Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Quel che una pianta sa. Guida ai sensi nel mondo vegetale

  • User Icon
    22/10/2020 11:33:20

    Condividiamo un passato genetico con i vegetali: due milardi di anni fà i percorsi evolutivi si sono separati. Ma la biologia è la stessa per i due mondi (animale e vegetale); l'interazione con il mondo circostante è modellata dagli stessi processi di base. Sembra ovvio, ma personalmente non mi ero mai imbattuto in simili riflessioni: come fa una pianta ad orientarsi verso la luce, a crescere sempre in verticale, a proteggersi dai parassiti, a fiorire dopo l'inverno,..? Esse sono consapevoli dell'ambiente visivo e si "ricordano" dell'ultimo raggio luminoso; percepiscono i profumi e reagiscono ad alcune molecole volatili; hanno una sensazione tattile che permette ai viticci di crescere, agli abeti di contrastare i forti venti e alle piante carnivore di intrappolare l'insetto (prodigioso e geniale meccanismo chimico/fisico che permette un movimento rapidissimo senza muscoli); sentono la forza di gravità e riescono a spingere in giù le radici e in sù gli steli; "vernalizzano" e sbocciano in primavera nelle migliori condizioni ambientali (leggetevi la complessa spiegazione di come fanno i ciliegi a ricordarsi di germogliare solo dopo aver trascorso un inverno gelido!). Il volume aiuta a comprendere i complessi meccanismi biologici che stanno alla base dei "sensi" vegetali: vista, olfatto, tatto, propiocezione e "ricordo". No, non hanno l'udito perchè non gli serve, ma le ciglia radicali che consentono loro di assimilare l'acqua hanno molte similitudini con le ciglia dell'orecchio interno dei vertebrati: entrambi sono attivati dagli stessi geni! Obbligo guardare alle piante in maniera diversa dopo una simile lettura.. ma attenti a non antropomorfizzarne il comportamento!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/05/2020 17:42:47

    Libro abbastanza interessante su aspetti poco noti della biologia vegetale (percezione dell'ambiente e movimenti); abbastanza approfondito anche se introduttivo però non sempre chiaro e con qualche fastidioso errore di traduzione. Il titolo potrebbe far pensare a uno di quei libri che seguono il filone oggi di moda della “saggezza delle piante” e simili, mentre invece è un libro serio e documentato scritto da un esperto botanico; le cose insospettate che si scoprono sulle piante sono vere (per esempio sulla loro capacità di “vedere”, “udire” e “fiutare”).

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/08/2019 18:19:42

    L'autore illustra gli esperimenti, da quelli pioneristici di Darwin e contemporanei, ai più recenti di genetica o sulla Stazione Spaziale, che ci hanno permesso di capire come le piante percepiscono il mondo esterno e reagiscono a questi stimoli. Ne analizza le implicazioni per il modo in cui le consideriamo e mostra analogie e differenze con il sistema percettivo umano. Il pregio maggiore del libro è il rigido ancoraggio ai dati sperimentali: parte dei capitoli è dedicata a confutare studi mal condotti, che hanno però riscosso grande diffusione nella cultura popolare.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/10/2017 16:19:27

    Ottimo testo che ridimensiona tante affermazioni un po' esoteriche sul mondo vegetale riconoscendone una peculiare identità.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/10/2013 11:48:52

    Un bellissimo e interessantissimo libro sulla fisiologia delle piante. L'autore fa continui paralleli tra i sensi dell'uomo e quelli delle piante, evidenziando inaspettate analogie e differenze. Una lettura che ci porta a riconsiderare il nostro rapporto con le specie vegetali, a torto relegate un gradino sotto gli animali. Semplice da leggere, ma allo stesso tempo profondo.

    Leggi di più Riduci