Qualcosa di straordinario di Ken Kwapis - DVD

Qualcosa di straordinario

Big Miracle

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Big Miracle
Regia: Ken Kwapis
Paese: Stati Uniti
Anno: 2012
Supporto: DVD
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 2,50

Venduto e spedito da Allstoreshop

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 2,50 €)

Adam, un reporter di provincia, e Rachel, una volontaria di Greenpeace, chiedono aiuto alle due superpotenze rivali della guerra fredda per salvare una famiglia di maestose balene grigie intrappolate sotto il ghiaccio del circolo polare artico. In una corsa contro il tempo Adam e Rachel devono organizzare un'improbabile coalizione costituita dalla comunità locale, da un magnate del petrolio e da militari russi e americani, che accantonano temporaneamente le loro divergenze, nel disperato tentano di salvare i tre animali in pericolo.
4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    SIRO

    02/04/2018 10:31:28

    VERAMENTE UN GRANDE FILM BEN RECITATO CON UNA BELLISSIMA TRAMA

  • User Icon

    Mr Gaglia

    26/12/2014 22:59:36

    A partire dalla vera storia che paralizzò nel 1988 il popolo, e quindi i media statunitensi per giorni, congelati sulle immagini di balene in lotta per la vita, Ken Kwapis realizza un film che nel ripercorrere la cronistoria di una passione e salvazione animale, racconta anche una nazione in cui tv locali e nazionali scandiscono i tempi della politica e della società. Senza cercare di deviare in nulla dalla struttura narrativa classica hollywoodiana, Qualcosa di straordinario vuole essere lineare alla realtà. Il film romanza con audacia e ricerca di una fedeltà estrema ai fatti (alla fine del film compariranno i volti dei veri protagonisti accanto a quelli degli attori che li hanno impersonati) una storia ben nota al suo pubblico. Non è la corsa verso il finale o il concedere informazioni sui fatti ripresi il fulcro di quanto tutto ciò che si è creato a latere dell'evento. La sorte delle balene è nota meno lo è il modo in cui queste furono salvate. Con un atto di cinema d'inchiesta, Qualcosa di Straordinario, muove passi nel terreno della critica ai media chiedendo scusa per quel che (ha) fa (fatto). Per ogni prospettiva obliqua sulla doppia morale dei network televisivi, sull'indugiare nel tragico e il rimestare nel morboso, viene mostrato anche quanto di bene abbiano fatto. Eppure, lungi dall'essere una ricerca di complessità, questa doppia tensione si risolve in un pavido rigurgito di rabbia. Se il finale, lo svolgimento e tutte le dinamiche che il film mette sullo schermo sono note e già state filmate dalle tv, cosa resta da raccontare alle immagini del cinema? A questa domanda Ken Kwapis, regista prevalentemente televisivo risponde intraprendendo la strada giusta e con l'audacia di percorrerla fino in fondo. Probabilmente non è un capolavoro e non diventerà cult, ma il prodotto è promosso a pieni voti. (PS: Bellissime le riprese realizzate in Alaska).

  • Produzione: Universal Pictures, 2012
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 107 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1);Ungherese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Arabo; Hindi; Inglese; Islandese; Italiano; Portoghese; Rumeno; Spagnolo; Ungherese
  • Formato Schermo: 2,40:1
  • Area2
  • Drew Barrymore Cover

    "Propr. D. Blyth B., attrice statunitense. Ultima discendente di quella fu chiamata la «Famiglia Reale» del cinema e teatro statunitensi, figlia di John Jr., attore dalla carriera saltuaria e mediocre, e nipote del celebre John, a meno di un anno è già in shorts pubblicitari, a tre debutta in film tv e a cinque sul grande schermo con Stati di allucinazione (1980) di K. Russell. Il successo planetario di E.T. l'extraterrestre (1982) di S. Spielberg fa dell'incantevole bambina bionda una precoce star che brucia le tappe anche della strada dell'autodistruzione (già battuta dai suoi avi): dopo L'occhio del gatto (1986) di L. Teague e un tentato suicidio, lascia i set per un lungo periodo di disintossicazione da alcol e cocaina, interrotto solo dalla piccola parte in Ci penseremo domani (1989)... Approfondisci
Note legali