Il ragazzo di Bruges

Gilbert Sinoué

Traduttore: E. Romano
Editore: BEAT
Collana: BEAT
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 287 p., Brossura
  • EAN: 9788865590324
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 4,86

€ 9,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Trixter

    15/01/2016 11:18:42

    Leggere un libro quasi per caso e restarne avvinto per tutta la durata della lettura. Il romanzo è scritto in modo molto agile e risulta sempre leggero, anche allorquando l'autore si intrattiene su aspetti più tecnici e nozionistici sulla pittura. La trama "gialla", per così dire, pur non essendo elaborata, rimane gradevole ed avvincente. Insomma, Sinouè ci regala un bel romanzo, frizzante ed armonioso, da leggere tutto d'un fiato.

  • User Icon

    moreno63

    27/08/2015 14:00:21

    Libro piacevole, scritto bene. Il finale, forse, un pò affrettato.

  • User Icon

    giancarlo

    14/11/2011 13:15:39

    brutto libro, noioso e mal scritto, non capisco che gli ha dato il massimo del voto, in quanto e' veramente carente di descrizioni storiche, di descrizioni degli ambienti, si vede che lo scrittore ignora la realta' storica del periodo. brutta la trama gialla della storia, sconsigliatissimo.

  • User Icon

    giancarlo

    14/11/2011 13:14:52

    brutto libro, noioso e mal scritto, non capisco che gli ha dato il massimo del voto, in quanto e' veramente carente di descrizioni storiche, di descrizioni degli ambienti, si vede che lo scrittore ignora la realta' storica del periodo. brutta la trama gialla della storia, sconsigliatissimo.

  • User Icon

    deborah mango

    10/05/2011 16:15:27

    L'inizio del libro è molto intrigante e stuzzica la curiosità del lettore, ma proseguando il tutto tende ad affievolirsi progressivamente. Ciononostante trovo sia una piacevole lettura!

  • User Icon

    fabio

    03/02/2011 19:08:18

    Avvincente!!! consigliatissimo

  • User Icon

    Bingia80

    21/03/2010 15:20:35

    Un romanzo ben scritto. Appassionante la trama. Belli i personaggi. Unica pecca...il finale un pò frettoloso ma nel complesso un libro che mi è piaciuto molto e che consiglio.

  • User Icon

    mauro

    04/09/2007 18:59:59

    Il libro mi è piaciuto abbastanza. La trama non è male anche se il finale risulta effettivamente essere un pò troppo precipitoso...peccato!

  • User Icon

    zappatini silvia

    05/02/2007 17:06:38

    Non poteva limitarsi ad inventare dei personaggi invece che falssare in questo modo le vite di pittori realmente esistiti?l'ho trovato irritante e l'ho lasciato a metà..consiglio un buon libro di storia del'arte oppure un giallo senza "pretese"storiche

  • User Icon

    Marzia

    16/02/2006 17:03:21

    A me è piaciuto molto, sia la storia che il modo di scrivere dell'autore, divertente il finale (che a me ha piacevolmente stupito), forse la seconda parte è trattata in modo più sbrigativo e meno curato della prima parte, ma in fin dei conti è un libro cui consiglio la lettura.

  • User Icon

    Dino

    15/02/2005 14:36:51

    Il solito interessante libro di Sinoué, ottimo nella trama, e nella trasmissione delle visioni di altri tempi, articolato con arte, dotto, e storicamente avvolgente. Talvolta forse un po’ stagnante, ma fila poi alla fine tranquillamente. Una storia che mi è piaciuta, e che riporta in essere un argomento molto gradito a grandi scrittori, e che si ritrova nel nome della rosa….”il terrore nel progresso…nella conoscenza…nella condivisione delle informazioni….il terrore del pensiero…” che può portare a crimini senza logica. Da leggere, e da far consigliare, anche perché Sinoué non tradisce mai.

  • User Icon

    Marco

    25/01/2005 12:11:18

    Direi che nonostante qualche autentica chicca, questa del "ragazzo" è l'opera meno riuscita di Sinoué. Uno dei suoi pregi è quello di ricordarci quanto fossero internazionali le città europee prima del nazionalismo. E' una buona prova generale.

  • User Icon

    luca

    11/01/2005 19:11:41

    Ho finito di leggere il libro da poco e devo constatare che mi ha lasciato un po perplesso a causa del finale un po frettoloso, mentre l'inizio del libro è un po prolisso. Comunque devo essere sincero: chi non sa nulla di storia dell'arte cosa ci può capire? soprattutto nel finale rimarrà deluso! A me è piaciuto perchè mi è sembrato di essere insieme a grandi artisti in una Firenze e in una Bruges ancor più grandiosa!ma ancor di più per l'originalità dei personaggi: non si era mai visto un romanzo con protagonisti i maggiori artisti del mondo.

  • User Icon

    Elisabetta V.

    15/10/2004 18:03:11

    Di questo libro ho sinceramente apprezzato molto le lezioni (definiamole così) relative agli artisti (nonché personaggi) che l’autore inserisce spessissimo nel corso della narrazione. E’ stata per me un’utile ed interessante ripassata di ciò che avevo imparato in storia dell’arte al liceo ed ho avuto anche piacevoli sorprese in tal senso. Forse l’insistere frequente sul tema dell’arte e degli artisti, nonché sul contesto storico, ecc. ad alcuni lettori potrà essere sembrato noioso, a me invece è sembrata la cosa più interessante del testo. Quanto al resto: la suspense è un po’ traballante, alcune situazioni sono decisamente tirate in ballo senza alcun motivo, altre sono al limite dell’assurdo. Anche nel caso del “colpo di scena” finale l’unico dato interessante è, ancora !, legato alla storia della pittura, ma, se lo si considera in quanto libro giallo in realtà il finale è alquanto mediocre.

  • User Icon

    Babaluga

    08/06/2003 20:01:57

    La trama è veramente molto intrigante, degna dei migliori giallisti moderni, tuttavia l'autore non è riuscito ad inserire le descrizioni storiche con la giusta moderazione. Esse sembrano tropoo spesso infilate a forze, totalmente giustapposte, non so se dovute ad una labile conoscenza del periodo storico oppure ad una incapacità compositiva. Come nel discorso di Cosimo dei Medici col suo segretario finanziario. L'autore si sofferma troppo sulla prima parte sviluppando in poche decine di pagine la parte finale, quella maggiormante ricca di pathos. Insomma il libro meritava di esssere scritto da un altro scrittore.

  • User Icon

    Alessandra

    24/06/2002 18:08:38

    Bello, però... ...quando la storia iniziava a diventare davvero intrigante, mi sono accorta che mancavano poche pagine alla fine! Forse duecento pagine di ''introduzione'' sono un po' troppe...Nonostante tutto, lo consiglio, soprattutto a chi pensa che la storia debba sempre e comunque essere noiosa e indigesta.

  • User Icon

    Be'

    25/10/2000 22:20:13

    Questa volta ho speso male i miei soldi... Ma la copertina era invitante! Non che il libro sia brutto, lo si legge tutto di un fiato; ma è che l'autore ha costruito un libro senza pathos, infarcito di nozionismi storico-artistici tanto da poter dargli le sembianze di "storico" e interessante... Deeelusione.

  • User Icon

    gianna dalle rive

    27/09/2000 16:16:00

    Romanzo storico a cui nuoce non poco un linguaggio troppo "contemporaneo". Muove sulla scia di ben più avvincenti intrecci fiamminghi oggi di moda, come quelli di Dorothy Dunnett, ma non riesce a reggere il ritmo, nè a cesellare una credibile fisionomia ai personaggi. Jan, il ragazzo protagonista, ispira molta simpatia, ed è l'unico che si stacca dallo sfondo. La madre muore nel giro di 24 ore dalla prima parola pronunciata: e sì che aveva da giustificare un abbandono di infante e ben tredici anni di oblio! Oh, Alessandro Manzoni, che ne diresti?: un romanzo storico che comunica ben poco anche dell'epoca in cui è ambientato. Su Van Eyck, o su Cosimo De' Medici, s'impara di più leggendo una qualsiasi enciclopedia.

Vedi tutte le 18 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione