Psicologia moderna e postmoderna

Luciano Mecacci

Editore: Laterza
Edizione: 4
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 14 maggio 1999
Pagine: VII-191 p., Brossura
  • EAN: 9788842057840
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Che tipo di scienza è la psicologia? I suoi metodi sono unici per tutte le "scuole"? o differiscono dall'una all'altra? E, in particolare, in che si contrappongono psicologia moderna e psicologia postmoderna? Un'introduzione agile e rigorosa ad un dibattito di fondamentale importanza nella cultura contemporanea.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mauro Lanari

    09/11/2008 20:52:45

    Definire la soggettività postmoderna come un Io multiplo, babelico, frammentato, scisso, disgregato, dissociato è ormai una consuetudine per l’antropologia filosofica e psicologica, la quale è giunta al punto di diffidare del concetto ciceroniano di "in-dividuus" a favore invece del concetto di "personae" nell’accezione letterale di pluralità di maschere attoriali. In forme differenti se ne parlava già da tempo o forse da sempre. Nel Nuovo Testamento: "Gli domandò: 'Come ti chiami?'. 'Mi chiamo Legione, gli rispose, perché siamo in molti'". Oppure La Rochefoucauld: “La fantasia non saprebbe inventare tante diverse contraddizioni quante ce ne sono naturalmente nel cuore di ogni uomo”. E Whitman: “Mi contraddico?/Ma certo che mi contraddico,/(sono grande, contengo moltitudini)”. Infine Ungaretti: “Sono un frutto/d'innumerevoli contrasti d'innesti”. Ma è con Mecacci che per la prima volta, almeno in Italia, s’è tentato d’affrontare il problema dal punto di vista dei metodi d’indagine psicologici. In poche facciate del suo “Psicologia moderna e postmoderna” (pp. 70-2), egli sostiene che i fondamenti neurobiologici di tale “epidemia” di “Sé frantumati” (DPM, Disturbo da Personalità Multipla, oggi rietichettato DDI, Disturbo Dissociativo dell’Identità) vadano studiati con “il nuovo filone di ricerche sull’autismo”, autismo che dunque si porrebbe come nuova "psicopatologia della vita quotidiana". La Mahler aveva già parlato d’un "nucleo autistico originario", così come già Piaget d’una "costanza o persistenza dell’oggetto" d’acquisire e apprendere. Tuttavia, tanto per la psicodinamica quanto per l’epistemologia genetica si tratta di stadi dell’evoluzione e dello sviluppo mentali che nella norma si supererebbero senza residui. Per Mecacci, invece, l’autismo di “default” sarebbe a tutt’oggi una caratteristica umana persistente, appunto una specificità antropologica. Egli cita il libro di Uta Frith da lui stesso tradotto e prefato, in cui si trovano gettate le basi per un’interpretazione di questo tipo.

Scrivi una recensione