I racconti del Necronomicon

Howard P. Lovecraft

Curatore: Gianni Pilo
Editore: Newton Compton
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 479,95 KB
  • EAN: 9788854131521
Disponibile anche in altri formati:

€ 1,99

Venduto e spedito da IBS

2 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Angelo M.

    18/12/2012 02:16:09

    Buona raccolta di racconti horror, almeno tre all'interno del volume sono dei capolavori del genere, non do il massimo solo perchè non mi ha convinto del tutto, il mio mito del genere rimane comunque ancora l'inimitabile Poe.

  • User Icon

    Alessandro Marocco

    03/08/2012 14:02:00

    L'orrore è tra i miei generi preferiti, anche se con alcune riserve: mi piace solo quello d'autore, da Bram Stoker ad alcune opere di Stephen King, passando per l'onirico, delirante Lovecraft. Il volume è un florilegio di racconti costruiti con maestria e con un linguaggio ricercato, vivido, a tratti un tantino ampolloso (ma siamo pur sempre di fronte ad un autore del primo Novecento). Una nota negativa, a mio modo di vedere, sta nel penultimo racconto, "Attraverso i cancelli della chiave d'argento", troppo visionario, intriso di descrizioni soprannaturali difficili da immaginare, anche da chi si rapporta spesso con il genere letterario in questione. Nel complesso, comunque, una buona lettura, un classico da prendere in mano, prima o poi.

  • User Icon

    Paolo

    18/04/2010 15:36:56

    Non è il primo libro che leggo di Lovecraft. Riconosco a quest'autore delle doti indiscutibili e la sua straordinaria capacità di mettere per iscritto i frutti delle sue fantasie più sfrenate e delle sue visioni oniriche, ma rimango un po' perplesso sul risultato. I racconti sono cupi e mettono a disagio come se qualcuno, mentre leggi, ti stesse osservando, spiando di nascosto. Inoltre sono pervasi di un pessimismo cosmico ineluttabile, quasi fossimo condannati, prima o poi, a sottometterci ad un passato remoto che si perde nella notte dei tempi e dello spazio cui pensavamo di esserci liberati. Forse era il suo intendimento, ma a me non entusiasma.

Scrivi una recensione