Psicologia moderna e postmoderna - Luciano Mecacci - copertina
Salvato in 4 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Psicologia moderna e postmoderna
9,50 € 10,00 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
Psicologia moderna e postmoderna 100 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,00 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,00 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Psicologia moderna e postmoderna - Luciano Mecacci - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Psicologia moderna e postmoderna Luciano Mecacci
€ 10,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Che tipo di scienza è la psicologia? I suoi metodi sono unici per tutte le "scuole"? o differiscono dall'una all'altra? E, in particolare, in che si contrappongono psicologia moderna e psicologia postmoderna? Un'introduzione agile e rigorosa ad un dibattito di fondamentale importanza nella cultura contemporanea.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

4
2007
14 maggio 1999
VII-191 p., Brossura
9788842057840

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Mauro Lanari
Recensioni: 4/5

Definire la soggettività postmoderna come un Io multiplo, babelico, frammentato, scisso, disgregato, dissociato è ormai una consuetudine per l’antropologia filosofica e psicologica, la quale è giunta al punto di diffidare del concetto ciceroniano di "in-dividuus" a favore invece del concetto di "personae" nell’accezione letterale di pluralità di maschere attoriali. In forme differenti se ne parlava già da tempo o forse da sempre. Nel Nuovo Testamento: "Gli domandò: 'Come ti chiami?'. 'Mi chiamo Legione, gli rispose, perché siamo in molti'". Oppure La Rochefoucauld: “La fantasia non saprebbe inventare tante diverse contraddizioni quante ce ne sono naturalmente nel cuore di ogni uomo”. E Whitman: “Mi contraddico?/Ma certo che mi contraddico,/(sono grande, contengo moltitudini)”. Infine Ungaretti: “Sono un frutto/d'innumerevoli contrasti d'innesti”. Ma è con Mecacci che per la prima volta, almeno in Italia, s’è tentato d’affrontare il problema dal punto di vista dei metodi d’indagine psicologici. In poche facciate del suo “Psicologia moderna e postmoderna” (pp. 70-2), egli sostiene che i fondamenti neurobiologici di tale “epidemia” di “Sé frantumati” (DPM, Disturbo da Personalità Multipla, oggi rietichettato DDI, Disturbo Dissociativo dell’Identità) vadano studiati con “il nuovo filone di ricerche sull’autismo”, autismo che dunque si porrebbe come nuova "psicopatologia della vita quotidiana". La Mahler aveva già parlato d’un "nucleo autistico originario", così come già Piaget d’una "costanza o persistenza dell’oggetto" d’acquisire e apprendere. Tuttavia, tanto per la psicodinamica quanto per l’epistemologia genetica si tratta di stadi dell’evoluzione e dello sviluppo mentali che nella norma si supererebbero senza residui. Per Mecacci, invece, l’autismo di “default” sarebbe a tutt’oggi una caratteristica umana persistente, appunto una specificità antropologica. Egli cita il libro di Uta Frith da lui stesso tradotto e prefato, in cui si trovano gettate le basi per un’interpretazione di questo tipo.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Luciano Mecacci

1946, Livorno

È uno psicologo italiano, già professore ordinario di psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia dell'Università degli Studi di Firenze.I suoi studi riguardano essenzialmente la psicofisiologia cognitiva e la storia della psicologia, con particolare riferimento a quella sovietica. Studioso dell'opera di Vygotskij, nel 1990 ha curato la prima traduzione mondiale integrale dal russo del libro Pensiero e linguaggio.Assieme a Anton Yasnitsky sta curando un'edizione critica del testo originale russo.Negli ultimi anni ha studiato il contesto politico e intellettuale fiorentino nel quale maturò l'esecuzione di Giovanni Gentile il 15 aprile 1944. Il risultato dei suoi studi in materia è confluito in un libro, pubblicato da Adelphi nel 2014 e intitolato...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore