Quando le cavallette vennero in città - Vincenzo Restivo - copertina

Quando le cavallette vennero in città

Vincenzo Restivo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: F. Geremia
Editore: Watson
Collana: Luci
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 20 luglio 2014
Pagine: 172 p., Brossura
  • EAN: 9788898036042
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Quando le cavallette vennero in città

Vincenzo Restivo

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Quando le cavallette vennero in città

Vincenzo Restivo

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Quando le cavallette vennero in città

Vincenzo Restivo

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Andy Lasso, ragazzo orfano di padre fin dalla nascita, ha sette anni quando sua zia Luisa muore suicida nella casa in cui viveva con la madre Rachele e la nonna Colette. Da quel tragico giorno passano ben diciotto anni, ma Andy nutre ancora dei dubbi sui motivi che spinsero la zia a compiere un gesto così disperato ed è convinto che la madre e la nonna gli stiano nascondendo la verità. L'incontro con il misterioso Blu Sand, figlio della "strega" Rosi Testadimorto, sarà la chiave di volta che permetterà a Andy di dare risposta alle innumerevoli domande che lo condurranno a scoprire non solo il perchè del suicidio della zia ma anche altre tragiche verità che legheranno per sempre la vita dei due ragazzi.
4,17
di 5
Totale 12
5
6
4
4
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Valentina

    12/02/2016 14:45:17

    "Quando le cavallette vennero in città" è il secondo capitolo di una trilogia ideale incentrata sulla maturazione e la formazione, anche sessuale, di giovani protagonisti. Sono trascorsi diciotto anni da quando la zia del giovane Andy si è suicidata, ma lui nutre dei forti dubbi riguardo ai motivi che hanno spinto la donna a un gesto così drammatico ed è convinto che la madre e la zia zia gli stiano nascondendo qualcosa. Attraverso il rapporto con un altro ragazzo, giungerà a scoprire una verità sconvolgente. Consigliato a chi ama le storie a tinte forti.

  • User Icon

    Vittoria

    27/01/2016 10:49:15

    Con questo romanzo il giovane Vincenzo Restivo ha superato se stesso, dando vita a una storia cosi avvincente ed affascinante da mantenere alta l'attenzione del lettore capitolo dopo capitolo. La serie di eventi, che si susseguono, sono pieni di immagini, suoni, odori e rendono il romanzo piacevole ai sensi e accattivante e misterioso per chi desidera una lettura suigeneris: basti pensare alla vita dei due protagonisti che si intrecciano pericolosamente; al passato di personaggi intriganti come Rosi Testadimorto, Nicole Granne, Gennie Galloche che ritorna come un vortice e li sconvolge ancora; alla rappresentazione di una realtà estremamente attuale fatta di bugie, medievali stereotipi e finto perbenismo. Un racconto questo che va letto tutto di un fiato e con gran passione.

  • User Icon

    Cri

    10/11/2015 19:31:09

    Un romanzo comprato per caso, mi ha fatto sognare, poi piangere, poi di nuovo sognare. E mi ha insegnato anche tante cose. L'amore è l'unico sentimento che conta, al di là del sesso, delle imposizioni religiose, delle proprie restrizioni.

  • User Icon

    Angela

    23/09/2015 20:29:56

    Romanzo educativo e didattico. L'autore delinea i personaggi in maniera tale che riesce a prendere sembianze nell'immaginazione del lettore. Schietto e diretto riesce a penetrare nella mente del lettore grazie alla caratterizzazione emotiva di ogni singolo personaggio. Riesce a trattare temi sociali attuali, soprattutto quello dell'omosesualità con libertà e disinvoltura, tema oscuro all'uomo del terzo millennio, Decisamente da leggere!!!!

  • User Icon

    Sandra

    23/09/2015 19:59:07

    Ho comprato questo libretto dopo aver assistito a una presentazione presso la Mondadori di Sanremo. Ero nascosta tra qualche libro, incapace di intervenire su queste tematiche che mi stavano particolarmente a cuore: omosessualità, omofobia, suicidio. Il libro è forte. C'è una nota di nostalgia che trapela dalle pagine e non guasta. L'avrei fatto durare qualche pagina in più, credo che la brevità (170 pagine circa) sia l'unica pecca.

  • User Icon

    Beatrice

    23/09/2015 00:12:36

    Romanzo molto formativo. L'autore tratta di temi quotidiani in maniera schietta e diretta. I caratteri sono delineati minuziosamente e le caratteristiche intellettive vengono scoperte man mano. L'ho letto in una serata e non riuscivo a distogliere lo sguardo dalle sue parole!!! Ottimo direi!!!

  • User Icon

    Carlo

    17/09/2015 14:05:35

    Un romanzo molto puerile che raccoglie un'accozzaglia di temi sociali sfilacciati tra loro. Tra l'altro è pieno di errori/refusi. Per me davvero insufficiente.

  • User Icon

    zocca giuliano

    02/07/2015 15:09:31

    pur trattandoci di una vicenda complessa che tratta molti argomenti si legge tutto d'un fiato, tanto la scrittura è scorrevole e strutturata.

  • User Icon

    Salvatore

    20/03/2015 18:47:53

    Libro letto in due giorni. Romanzo molto particolare e accattivante per il modo in cui Restivo tratta temi delicati e reali come l' "amore nero", il suicidio e l'emarginazione creando così un contrasto tra la crudezza dei temi anteriormente menzionati e lo scenario fantastico in cui le vicende dei personaggi del romanzo si intrecciano ed evolvono. Ed è proprio questo contrasto che rende il romanzo umano, duro e crudo.

  • User Icon

    Bianca

    01/03/2015 00:17:41

    Romanzo molto particolare che parla di legami famigliari, omosessualità, segreti, sessualità, fede, potere, abuso del potere... in un contesto sociale che non si riesce a inquadrare moltissimo. La storia potrebbe essere ambientata in Olanda o in Alabama e non cambierebbe niente. C'è una sorta di realismo magico che sfuma e confonde i contorni delle cose e i profili psicologici dei personaggi. Alcuni dialoghi mi hanno convinta poco e diversi passaggi richiederebbero un editing più severo. Nella storia, però, si avverte forza, generosità e sincerità. Alcune pagine sono magiche e riescono ad evocare un mondo sfumato e ambiguo. Una curiosità: i personaggi, quasi tutti, bevono continuamente tè. Non fanno altro che offrire tè agli ospiti o alle persone care. Un tocco english che mi ha fatto sorridere. Consigliato.

  • User Icon

    William Silvestri

    13/01/2015 10:56:21

    La prima cosa che colpisce è la forte presenza del colore: a partire dal nome di uno dei protagonisti, Blu come il parco delle farfalle. Questo è uno dei motivi che mi fanno pensare all'Impressionismo e vedere Restivo come un piccolo Monet della letteratura, poiché lo scrittore casertano dipinge la sua tela "en plein air" e le sue pennellate avvolgono case, alberi, oggetti e persone rivelando un interesse che si focalizza più sul colore che non sul disegno: nel romanzo cioè la trama è solo un pretesto irrilevante se paragonato alla voglia/bisogno di raccontare dell'artista. Restivo tocca spine pungenti come l'abuso sessuale, l'emarginazione e l'ignoranza senza dimenticarsi di farci notare le rose che li sovrastano, trattando argomenti delicati senza cadere nel tranello della rivalsa né della volgarità, e offrendoci invece un quadro soave da gustare nel suo insieme. Questo non è un libro che ti prende: ti avvolge. Come ogni romanzo di formazione anche qui assistiamo all'evoluzione del protagonista. Ma le mie preferenze vanno a un personaggio solo in apparenza secondario, la nonna di Andy, la quale è forse colei che più di chiunque, seppure in ritardo, porta a compimento il proprio percorso di maturazione personale. Perché è vero, è più facile odiare che capire e la spiegazione ha una sua logica. Per capire una persona è necessario afferrarla quasi in senso fisico, ossia fare un passettino verso di lei; ma spesso ce ne guardiamo bene, specialmente se la persona da com-prendere è diversa da noi. Concludo con due parole su Blu, questo ragazzotto che arriva a scombinare la grigia tranquillità della cittadina e viene visto come il classico elemento di disturbo e che invece, a ben guardare, finisce con l'essere il vero collante tra i "Montecchi" e "Capuleti" descritti da Restivo. Mi piace pensare che sia proprio lui, Blu, quel ponte che il sindaco non ha mai ultimato e grazie al quale, finalmente, i paesani usciranno dal loro isolamento.

  • User Icon

    Simona

    29/10/2014 19:22:26

    "Come le foto intrappolano i momenti, li congelano, li immobilizzano così la vita fa l'esatto contrario: prende quei momenti e li accartoccia, come si fa con un pezzo di carta vecchia, li brucia, li consuma e li trasforma in piccoli granelli di cenere scusa, irriconoscibile, così tanto da far paura." Un libro letto in due giorni, una storia che ti trascina con sé nell'abisso dei sentimenti umani. Amore, amori incompresi, amori malati, e la penna di uno scrittore capace di trasformare in immagini quelle parole che, altrimenti, rimarrebbero per sempre chiuse in fondo ad un cuore... ad una lapide. Paure poi, l'odio che uccide ciò che non comprende, un segreto tenuto nascosto da occhi distanti e pagine da sfogliare con la bramosia di una risposta, di un sussurro che renda tutto più chiaro. "Quando le cavallette vennero in città" è un romanzo da leggere, ma questa potrebbe sembrare una constatazione inutile, dettata da gusto personale: e sia, ma lasciatemi dire che in quelle pagine troverete dolore, rabbia, amore, attese, luci ed ombre. Non è un racconto facile, non è una classica storiella d'amore, di crescita, di cambiamento: no, è una storia dura, forte, incentrata sull'"amore nero", quello che distrugge i cuori, quello che porta dolore, quello che separa le anime, ma al contempo le unisce. Non posso aggiungere altro, sarebbero solo parole perdute ed inutili, leggere il libro è l'unica risposta da cercare.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
| Vedi di più >
Note legali