Paese: Italia
Anno: 1976
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    JD

    17/09/2009 13:20:50

    Dallamano dirige con mestiere un dicreto poliziottesco.Vigoroso,e a tratti crudele,con un cattivo ben delineato,spietato e luciferino.Peccato solo per i cali di tensione ogni volta che entra in scena Salvino,braccio destro di Vanni.Grace Jones appare in un night club e canta una canzone.Con un seguito apocrifo,da evitare.

  • User Icon

    swelzer

    20/10/2005 18:13:13

    «Quelli della calibro 38» s'inserisce nel filone dei film del poliziesco (o "poliziottesco") all'italiana che tra la fine degli anni Sessanta e i primi degli anni Ottanta ebbero un gran fiorire in Italia. (Nascono come un'urbanizzazione dello spaghetti-western e muoiono nelle saghe del commissario Giraldi/Millian che aprirono al comico.) A distinguere le numerosissime pellicole possono essere i cast, gli intrecci, la colonna sonora e la regia. Nel caso di Dallamano abbiamo un grande esempio di regia. La mdp è sui visi, cerca le espressioni ma talvolta trova visi freddi e al limite dell'"inespressività" (come per il commissario Vanni/Bozzuffi o per il Marsigliese/Rassimov - quest'ultimo già con Dallamano in «Si può essere più bastardi dell'ispettore Cliff?». "Inespressività" che già aveva contraddistinto i lenziani personaggi interpretati da Maurizio Merli, ma anche da Henry Silva («Milano odia: la polizia non può sparare»). Dallamano "gioca" con le trovate forti sulla falsariga di un metodo già "sperimentato" qualche anno addietro da Fernando Di Leo (si pensi al poliziotto travolto e scaraventato da un'auto di malfattori in fuga; o alla mano mozzata nelle cerniere dello sportello). Inoltre fa vertere il film su emozionanti quanto spettacolari inseguimenti in motocicletta e non (come anche ci sarà in «Uomini si nasce, poliziotti si muore» di Ruggero Deodato dello stesso anno). Splendide ed efficaci le carrellate a rasoterra sui corpi dilaniati dagli attentati terroristici della stazione prima e del mercato rionale poi.

  • User Icon

    ER TRUCIDO

    16/06/2005 11:51:05

    Si tratta davvero di un gran bel film, dove il ritmo, la tensione e la violenza dilagano dall'inizio alla fine. I.RASSIMOV nel ruolo del Marsigliese è davvero notevole. La protagonista femmminile C.ANDRE' è bellissima. Bella l'ambientazione di una Torino uggiosa e cupa, in cui il terrore si diffonde a macchia d'olio. Con questa pellicola il regista M.DALLAMANO contribuisce assieme ad altri suoi colleghi, ovvero S.MARTINO. S.MASSI e U.LENZI a rendere grande il " poliziottesco " made in Italy. GIUDIZIO: DA VEDERE

Scrivi una recensione
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2005
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 98 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area0
  • Contenuti: filmografie