrorismo come patologia psico-sociale), di Michael ?ebek (Porte che cerchiamo di aprire. Totalitarismo e psicoanalisi) e di Gerhard Schneider (L'oggetto perduto - l'oggetto recuperato); infine, la sezione "Ambiguità, trauma e transculturalità" con saggi di Silvia Amati Sas (Riflessioni sulla transculturalità), di Nicole Janigro (In situazioni estreme: l'Io tra storia e inconscio), di Françoise Sironi (Per una psicologia geopolitica clinica) e di Lidia Tarantini (La funzione analitica nel confronto interculturale).

Scrivi una recensione