Quo vado?

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2015
Supporto: Blu-ray
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 6,59

Venduto e spedito da Shop Mio

Solo 1 prodotto disponibile

+ 2,98 € Spese di spedizione

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 5,99 €)

Checco è un ragazzo che ha realizzato tutti i sogni della sua vita. Voleva vivere con i suoi genitori evitando così una costosa indipendenza e c'è riuscito, voleva essere eternamente fidanzato senza mai affrontare le responsabilità di un matrimonio con relativi figli e ce l'ha fatta, ma soprattutto, sognava da sempre un lavoro sicuro ed è riuscito a ottenere il massimo: un posto fisso nell'ufficio provinciale caccia e pesca. Con questa meravigliosa leggerezza Checco affronta una vita che fa invidia a tutti. Un giorno però tutto cambia. Il governo vara la riforma della pubblica amministrazione che decreta il taglio delle province. Convocato al ministero dalla spietata dirigente Sironi, Checco è messo di fronte a una scelta difficile: lasciare il posto fisso o essere trasferito lontano da casa. Per Checco il posto fisso è sacro e pur di mantenerlo accetta il trasferimento. Per metterlo nelle condizioni di dimettersi, la dottoressa Sironi lo fa girovagare in diverse località italiane a ricoprire i ruoli più improbabili e pericolosi. Proprio quando è sul punto di abbandonare il suo amato posto fisso, Checco conosce Valeria, una ricercatrice che studia gli animali in via d'estinzione e s'innamora perdutamente di lei. Inizia così un'avventura fantastica nella quale Checco scoprirà un nuovo mondo, aprendo la sua piccola esistenza a orizzonti lontanissimi...
4,9
di 5
Totale 10
5
9
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ela

    15/05/2020 15:46:16

    Questo film probabilmente è il punto più alto toccato dalla comicità di Checco Zalone: non si riesce a credere quanto questa pellicola sia geniale, pur nella sua comicità volutamente demenziale. Checco continua la sua feroce battaglia ironica contro manie e idiosincrasie dell’italiano medio, e in questo caso tocca alla fissazione per il posto fisso, solitamente ottenuto per vie molto traverse, in media non onorato da una buona dose di fatica e, soprattutto, difeso strenuamente per non perdere i privilegi acquisisti. Sinceramente, ho perso il conto di quante volte l’ho rivisto, eppure ogni volta rido ininterrottamente dall'inizio alla fine.

  • User Icon

    Cinzia

    13/05/2020 20:05:06

    Zalone non fa dei bei film dal punto di vista cinematografico, però nel loro essere assurdi e con una comicità grottesca fanno ridere. Perché inserisce delle cose assurde. Meraviglioso, divertente e tema trattato con ironia ma comunque attuale e veritiero. Protagonista eccezionale. Indicato per chi vuole trascorrere un paio d'ore tra allegria e risate.

  • User Icon

    Angela

    29/10/2019 14:07:08

    Film davvero molto divertente! Checco Zalone è un comico davvero bravo e in questo film non ha mai perso l'occasione di far ridere.

  • User Icon

    Luca

    24/09/2019 13:00:36

    Mai riso così tanto per un film. È un genio della comicità. Ho proprio fatto un ottimo acquisto

  • User Icon

    laura

    21/09/2019 09:34:05

    film veramente divertente che ti farà ridere per tutto il tempo! Bravissimo checco zalone

  • User Icon

    Anna

    20/09/2019 20:30:37

    Checco Zalone è ormai una garanzia e questo film non delude. La sua comicità, mai scontata o banale, permette di trascorrere un'ora e mezza di spensieratezza, pur affrontando tematiche rilevanti e attuali, quali quelle del precariato e delle ingiustizie sociali. Questa volta, poi, la produzione è stata maestosa più che mai, con tanto di una sezione ambientata nella splendida cornice dei fiordi norvegesi. Vi divertirete!

  • User Icon

    pesta

    20/09/2019 16:51:52

    Film divertentissimo, solo all'apparenza leggero e scanzonato. Come in tutti i suoi film, Checco Zalone prende di mira e stigmatizza i difetti e le idiosincrasie dell’italiano medio. In questa pericola, in particolare, il suo bersaglio è l’ambizione per il posto fisso, inteso come status symbol e garanzia di futura nulla-facenza, e quanto l’italiano sia disposto a subire pur di non decadere da questa condizione percepita come privilegiata. Eppure ognuno, se punzecchiato con i giusti stimoli, è in grado di migliorarsi e di guardare con nuovi occhi alla realtà e quindi accanto all'accusa del nostro mal costume non manca un raggio di speranza per le nuove generazioni e per chi veramente ha voglia di spendersi per migliorarsi. Inutile dire che si ride dalla prima all'ultima scena e che il tutto è condito da panorami mozzafiato.

  • User Icon

    Fantastico

    19/09/2019 12:31:30

    Puoo riguardarlo un infinita di volte che si ride sempre come la prima volta..film divertente, che non annoia e lo guardi tutto volentieri senza che sia pesante.. da riguardare più e più volte

  • User Icon

    Barbara

    19/09/2019 11:39:52

    Raramente ho riso come ho riso con questo film. Per me il migliore di Zalone. È spassoso, ironico e intelligente. Consigliato per tutta la famiglia

  • User Icon

    Angela

    10/03/2019 20:39:49

    Esilarante commedia, un Checco Zalone che ti regala risate a non finire! Consigliatissimo.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

Storia accattivante, battute gustose e satira in musica. Ma la comicità di Checco è più addomesticata e meno deliziosamente iconoclasta che in passato

Trama
Checco è stato allevato dal padre con il mito del posto fisso. A quasi 40 anni vive quella che ha sempre ritenuto essere la sua esistenza ideale: scapolo, servito e riverito dalla madre e dall'eterna fidanzata che non ha alcuna intenzione di sposare, accasato presso i genitori, assunto a tempo indeterminato presso l'ufficio provinciale Caccia e pesca, dove il suo incarico consiste nel fare timbri comodamente seduto alla scrivania. Ma le riforme arrivano anche per Checco, e quella che abolisce le province lo coglie impreparato: il suo status di single relativamente giovane lo rende idoneo alla richiesta "volontaria" delle dimissioni, a fronte di una buonuscita contenuta. Ma Checco, consigliato dal senatore che l'ha "sistemato", non cede alle richieste della "liquidatrice", la granitica dirigente Sironi e lei, al fine di liberarsene, lo spedisce in giro per tutta l'Italia, nelle sedi più disagiate e scomode. Checco si adatta e non molla. Alla Sironi non resta che tentare un'ultima carta: mandare l'impiegato al Polo Nord, in mezzo alle nevi perenni e agli orsi bianchi. Per fortuna al Polo c'è anche Valeria, una ricercatrice di grandi ideali e di larghe vedute che cambierà il destino del nostro eroe e gli farà scoprire i piaceri (e le responsabilità) di una vita civile.

  • Produzione: Warner Home Video, 2016
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 85 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS 5.1 HD)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • AreaB
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); speciale; spot tv
  • Sonia Bergamasco Cover

    Diplomata in pianoforte al Conservatorio Giuseppe Verdi, e in recitazione alla Scuola del Piccolo Teatro diretta da Giorgio Strehler, ha debuttato nell’Arlecchino dei giovani diretto da Strehler. Ha lavorato con Massimo Castri, Glauco Mauri, Theodoros Terzopoulos. E’ stata la Fatina dell'edizione teatrale e televisiva del Pinocchio di Carmelo Bene.Dal 2001 è interprete e regista di spettacoli in cui l’esperienza musicale si intreccia più profondamente con il teatro.E’ autrice di Giorni in bianco, da Ingeborg Bachmann, Croce e delizia, da Penna e Rosselli, Esse di Salomè, teatro sonoro da Mallarmé, in collaborazione con Tempo Reale di Firenze e Karénina prove aperte d’infelicità, spettacolo nato dalla collaborazione con... Approfondisci
Note legali