Categorie

Rossana Rossanda

Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2005
Pagine: 385 p. , Rilegato
  • EAN: 9788806143756


«Ognuno avrebbe fatto la sua strada e quando ne leggo le ricostruzioni tutto mi pare vero e sfocato, perché per un paio d’anni si fu assieme, senza generazioni e gerarchie, ci conoscevamo tutti, tutto si stava facendo, e anche i disaccordi avevano un sale.»

Pur ammirando la lucidità e l’acutezza dei suoi interventi su «il manifesto», nei confronti di Rossana Rossanda ho da sempre (e penso di non essere la sola) provato un sentimento contraddittorio, condizionato dall’impressione che in lei ci fosse un distacco, una troppo consapevole superiorità rispetto al lettore che impediva l’empatia, l’emozione, insomma quel turbamento non solo mentale, ma “del cuore” che gli articoli di Luigi Pintor avevano sempre saputo suscitare e che, alla sua scomparsa, ha fatto sentire tutti un po’ orfani e soli.

Ebbene questa autobiografia sembra voler smentire con forza quanto per anni molti hanno pensato della sua autrice: brava, ma supponente, brava, ma lontana…

La presenza in classifica del libro ormai da settimane indica come sia stato proprio il “passaparola” ad imporlo, forma autentica di successo di un’opera, e il perché è chiaro: mai ho letto un testo che abbia saputo trasmettere con tanta energia il percorso di una persona, attraverso i grandi movimenti del secolo scorso, proponendoli con l’intensità di chi li guarda dall’interno e all’interno di essi agisce.

La prima parte vede una ragazza borghese, figlia di una famiglia intelligente, dover affrontare il primo dei tanti traslochi della sua vita, da Pola a Venezia. Cambiamenti radicali, perdita di alcuni agi, ma nessuna privazione vissuta come tale. Il rapporto con la sorella, da cui solo due anni la dividono, appare fin da subito forte e solidale, la madre è una figura solare, il padre è colui con cui condividere fin da giovanissima la passione per la lettura e una certa sintonia di carattere. Da Venezia a Milano, dall’infanzia all’adolescenza, e intanto fuori da casa il fascismo: ma lei, come probabilmente tante sue coetanee, non avvertono bene che cosa ciò significhi, anche per una certa volontà, forse neppure consapevole, della famiglia di tenere lontano il privato dalla volgarità del pubblico.

Questa inconsapevolezza sarà poi l’elemento che domina anche alcuni momenti cruciali della storia italiana che sfiorano appena la liceale Rossana. L’assenza improvvisa della compagna ebrea non suscita domande, la guerra di Spagna così come è riportata dalla stampa crea un certo orrore per quei “rossi” anticlericali e cruenti, insomma l’approdo all’università la vede piena di stimoli intellettuali, ma del tutto priva di quella che chiameremo coscienza politica. L’ammirazione per alcuni docenti, e in particolare per Banfi, il passaggio in clandestinità di Marchesi, l’improvvisa scoperta del comunismo dopo un fine settimana passato a leggere in modo forsennato testi cruciali consigliati da Banfi stesso, il mettersi a disposizione della Resistenza: passaggi straordinari che coinvolgono il lettore facendogli capire molto di più di un periodo storico e il tutto presentato con la passione, la semplicità, l’incoscienza dell’età in cui era stato vissuto.

Le pagine che raccontano, senza alcuna nota trionfale o eroica, quegli anni drammatici e non privi di contraddizioni, così come quelle che parlano del dopoguerra, dell’adesione al Partito Comunista e dell’attività dirigente al suo interno, non dimenticano mai le dinamiche familiari e private in un perfetto equilibrio (così come avviene nella vita) tra le varie componenti di una persona, gli affetti, gli interessi, gli errori e le ambiguità. Credo che proprio questa sincerità austera sia una delle note di merito del libro che, e passiamo agli anni successivi e al sempre maggior impegno nel Partito, raccontando la storia di una singola vita, permette di ripercorrere anni fondamentali della storia recente non solo italiana.

Un’altra riflessione spontanea: l’importanza nella società del Pci, il suo essere luogo di idee, d’incontro e di crescita, al di là dei ruoli specifici, “fra la fine degli anni cinquanta e nei primi sessanta ci fu un veloce cambiare delle idee e perfino delle cose attorno a noi. Era il boom, la coesistenza, la nuova frontiera, la fine dei colonialismi – il tutto accompagnato da un crescere della sinistra e della buona coscienza”.

La passione del fare politica: “Mai ci si realizza come assieme agli altri, cui con naturalezza si spiega come fare – dev’essere il temibile materno, fabbricare le creature, nutrirle, insegnargli a camminare, svezzarle malvolentieri. Mai si è meno sacrificati che in un collettivo che hai scelto e cui ti credi necessaria.”

E poi il Sessantotto: “Del maggio francese si dovrebbe parlare con serietà, quasi solennemente, perché sia chi lo apprezza sia chi lo detesta non nega che abbia costituito una cesura storica”.

L’ultima parte, quella della frattura dal Partito, non è dominata da sentimenti di rancore o di rabbia, c’è un profondo rispetto, una stima (in particolare per Ingrao e Berlinguer) che la differenza frontale di posizioni e di scelte non incrina, così come anche dall’altra parte non vi fu nessuna volontà di discredito nei confronti del gruppo de «il manifesto». Uno stile e una grandezza morale insomma che oggi profondamente si rimpiange.

Il prodotto e la causa scatenante quella radiazione sono tuttora un importante riferimento politico-culturale, luogo di dibattito e riflessione, il manifesto nasce dalla speranza e dall’aspirazione di farsi voce, luogo e crogiuolo di una nuova cultura di sinistra: “Speravamo di essere il ponte fra quelle idee giovani e la saggezza della vecchia sinistra, che aveva avuto le sue ore di gloria. Non funzionò. Ma questa è un’altra storia”.

A cura di Wuz.it


Le prime frasi

Capitolo primo

Non ho trovato il comunismo in casa, questo è certo. E neanche la politica. E poi dell'infanzia non ricordo quasi niente, e poco dei primi sette anni nei quali - secondo Marina Cvetaeva - tutto sarebbe già compiuto. Non ho nostalgie di un'età felice né risentimenti per lacrime versate nella notte. Dev'essere stata un'infanzia comune, affettuosa, un'anticamera, una crisalide dalla quale avevo fretta di uscire per svolazzare a mo' di farfalla. Tutti mi sembravano farfalle salvo i bambini.
Sono nata negli anni venti a Pola con sconcerto delle anagrafi: nata a Pola (Italia), a Pola (Iugoslavia), a Pola (Croazia). Allora era Italia. Sulla punta dell'Istria, tra il verde e gli scogli bianchi scavati dai datteri di mare. Poco oltre le isole del Carnaro e frammenti di isole, come la Fenera e Scoglio Cielo che erano di mia madre. Non so come si chiamino adesso, non sono mai tornata. Erano abitate dai conigli selvatici, vi approdavamo dal bragozzo, i narcisi erano alti come me e profumavano forte. Mamma mi insegnava a cogliere gli asparagi selvatici affondando le dita nel muschio. Qualche fotografia di uomini col fucile e signore dalla vita lunga e calottine fino agli occhi fissano anche me, ridente e stupidella. Ma mi è rimasto in mente il serpente nero che traversò la tovaglia stesa sull'erba con le uova sode e il salame, e tutti balzarono su, e mi sentii dimenticata. Quell'ondulata creatura sparì velocemente. Poi cadeva un tramonto rosso e scendendo verso il bragozzo le figure diventavano nere contro luce, come nella fotografia di mia madre, le braccia cariche di narcisi, di profilo vicino al barcone dalla vela latina. Contro ogni probabilità sono certa di esser nata quella notte.
L'alto Adriatico era uscito dall'impero austroungarico da una decina di anni e i miei misuravano il tempo in «prima della guerra» o «dopo la guerra». La guerra stava alle spalle, nell'album trovo minuscole foto di aeroplani azzoppati, case sbreccate, una cupola bizantina china da un lato, forse in Serbia, forse in Ungheria. Ungherese è la dedica di una piccola raccolta di foto di mia madre, «Anitanak 1917», e si apre con lei sedicenne, il viso al vento, una gran gonna a pieghe, il giaccone marinaro, davanti al timone d'una nave da guerra. Mamma non lo me lo fece vedere mai, quell'album forse di un innamorato, lo trovai fra le sue carte dopo che morì, apparteneva alle cose prima di me che mi erano irrimediabilmente tolte. Da piccoli duole di essere privati del passato come da vecchi del futuro. La guerra era un segnatempo e tale sarebbe rimasta finché la privata sciagura del 1929 non ne avesse imposto un altro. Del passato papa e mamma non tradivano nostalgie, erano stati irredentisti, la sciamannata Italia li aveva delusi, a Trieste nessun impero guardava più come al suo sbocco al mare né i Mann o i Mahler scendevano più ad Abbazia. Restò una terra di frontiera ma slittò a margine, pezzo d'Italia tra due guerre. Se i miei nutrivano rimpianti se li tennero dentro. A distanza credo che ne fosse venuto loro un certo scetticismo, ma non erano della stirpe degli imprecatori. Intanto loro erano il misterioso prima mentre io soltanto l'adesso, il che mi amareggiava assai. Il prima risuonava di nomi fascinosi - non Franz Joseph che non so perché si nominava sorridendo, né Zita, Ferdinando, Sarajevo dei quali ai bambini si taceva - ma quelli che aveva lasciato in giro la risacca della Mitteleuropa, Hunyadi, Esterhàzy, Karageorgevic, Kupelwieser. Papa e mamma parlavano fra loro in tedesco. Mai con noi, forse volevano fare delle figlie due persone normali invece che gente di due luoghi, due origini e tre lingue. Papà non aveva voluto sostenere in tedesco la tesi a Vienna, e quel tollerante impero gli aveva permesso di discuterla in latino: era una tesi di diritto, ma la facoltà si chiamava ancora di Teologia. Nessuno fu meno fanatico dei miei, meno incline a leggere il presente sul passato. O forse è una qualità della gente di frontiera. Cesare Battisti e Nazario Sauro hanno frequentato i miei primi anni con discrezione. Nel corpo a corpo per lavarci i capelli, mamma canticchiava: «Nell'Italia, e dei Rossetti, no se parla no se parla che italian». Chissà perché «e dei Rossetti», dei quali facevo vagamente tutt'uno con nude signore dalla capigliatura fluente tra fronde di alloro nelle xilografie di De Carolis appese alle pareti, accanto a Beethoven e all'inquietante Isola dei morti. Pola era città di miscele, per casa giravano il giovane dottor Peschle, del quale ero follemente innamorata, e il vecchio dottor Ughi, i Dejak e i Rocca, ci si muoveva fra via Marianna e via Kandler, in cucina c'erano lo Sparhert e il tamiso, in tavola la jota o la pastina in brodo, il Kaiserfleisch o il salame e i Kipferln convivevano con i biscotti. In giardino c'erano le rose sul viale davanti e le Fenstrosen su quello dietro, e per la mia festa fiorivano i Flieder. Dalla soffitta a nord sciamavamo a sera i Fliegermause mentre il cane era il cane e il gatto era il gatto. Da dove venivamo? Istriani cioè triestini, si diceva. La nonna vestiva di nero con un bel fiocco di seta al collo, perché era vedova d'un ufficiale della Marina austriaca che l'aveva lasciata con una modesta pensione e quattro ragazze: il tenente De Simon era affondato nel tempo, non ne ho mai saputo il nome. Nonna aveva accasato tre figlie nei dintorni della Marina; tutte e quattro avevano fatto le scuole austriache, scrivevano negli eleganti corsivi gotici e le due maggiori si erano fidanzate ancora nelle lunghe gonne e immensi cappelli di velluto nero, giusto prima che Chanel scorciasse abiti e chiome.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paola

    01/09/2012 10.29.30

    L'ho regalato qualche anno fa ad una zia novantenne che lo ha già riletto almeno un paio di volte. Parla di una Torino dove visse proprio negli anni che Rossanda racconta, ma non le è piaciuto solo per questo. E' una grande lettrice da sempre e non di bocca buona.

  • User Icon

    Euge

    05/07/2011 12.14.51

    Sono arrivato a metà e mi sono bloccato perché è troppo prolisso. È comunque un libro da leggere, perché offre una prospettiva molto interessante su circa un secolo di storia italiana. Sebbene sia pubblicato nel 2005, ci si chiede innanzitutto perché termini nel 1969. Da quel che si legge, poteva essere un'ottima professoressa di lettere e storia dell'arte, ma quanto a politica lascia un po' a desiderare. Già negli anni del Ventennio, non troviamo una persona che vive nel terrore, ma una ragazzina che vive tranquillamente la sua vita, va a scuola, all'università, senza imposizioni e si fa le letture che preferisce. Diverse pagine in cui elenca i suoi quadri preferiti, ma manca invece una riflessione sulle letture politiche preferite: si limita a citare qualche titolo. Addirittura ammette che per tanti anni conosceva a malapena il nome di Gramsci. E infatti la scelta antifascista, come è stato per tanti italiani, è più perché non voleva la guerra. Più quasi per caso, superficiale e banale: non conosceva gente tra i repubblicani e i comunisti erano semplicemente i più decisi a desiderare la pace. Ma non spiega cosa della dottrina fascista non le piace, cosa nelle istituzioni fasciste era carente. Non ha mai lavorato in vita sua, e quindi ammette di non conoscere dal vivo i problemi dei lavoratori. Era una burocrate di partito che se ne stava in sede e, quando andava a incontrare gli operai, semplicemente parlava di protesta e speranza. Di fronte ai morti dei regimi comunisti non fa una riflessione organica, non fa ammenda. Fino al 1948, sapeva a malapena che esistesse l'URSS, quando poi va a visitare Mosca, la portano a divertirsi a teatro, ma la vita la vede di nuovo da fuori.

  • User Icon

    alessandra

    26/08/2009 01.27.32

    Che bella la figura della zia Luisa così "borghesemente fedele" come tutte le mie care nonne e zie!

  • User Icon

    Dario Petrolati

    06/05/2009 08.49.10

    Ho conservato come fosse una icona questo bellissmo libro icona spero che venga ristampato e diffuso anche in edizione economica intervengo per la terza volta in questi cortesi spazi e desiderei che la vita e l'opera della Rossanda fossero diffusi e fatti conoscere alle nuove generazioni è senza dubbio un libro stupendo e commovente sia per gli eventi che per lo stile umano umile con cui è stato scritto io pur conoscendo gli eventi di cui si parla ogni volta che riapro 'sto libro mi commuovo e non posso che formulare infiniti auguri alla mitica Rossanda. Auguri per il 25 aprile scorso ed il primo maggio anche se con ritardo ricordo spesso questa figura pulita di donna colta. dario.

  • User Icon

    francesca

    28/04/2008 17.31.07

    Commovente. per motivi personali e vissuti di coscienza. un grande libro. fluido, schietto, come la grande donna che lo ha scritto. abbiamo bisogno di grandi donne in questo mondo di uomini al potere miseri, spesso maldestri che si crogiolano nella loro inettitudine. commovente.bellissimo.brava.

  • User Icon

    Alisa Mittler

    23/10/2007 18.14.10

    Racconto di vita più che analisi di un'epoca. Troppi i “non ricordo”, e i punti poco chiari, almeno per chi in quell'epoca non c'era. La prosa è in alcune parti sciatta e poco comprensibile, tanto che, più di una volta mi sono dovuta fermare per rileggere qualche paragrafo.

  • User Icon

    carlo

    10/09/2007 18.47.13

    Non ho ancora finito di leggere il libro, diciamo che mi mancano una 40 di pag. il mio giudizio è contrastato, da un lato c'è un’ammirazione a prescindere dalla lettura del libro, per la militante politica e per il suo pensiero, e questa ammirazione mi porta una certa sudditanza di pensiero nei confronti della scrittrice. Il difetto grosso che trovo nel libro, è il dare per scontato che il lettore conosca tutti i personaggi citati,sapere chi è il personaggio che in quel momento si sta discutendo è importante per la corretta lettura,poi qualche altre spiegazioni su alcune situazioni lontane nel tempo doveva essere data,cito ad esempio fattore "K",chi sotto i 50 anni se ne ricora di questo fattore K?per questo la lettura del libro diventa lenta.

  • User Icon

    Dario Petrolati

    30/04/2007 08.37.45

    Domani sarà il 1° maggio! Pare che Rossana sia indisposta.Chi non avesse letto questo libro lo faccia subito ed invii un augurio ed infiniti ringraziamenti per averci ricordato la Sua vita. Questo libro lo tengo sul mio comodino e quando guardo la foto di copertina trovo Rossana bellissima.Penso a chi l'ha amata, a chi da Lei è stato amato.Oltre la Sua esperienza di vita pensate alla donna , ai suoi desideri nascosti,soffocati per realizzare ideali politici.Buon primo maggio Rossana. dario.

  • User Icon

    Marisa

    23/03/2007 18.23.17

    non sono riuscita a finirlo. Lo trovo scritto malissimo. L´organizzazione del testo e´povera. Lo trovo molto noioso. Mi dispiace. L´anticomunismo non c´entra per nulla.

  • User Icon

    Sergio

    26/02/2007 23.54.29

    Preferisco decisamente la Rossanda editorialista del "Manifesto". Un libro mediocre.

  • User Icon

    Renato Patanè

    05/12/2006 15.24.09

    Mi pare ci fosse una domanda iniziale (perchè sono comunista)a cui l'autrice si sia dimenticata di rispondere... A parte qualche passo un po' curioso...veramente molto noioso E SCRITTO MALE, senza neanche una revisione dell'organizzazione del testo. Mi dispiace, mi aspettavo molto di più...veramente molto deludente

  • User Icon

    Erbaviola.com

    02/12/2006 23.53.39

    Rossana Rossanda mi ha colpita e profondamente a 13 anni, vedendo la sua Antigone in un teatro milanese. Fu una cosa fortuita dovuta a un colossale quanto positivo errore di una professoressa di lettere che decise di portare le alunne di una prestigiosa scuola cattolica gestita da suore a vedere Antigone... e per ignoranza non diede peso a quel "Sceneggiatura di Rossana Rossanda". Fu un caso fortunatissimo e ringrazio ancora dell'errore. 30 anni dopo, ne ho fatto un altro: questo libro. E' la caduta. Tralascia argomenti essenziali per uscite sessantottine sul mestruo. Capisco che per delicatezza verso i propri cari si possa sorvolare su precedenti amanti e mariti, ma a questo punto è inutile una biografia. Scrivere "fu allieva di Banfi" ha un senso ma "ne sposò il figlio Rodolfo" no? Ha un senso anche politico, non solo di cronologia di vita della Rossanda. Non capisco davvero. Ho trovato che in questa biografia troppo ma veramente troppo sia taciuto e quello che invece non è taciuto è giustificato. E' tutto un "non mi sono accorta", "non vedevamo", "non sapevamo". Che peccato! Mi aspettavo la grande dignità di confermare le proprie idee o semmai dire "ho sbagliato" con fermezza, che è altrettanto dignitoso. Vorrei non averlo preso e essermi tenuta la Rossanda che conoscevo per altri lavori (il libro sulle brigat e rosse o quello con Ingrao per esempio).

  • User Icon

    Dario Petrolati

    03/11/2006 17.35.04

    Ho già espresso a suo tempo la mia impressione su questo libro.Mi ero ripromesso di rileggerlo e dire la mia effettiva sensazione provata nel rileggere la vita, le esperienze di vita politica della Rossanda. Le zie di mia moglie,Benedetti-Forastieri Barbara ,Nina,Picchia , di matrice aristocratica e di conseguente cultura , studiarono negli anni della Rossanda a Venezia.Tutte e tre tornarono a casa ( Senigallia ),anticomuniste,nobili di animo e ricche di lignaggio. Da Pola a Venezia.Da Senigallia a Venezia.Strade parallele con altri opposti ritorni.Le Zie di Mia Moglie erano strettamente legate alla famiglia Mastai Ferretti.Una Barbara fu l'addetta al rifacimento della camera , ove trascorse l'infanzia il futuro PIO IX.Ogni riga ,parola di questo libro mi cattura, immalinconisce.Quanta dignità, esperienza di vita.Grazie per averci parlato di quel periodo. dario petrolati ( Padova )

  • User Icon

    federico

    06/10/2006 21.19.43

    semplicemente un libro necessario. Il senso dell'impegno civile, la volontà di lasciare un segno nel mondo,la tensione verso un altro orizzonte: cioè la più grave perdita degli ultimi vent'anni.

  • User Icon

    Fabio Marchioni

    02/10/2006 22.20.43

    bel libro!! appassionato e ben scritto,ma del resto al sintassi della Rossanda la conosciamo tutti. L'analisi è lucida precisa e attenta. Una bella testimonanza di passione civile e politica che,come capita spesso, ci fa guardare il passato con nostalgia e rimpiano. Com'era ovvio è molto severo anche il giudizio storico sull'operato del PCI anche se francamente pensavo che il libro parlasse un po' di più del periodo successivo al 1969. comunque rimane un'ottima lettura.

  • User Icon

    Vale

    28/09/2006 21.06.57

    Bello e appassionante. Intelligenti reflessioni sulla vita Ne vale la pena.

  • User Icon

    Claudio

    24/09/2006 00.42.14

    Non vorrei che anche la Rossanda si sia fatta prendere dalla moda di scrivere la propria biografia come molti altri personaggi politici hanno fatto. Dal libro non apprendiamo niente di nuovo, anzi si respira aria di vecchio.

  • User Icon

    fabrizio

    08/09/2006 14.27.48

    Il libro è noioso. Non è scritto in italiano, ma in un gergo intellettual-politichese, con una punteggiatura e una sintassi debilitanti. I ricordi, eccettuati pochi casi, non hanno molto spessore. Le considerazioni storiche non sono originali: chi segue la politica da qualche decennio oppure ha già letto libri di storia, non sa che farsene. Il parlare delle proprie mestruazioni è uno sgradevole omaggio al femminismo, da cui Rossanda si è lasciata troppo superficialmente influenzare. Ma quando ci fu l'ondata del femminismo, Rossanda aveva già quasi 50 anni. Da una donna della sua cultura e intelligenza, mi sarei aspettato una più salda e tenace consistenza, e non che inseguisse gli aspetti caduchi delle novità. Il suo modo trasandato e complicato di scrivere deriva da un orgoglio intellettuale tanto grande quanto superficiale, che si ramifica spesso in eccesso di disinvoltura, d'ironia, di egocentrismo. Dico questo con dispiacere.

  • User Icon

    Gaetano

    03/09/2006 19.17.45

    Certamente un libro da tenere nella propria libreria se si vogliono conoscere e meglio comprendere alcune pagine della storia di questo paese. Pagine che riguardano il "complesso" e a volte "travagliato" percorso del più grande Partito Comunista europeo. Il libro della Rossanda, per me oggi cinquantenne, che ho vissuto "intensamente" la scelta di uscire dal PCI nel ’72 (ero appena iscritto alla Fgci), è anche un rileggere la propria storia politica attraverso pagine straordinarie, che sanno trasferirti emozioni. Quelle emozioni che riescono a ricrearti uno stato d'animo a volte dimenticato, ma che rivive nelle pagine non scritte di questo libro, che ognuno di noi, invece, ha scolpite addosso e che sono parte integrante della propria vita. Grazie Rossana

  • User Icon

    Silvia

    01/08/2006 11.56.23

    Ho letto il libro di Rossana Rossanda con autentica curiosità e piena di aspettative che non sono rimaste deluse. Emerge l'occhio lucido, anche se inevitabilmente coinvolto, dell'autrice, con uno stile che denota una grande cultura: non solo il linguaggio e la terminologia usati, ma le stesse strutture sintattiche non sono del tutto usuali. E poi tutte le notizie su anni in cui non c'ero, e che ho letto solo sui libri di scuola; anche se spesso mi sono persa un po' tra nomi e fatti dati per assodati... E' stata una lettura gratificante, quando chiudi un libro e ti senti soddisfatta. E non capita spesso!

Vedi tutte le 51 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione