Radical chic. Il fascino irresistibile dei rivoluzionari da salotto

Tom Wolfe

Traduttore: T. Lo Porto
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
In commercio dal: 05/04/2011
Pagine: 122 p., Brossura
  • EAN: 9788865830130
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,72

€ 7,90

Risparmi € 1,18 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Riccardo

    25/07/2017 20:31:04

    Strepitoso... a quasi 50 anni dalla pubblicazione, sembra che nulla sia cambiato (...forse perchè nulla è cambiato)

  • User Icon

    andreamaddy

    22/06/2009 20:17:57

    Sagace e feroce critica all'alta (anzi stra alta visto che siamo a Manhattan) borghesia neworkese, Wolfe mette alla berlina le ipocrisie dei benpensanti riformisti anni 70...davvero divertente e sempre attualissimo, da leggere e rileggere!

  • User Icon

    Vincent

    09/11/2005 09:47:34

    Bel regalo al pubblico italiano quello dell’editore Castelvecchi, che propone il famoso saggio del 1970, “Radical Chic”. Tom Wolfe sollevò un gran putiferio dalle pagine del New York Magazine con questo attacco corrosivo e divertentissimo alla società benestante e progressista della Upper Manhattan. Oggetto dell’ironia di Wolfe, che sarebbe stato investito dalle critiche dell'establishment letterario e intellettuale, quella moda che si andava diffondendo a fine anni sessanta negli ambienti colti e raffinati newyorkesi, e che portò personaggi come Leonard Bernstein ad organizzare nel suo duplex di Park Avenue un party (“Una riunione!” sarebbe insorto il grande compositore e direttore d’orchestra) a cui avrebbero partecipato, oltre ai soliti noti dell’elite, un gruppo di agguerrite e fichissime Black Panthrs. Nasce così – da eventi come l’episodio scelto e mirabilmente descritto da Wolfe - il radical chic, termine poi entrato nell’uso comune per identificare un bianco benestante, con idee liberali e di sinistra, che subisce il fascino di rivoluzionari radicali ammantati di romanticismo; che li invita nel suo salotto ad una serata mondana per conoscere i problemi della strada e per raccogliere fondi rigorosamente “non deducibili fiscalmente”; che poi, davanti all’insorgere delle polemiche, li scarica per tornare alla più innocua lotta per la difesa dei diritti degli animali. Il tema, quasi inutile dirlo, è ancor oggi attualissimo. A “Radical Chic” si accompagna anche il coevo e altrettanto divertente “Mau-mauizzando i Parapalle”, in cui Wolfe prende di mira i rapporti tra le minoranze militanti dei quartieri poveri di San Francisco e la burocrazia negli anni del Programma Povertà del governo.

Scrivi una recensione