Il ragazzo morto e le comete

Goffredo Parise

Curatore: S. Perrella
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 10 maggio 2006
Pagine: 177 p., Brossura
  • EAN: 9788845920745
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Antoine, che con una parrucca bianca e una redingote di raso azzurro vola in pallone; Squerloz, il costruttore di barche che vive in cantina con un barbagianni, una civetta e un topo bianco; Edera, che tutti credono una qualsiasi ragazza bionda mentre in lei "c'è molto di più e che non si può dire perché è mistero"; Leopolda e Massimino, coi loro occhi di vetro, la pelle di stracci e un corteo di infinite, orribili malattie. Sono gli esseri che popolano il mondo del ragazzo di quindici anni e del suo inseparabile amico Fiore, che non si rassegna alla sua morte e continua a cercarlo. Un mondo di fiabesche macerie, giornate spopolate dai bombardamenti, riti al dio Moloch, cinema dai sedili di latta storti e scrostati.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mimmo

    21/12/2006 17:00:55

    Mi dispiace. Un libro irritante. Apprezzo la figura di Parise, sopratutto dopo "Il prete bello", ma questo racconto è impossibile. Ho cercato per 150 pagine di farmi coinvolgere in qualche modo ma non c'è stato verso. La scrittura è "inciamposa", sembra fatta apposta per farti perdere la concentrazione ; e mai uno spunto che possa avvincere ed appassionare. Chi ha affermato che è uno dei libri più importanti della letteratura italiana del '900 dovrebbe farsi un esame di coscienza.

  • User Icon

    petrus

    27/05/2006 21:16:06

    Nessuno dopo Parise ha saputo rappresentare con tale scandaloso vigore l'infanzia; l'incipit è semplicemente memorabile: "Questa è una sera d'inverno...." e poi è inutile parlare dei Maestri ai quali Goffredo guardava con rapita attenzione: Moravia, Comisso perchè per Lui "nulla è routine e tutto deve avere un frisson interiore". Sono passati venti anni, ma pochi dei pochi ricordano ancora....

Scrivi una recensione