La ragazza di Vajont

Tullio Avoledo

Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 10 giugno 2008
Pagine: 310 p., Brossura
  • EAN: 9788806191641
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    pint74

    19/07/2013 12:32:04

    Ottimo libro,una storia originale,anche se ,in alcune parti ,non e' stata approfondita come ci si sarebbe aspettato.Il personaggio principale ci descrive un'Italia allo sbando,in una sorta di mondo alternativo ma molto credibile.Una nazione senza piu' speranza e senza piu' sogni,senza ideali e senza morale.Unica luce in mezzo all'oscurita' e' una ragazza,quella che da' il titolo al romanzo,una creatura speciale che riesce a dare un po' di luce in un mondo buio.Attraverso i ricordi e le riflessioni del personaggio principale,riusciremo a scoprire cosa ha portato la nazione a tutto questo,perche'la gente si e' trasformata,si e' disumanizzata...Una storia che potrebbe sembrare banale ma,man mano che si procede nel racconto,scopriremo essere profonda e carica di significati,carica di morale.Unica pecca ,a mio parere,il non aver approfondito la vicenda delle visioni e dei falsi ricordi del protagonista,cosa che lascia alcune domande in sospeso...Per il resto,questo e',a parer mio,un'ottimo racconto,vale la pena leggerlo.

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    25/07/2010 17:49:09

    Gran bel libro; una evoluzione intimista dell'altrettanto riuscito "Stato dell'unione"; anche qui il presente alternativo si insinua gradualmente, in maniera quasi subdola, nella storia.....Avoledo si conferma una delle migliori penne in attività oggi in Italia; come nei thriller, però, anche nei romanzi ucronici la cura per i dettagli deve essere massima....(coltello o pistola?)

  • User Icon

    daniele

    01/12/2009 13:06:21

    Magari era un libro ambizioso, ma forse doveva prendersi un po' piu' di tempo..sta scrivendo due libri all'anno! Lo considero il piu' bravo scrittore italiano in circolazione, ma questo libro non e' all'altezza. Pesante, a volte noioso, e credo non sia riuscito a esprimere cio che voleva, almeno io non l'ho capito. Scusami Tullio. E' il commento di un tuo grande ammiratore.

  • User Icon

    giovanni b.

    04/03/2009 03:39:02

    Tullio, fermati un attimo! Stai esagerando. Dedicati anche alla giurisprudenza, non solo alla scrittura. Insomma, respira con calma, placa la tua ansia di farti notare o di esibizionismo e rifletti su di te, la tua vita, i tuoi affetti, e lascia un po' di spazio anche agli altri. Non si può far uscire due libri all'anno o giù di lì, la mente si stanca e non distingue le cose dette e ridette, mentre la vena perde di originalità e freschezza. E sparisce nei lettori il gusto della scoperta. Come è accaduto a me. Bella la ragazza della copertina: il libro l'ho comprato per questo. Il grafico mi ha fregato. G.

  • User Icon

    francesca

    27/11/2008 17:34:07

    Libro ben scritto e originale.E' vero, all'inizio è difficile raccapezzarsi nel mondo in cui si svolge la storia, ma poi ti coinvolge. Ti fa riflettere su come sia difficile giudicare anche chi ha commesso senza dubbio il male e sull'importanza dell'amore per dare un senso alla nostra esistenza.

  • User Icon

    cristina

    22/09/2008 19:06:03

    La trama del romanzo trae in inganno. E' una storia che si svolge in paesi geograficamente conosciuti, ma che non sono più come noi oggi li vediamo e fin qui non ci sarebbe niente di strano, ma la vicenda del protagonista è contorta, non segue un filo logico, non si capisce dove finisce l'immaginazione e inizia la realtà. Pesante.

  • User Icon

    Oliver

    02/09/2008 18:06:48

    Un bel libro, che conferma la sapienza di Avoledo nel calarsi di tanto in tanto in toni più cupi rispetto a quelli dei suoi primi romanzi. Il brano più bello è la descrizione del vero Comune di Vajont; dopo la visita a Crespi d'Adda in "Breve storia di lunghi tradimenti", viene esplorata in modo suggestivo un'altra rovina del moderno. Il 4/5 è viene dalla convinzione che le corde della satira sociale restino le più adatte alle corde dell'autore; in ogni caso, un'altro lavoro ben al di sopra della media, nel panorama della vecchia, vecchissima letteratura italiana.

  • User Icon

    Alberto

    12/07/2008 12:12:18

    Un consiglio? Non si puo' non leggere...magico, avvolgente, intrigante...complimenti veri all'autore

  • User Icon

    Amodeo Giuseppe

    18/06/2008 14:14:57

    Avoledo ritaglia un altro spaccato della nostra civiltà ancora più intimista e ancora più penetrante rispetto alle sue fatiche precedenti. Se in molti libri ci affascina talmente il racconto che non vediamo l'ora di giungerne alla fine per conoscere l'epilogo della storia qui la voglia è quella di conoscere la frase successiva, il capitolo successivo. Ogni frase, ogni capitolo è uno stillare dell'anima,di moti del pensiero, di gemme della mente. In una cruda realtà post - atomica, post- guerra razziale la cruda realtà degli animi dei protagonisti è sciorinata in un percorso che dal buio porta alla luce, attraverso la costruzione dei ricordi e di nuove coscenze. Dire che questo è un bel libro è dire niente; è un libro "da leggere", assolutamente.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Nelle contrade venete la narrativa ha fiutato forse prima che altrove, in Italia, miasmi e veleni del collasso antropologico, culturale, ambientale che il nostro paese, e non solo, sta attraversando. E pour cause. Questa terra, nell'ultimo trentennio del secolo scorso, ha visto, come si sa, un impetuoso e selvaggio sviluppo economico fondato sull'autosfruttamento, sulle dinastie imprenditoriali familiari, sul metalmezzadro, sul capannone diffuso, uno sviluppo portatore di notevole ricchezza, ma impietosamente violento verso l'ambiente e incunabolo dell'ideologia leghista con le sue venature razzistiche.
Oggi, naturalmente, come globalizzazione vuole, siamo alla fase delle ristrutturazioni altrettanto impetuose e selvagge. Questo è il rumore di fondo che percepiamo leggendo, fra gli altri, i più lievi e garbati romanzi dei fratelli Ervas (Marcos y Marcos), come i più fantasiosi e avveniristici romanzi del friulano Tullio Avoledo, lo "scrittore-bancario". Dotato di grande facilità e felicità di scrittura, nel giro di pochi anni, a partire dal 2003, Avoledo ha già messo a segno sette romanzi, i primi presso Sironi (L'elenco telefonico di Atlantide, che lo ha fatto conoscere, Mare di Bering, Lo stato dell'unione), i successivi presso Einaudi (Tre sono le cose misteriose, Breve storia di lunghi tradimenti e questo La ragazza di Vajont) e l'ecologico e oscuramente minaccioso L'ultimo giorno felice nella collana "VerdeNero" delle Edizioni Ambiente. Non tutti di uguale valore, com'è ovvio, talora poco limati e un po' troppo inclini a uno spirito manieristico che si vuole politicamente scorretto, mettono insieme ristrutturazioni nel mondo del credito, campagne per l'Identità celtica e misteriose e rocambolesche cospirazioni internazionali, ferrigne ma seducenti donne di potere (aziendale o politico), routine familiare, sesso e bevute, in un cocktail comunque sempre godibile. Il cronotopo è la zona veneta in un tempo pressoché parallelo a quello reale. Ovunque aleggiano inquietanti riferimenti al nazismo.
Il fascinoso e quasi perfetto La ragazza di Vajont (c'è solo qualche défaillance nei momenti più sentimentali della trama), un punto di arrivo per Avoledo, si inserisce in questo quadro, pur distinguendosene per tono, controllo stilistico (non c'è la coazione alla battuta) e compattezza della trama (fondamentalmente due personaggi, nessun intrigo). Ci troviamo nel Friuli in un 2007 esito di un'altra storia. La regione fa parte di un regime totalitario postumo, ispirato al nazismo e alle sue dottrine di purezza razziale. Tutto è cristallizzato, freddo, algido. Il benessere è scomparso. I cellulari sono un prodotto dell'immaginazione. Le poche automobili circolanti appartengono ai membri del Partito. Le case sono prive di riscaldamento. Neve e fango dappertutto. Il passato è nebuloso, le memorie cancellate. Un brivido percorre il libro insinuandosi nel lettore. In questa cornice si sviluppa la rapida e delicata vicenda che prima unisce, e poi divide, il protagonista (un tempo scrittore e saggista, che pare sia stato l'ideologo del regime grazie alle sue suggestive e meticolose ricostruzioni del nazismo) e una giovane mischling, mezzosangue, e dunque inferiore, la "ragazza di Vajont" appunto. Una senza nome dall'epiteto quanto mai evocativo (ma non per lei): come il "nuovo" paese di Vajont anch'essa è senza storia, anche nel suo destino c'è o incombe una catastrofe.
L'abilità di Avoledo, in questo romanzo, sta nelle sfumature, nelle ambiguità, nelle allusioni: non ci sono dirette citazioni dell'oggi; il regime totalitario è appena tratteggiato, lo sentiamo soprattutto negli effetti di autocensura che produce sui cittadini-sudditi, nell'asfittica atmosfera in cui sono costretti a vivere; non è chiaro se il protagonista ci racconti la verità o la mistifichi (d'altronde è sua la sola campana che sentiamo), se ricordi o meno i suoi trascorsi; la mistificazione, se c'è, potrebbe anche essere inconsapevole; sicuramente l'uomo sa troppo ed è tenuto d'occhio dal regime; sicuramente è sottoposto a sedute di controllo psicologico; ma sicuramente anche gode di eccezionali privilegi (dispone di una Jaguar); certamente ci sono terribili macchie nel suo passato (ha condiviso il crimine di stupro di gruppo, tra l'altro eccitandosi); certamente alla ragazza, che peraltro a lui ridà vita, offre a sua volta una possibilità di vita (ed è il gesto che di fatto conclude il libro con un'apertura sul futuro). Senza parere, Avoledo ci conduce sul sottile crinale che divide l'innocenza dalla colpa o, meglio, che le congiunge. Così come ci suggerisce che non sempre la storia è maestra di vita, anzi può magari insinuare nelle menti nefasti modelli. Il libro è dedicato a Iris Chang, autrice dello Stupro di Nanchino, morta suicida, si dice, di fronte all'orrore della materia studiata, così come il protagonista del libro, del cui nome sappiamo solo che contiene una doppia "l" (Tullio, forse?), ha sentito (in passato?) un'attrazione fatale per il suo oggetto di indagine. Certamente, nel suo presente ucronico, continua a foggiare modellini di aerei scaturiti da tecnigrafi nazisti.
Mario Marchetti