Categorie

Francesco Carofiglio

Editore: Marsilio
Collana: Tascabili Maxi
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 231 p., Brossura
  • EAN: 9788831716253
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Diego

    14/05/2016 00.15.56

    Ci sono autori che scrivono pagine fitte di descrizioni e dense di particolari per raccontare scene di una storia che non sempre riescono ad emozionare il lettore. Ci sono autori invece che con una piccola e semplice storia, raccontata in poche parole e lievi descrizioni, talvolta appena accennate, hanno la facoltà di catapultarti nel mondo vivo dei ricordi, delle sensazioni vissute e scritte sulla pelle, delle emozioni forti e dei sentimenti che stentano a sbiadire nel tempo. Francesco Carofiglio è uno di questi pochissimi autori, e radiopirata è una sua conferma.

  • User Icon

    nanni

    11/10/2013 17.04.21

    Un romanzo abbastanza semplice, con una trama non eccezionale. Scorre bene, ma non raggiunge punte eccelse.

  • User Icon

    claudio

    19/05/2013 11.37.56

    Dopo aver letto "Wok", che mi è piaciuto molto, mi attendevo qualcosina in più da quest'altro romanzo di Carofiglio. Ho trovato in ogni caso conferma del suo stile letterario:piacevole, leggero, a tratti ironico e commovente. La traccia del romanzo, però, è un po' debole.

  • User Icon

    ziamicky

    07/04/2013 13.37.43

    Un salto nel passato,nei ricordi, in quegli anni 80 dove tutto era possibile ( forse ) più semplice.Pieno di musica e scritto in maniera semplice.Una storia lieve che ha qualcosa di ognuno di noi, magari, proprio solo la musica. Un libro per chi quegli anni li vuole conoscere...ascoltare! Mi ha incuriosito Carofiglio leggerò anche gli altri sui libri.

  • User Icon

    strummercave

    28/05/2012 09.51.19

    Ho letto con piacere questo libro, da grande appassionato della musica rock di quegli anni. Mi sono divertito e, a tratti, anche emozionato, nulla da dire sullo stile leggero dell'autore. Però, alla fine, la storia è ben poca cosa, e mi ha ricordato un po' troppo qualche film italiano di qualche anno fa (Radiofreccia di Ligabue e Tutto l'amore che c'è di Rubini). Il mio bicchiere, stavolta, è mezzo vuoto.

  • User Icon

    Franco

    09/02/2012 09.54.16

    Piaciuto moltissimo. Leggerò gli altri. Franco

  • User Icon

    Donato

    21/12/2011 09.20.01

    Mi hanno regalato per il compleanno gli ultimi tre libri di Carofiglio. Conoscevo di fama il fratello, ma non avevo letto nulla di Francesco. Me li consigliavano da tempo, ma come spesso capita, entri in libreria e se non vedi il libro in evidenza ti dimentichi. É stata una vera sorprendente rivelazione. Io sono un lettore accanito e mi accosto poco al computer, ma mi hanno detto che su questo sito avrei potuto dire la mia. Voglio dire che RADIOPIRATA cosí come i precedenti romanzi hanno veramente il segno distintivo della scrittura di grande qualità. E mi sorprende molto di come non siano sufficientemente pubblicizzati, o forse sono stato io disattento. Scriveró un commento anche per gli altri romanzi, di Radiopirata voglio dire solo due cose: grande capacità nel condurre insieme il racconto di tante vite diverse, grande emozione per la storia che ci coinvolge tutti. Era dai tempi dei primi libri di Ammaniti che non trovavo questa capacità. Eccellente.

  • User Icon

    Mario

    26/11/2011 12.20.00

    Confermo la mia preferenza, bella la storia e per me che sono un 40 enne, la situazione del momento ricorda i miei freschi momenti e passioni musicali. Si legge velocemente e senza appesantire, suggerisco

  • User Icon

    Augusto

    21/10/2011 12.23.09

    Un libro che mi è piaciuto moltissimo, divorato in una sera. Nel 1980 al concerto dei Clash a Bologna c'ero anch'io e proprio in quegli anni ho fatto il DJ in una radio privata appena nata. Sarà per questo che mi sono riconosciuto molto in questa storia e ho apprezzato una descrizione sentita e fedele dei sogni e delle illusioni di quella generazione, che pensava di poter cambiare il mondo con la musica.

  • User Icon

    Franca

    25/08/2011 22.21.43

    Comprato in aeroporto. Pensavo fosse un romanzo da ombrellone. E invece mi ha sorpresa! Un bellissimo romanzo di formazione. Divertente, doloroso, emozionante. Consigliato.

  • User Icon

    Mari

    25/07/2011 15.37.37

    Una scrittura essenziale che va dritto al cuore. Radiopirata é un romanzo bellissimo in cui cinema e scrittura si amalgamano in maniera perfetta. Una storia di amicizia e di solitudini, musica rock e silenzi siderali, scazzottate e corpi avvinghiati nella passione. L'ho amato moltissimo. Per me é il libro piú bello dell'anno.

  • User Icon

    Andrea

    18/07/2011 09.13.02

    Libro non eccezionale ma leggibile. Un pò troppo infantile e semplicistico, erano meglio gli altri due romanzi di Carofiglio (che è comunque meglio del fratello). Senza lode nè infamia.

  • User Icon

    Zago

    08/07/2011 19.55.17

    Mi è piaciuto molto. Belle atmosfere, bella tenuta di scrittura e bellissime citazioni musicali. Per uno che ha vissuto quegli anni come me è sato un bellissimo e commovente tuffo nel passato. Ma la storia mi sembra fondamentalmente una storia senza tempo, che parla del sogno appagato (o inappagato) della giovinezza. E' il primo che leggo di Carofiglio: questa estate leggerò gli altri. Congratulazioni.

  • User Icon

    flavia

    05/07/2011 13.23.42

    concordo. imbarazzante, infantile, banale. sconsigliato

  • User Icon

    Chiara

    01/07/2011 01.25.08

    Una storia corale, potente, scritta benissimo. Commovente, divertente, con registri di lettura diversi. Eppure semplice, leggibile, godibilisssimo. Bellissimo romanzo radiopirata. Vai così, Lupo Solitario! :)

  • User Icon

    lipotta

    27/06/2011 12.47.38

    concordo con lucia, banale. a dir poco. sembra un pensierino per le elementari, di originale non c'è niente di niente. scrittura piatta, storia già sentita e risentita, peggio dei libri harmony. se questi sono gli autori italiani che dovrebbero rilanciare la nostra cultura...purtroppo non è una caduta in basso dell'autore che anche negli altri suoi romanzi conferma l'incapacità nello strutturare il romanzo e una scrittura infantile e piatta. mi chiedo se, essendo il fratello di gianrico, abbia goduto di qualche "favoritismo" perchè a un figlio di nessuno libri del genere non sarebbero pubblicati. che tristezza... lo sconsiglio vivamente! ps per me non è neanche 1 ma...0

  • User Icon

    AB

    24/06/2011 15.20.00

    Un romanzo di formazione, e una storia collettiva piena di sorprese. Scritto con uno stile flessibile, in cui abbondano in un felice assemblaggio suoni, musiche e colori. Non ci si può non innamorare degli antieroi di radiopirata. Ciascuno di noi si riconoscerà in uno di loro. Divertente e commovente. Molto bello.

  • User Icon

    Marco

    16/06/2011 10.49.19

    Anticipato da una campagna promozionale non convenzionale, è arrivato nelle librerie "Radiopirata", il nuovo libro di Francesco Carofiglio. Radiopirata è un tuffo in ideali immortali, nello spirito di ribellione e nella volontà di dar voce al grande bisogno di libertà e autodeterminazione che si respirava nell'Italia del finire degli anni '70 inizio anni '80. Protagonisti sono quattro ragazzi che si trovano in quella fase della vita in cui si delinea il passaggio all'età adulta e nella quale, lo si voglia o meno, si è costretti a fare delle scelte importanti, che segnano il prosieguo del cammino. Ciccio è un ragazzo timido e riflessivo, con una grande passione per la musica e un sogno nel cassetto; Tonio è un genio della meccanica e dell'elettronica, costretto nei limiti dell'officina del padre; Giovanni è una promessa del calcio, innamoratissimo di Teresa, una bella ragazza che lo ama a sua volta e che sogna di diventare medico. Sull'onda dell'entusiasmo di Ciccio, i quattro decidono di dare vita ad una radio libera, ottenendo l'inaspettato aiuto del nuovo parroco di Aquilana, il giovane don Lorenzo. Se i protagonisti sono i quattro ragazzi e don Lorenzo, il racconto si evolve considerando anche le storie di diversi personaggi che gravitano intorno alle loro vicende e le cui descrizioni incuriosiscono al punto da arrivare a considerare "Radiopirata" un racconto corale: Mary Magdalene, Margherita, The Deadman, il Barone e la Baronessa sono personaggi che si impara a conoscere ed apprezzare quanto i protagonisti, in virtù della capacità di Carofiglio di esprimere le loro peculiarità anche attraverso la descrizione di piccoli particolari. Sono proprio i particolari a rendere interessante la lettura di questo romanzo: gli accenni al contesto storico e alle specificità del paesino pugliese, come le descrizioni di ambienti e personaggi, trovano nei piccoli elementi inseriti dall'autore le note di poesia che catturano l'attenzione del lettore.

  • User Icon

    Anto

    15/06/2011 17.46.52

    Un altro romanzo italiano bello, originale, sorprendente. La piccola epopea di un piccolo mondo forse immaginario che improvvisamente e inconsapevolmente sfiora il mito. Ho molto amato questi ragazzi (in particolare Teresa) capaci di superare il confine, di darci in un modo o nell'altro una speranza. Carofiglio si conferma uno scrittore di razza. Consigliato.

  • User Icon

    MAG

    14/06/2011 10.18.28

    Anche a me a ricordato un libro di Benni che ho molto amato. La storia è assai diversa e anche lo stile, ma c'è qualcosa nell'aria che mi ha riportato a "comici spaventati guerrieri". Molto bello, corale, con una splendida colonna sonora. Lo consiglio.

Vedi tutte le 24 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione