Quello che ho amato

Siri Hustvedt

Traduttore: G. Guerzoni
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806227203
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gabril

    05/08/2015 17:04:04

    Ahimè, troppe aspettative deluse da questo elaborato romanzo di Siri Hustvedt. Troppo colto, troppo cervellotico, troppo descrittivo e, per finire, troppo femminile. Nel senso che il protagonista-narratore, Leo, tradisce la prospettiva di Siri: no, direi proprio che la scrittrice non ce la fa a incarnare la visione interiore di un uomo. La prima parte e la seconda sono decisamente diverse: concentrato sulle descrizioni delle opere e delle relazioni di Bill (l'artista che affascina Leo e ne diventa il più intimo amico) è il primo capitolo; gli altri due entrano a capofitto nel tema della perdita, degli amori vissuti e immaginati e soprattutto nell'insidioso territorio della patologia. Arte e follia si intersecano, la morte semina separazione, l'amore non salva nessuno. Sfondo e insieme protagonista è l'ambiente degli artisti newyorchesi, dagli anni Settanta in poi. Tutti i personaggi (a parte gli svitati o psicotici) sono impegnati a scrivere grandi trattati, a dipingere fondamentali prodotti artistici innovativi, a lavorare in proprio per prestigiose e intercambiabili università americane. Lo psicothriller tanto sbandierato c'è, ma non soddisfa il gusto degli amanti del genere che di un giallo vogliono vedere anche, magari, la soluzione. Perché valuto 3 e non meno? Beh...Sono riuscita a leggerlo dall'inizio alla fine, con sprazzi di sincero interesse. Però se Siri lavorasse di lima anziché di accumulo forse alla fine la narrazione ci guadagnerebbe.

  • User Icon

    Angela M.

    26/10/2008 19:18:39

    Scritto molto bene. Una scrittura nitida, emozionante. Perde un po' nel finale.

  • User Icon

    ELI

    28/06/2005 17:48:03

    Cari, vi consiglio vivamente questo romanzo non scontato e accattivante. Riderete, piangerete, vi innamorerete...a me è decisamente piaciuto! ora tocca a voi provare!!

  • User Icon

    stefano

    11/11/2004 13:27:31

    libro a due facce completamente opposte che si inseguono dandosi il cambio ogni poche pagine. Annoia ed appassiona ripetutamente fino alla fine. La storia è interessante ma 364 pagine imperniate sull'analisi della vita di colui che racconta sono un pò pesantuccie e tenere l'interesse sempre alto capisco non sia facile. Ci sono , è vero, colpi di scena che risvegliano il lettore, ma sono improvvisi tanto che al momento ti domandi se stai sempre leggendo lo stesso libro e non cambiano la struttura del romanzo che di li a poco ripiomba nuovamente nella noia.

  • User Icon

    federica

    11/10/2004 10:19:39

    Bel libro, mi è piaciuto leggerlo. A dire il vero mi è piaciuta di più la prima parte, perchè la seconda è stata troppo incentrata sulla figura negativa di Mark. Lo consiglio

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione