Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Racconti fantastici-Storia di una gamba - Igino Ugo Tarchetti - ebook

Racconti fantastici-Storia di una gamba

Igino Ugo Tarchetti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bibi Book
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 235,52 KB
Pagine della versione a stampa: 234 p.
  • EAN: 9788899895464
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 1,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sei racconti scritti nel 1869 da Iginio Ugo Tarchetti, uno dei rappresentanti più talentuosi della Scapigliatura lombarda. Furono pubblicati nello stesso anno, subito dopo la morte prematura dell’autore. I temi vanno dalla superstizione alla metempsicosi, dallo spiritismo alla follia, accomunati dall’elemento del fantastico-soprannaturale. La quinta è una Milano postunitaria, in cui impazza il dilagante successo de I promessi sposi, e albeggiano il Verismo e le novità del linguaggio verghiano. L’Autore risponde con una propensione naturalista che ha in sé gli elementi del gotico d’oltremanica, in cui lo ‘spaventoso’ è rappresentato da esseri umani che camminano sul bilico dell’oscurità dell’anima. L’orrido e l’irrazionale, lo spiritismo, la pazzia e il gusto del macabro, sono proposti con un imparziale taglio scientifico, con un’attitudine narrativa che fa di Tarchetti un autore innovativo e, per dirla con Calvino, “singolarmente attuale”.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ivan Mecca 1891

    20/01/2021 21:03:08

    Che peccato che questa promessa della letteratura del neonato regno sia morta a nemmeno trent'anni: chissà quanto altri bei racconti fantastici e dell'orrore avrebbe scritto! A parte Uno spirito in un lampone, che non mi è piaciuto molto in quanto troppo umoristico, gli altri racconti fantastici mi sono piaciuti tutti, in particolar modo La leggenda del Castello Nero, con la presenza del tema a me tanto caro della Metempsicosi, e I fatali, la storia di alcuni individui portatori di sventura. Anche La lettera U è molto inquietante ed è tra i racconti quello che risente maggiormente dell'influsso di Poe. Ma il vero capolavoro del volume, soprattutto per originalità del tema trattato, è proprio Storia di una gamba, un racconto dai toni tragici, incentrato sul tema della presenza incombente della morte nella vita tramite un punto di vista inconsueto: quello di un mutilata che ha perso la gamba e che conserva in casa lo scheletro di essa come una sorta di perpetuo memento mori che condurrà ad esiti nefasti. Per me Tarchetti resta, tra i narratori italici del diciannovesimo secolo, uno dei più grandi.

  • Igino Ugo Tarchetti Cover

    (San Salvatore Monferrato, Alessandria, 1839 - Milano 1869) scrittore italiano. A diciotto anni intraprese la carriera militare, ma la abbandonò nel 1865 per stabilirsi a Milano, dove cercò fortuna nelle lettere, collaborando a diversi periodici della scapigliatura. Temperamento estroso, disordinato, sostenuto da vivaci risentimenti anticonformisti ma incline alla solitudine malinconica e alle fantasticherie macabre, consumò rapidamente le sue energie, spegnendosi a soli trent’anni. Lasciò nondimeno parecchie opere, tra le quali si ricordano il romanzo Paolina (1866), l’altro romanzo violentemente antimilitarista Una nobile follia (1867), i Racconti fantastici (1869) e quelli di Amore nell’arte (1869); incompiuta rimase la sua opera di maggior impegno, il romanzo Fosca (1869), portato a termine,... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali
Chiudi