Regni dimenticati. Viaggio nelle religioni minacciate del Medio Oriente

Gerard Russell

Traduttore: S. D'Onofrio
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 30 giugno 2016
Pagine: 385 p., Brossura
  • EAN: 9788845930911

36° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Religione e spiritualità - Altre religioni non cristiane - Religioni orientali

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Affascinante affresco delle minoranze religiose mediorientali, minacciate dai blocchi contrapposti delle "grandi religioni mondiali".

Il libro di Russell ci introduce a fedi esotiche e talora esoteriche, radicate nel passato mesopotamico della regione, le cui storie si intrecciano con l'Egitto dei faraoni e con il tempio di Gerusalemme, con i magi persiani e con le falangi macedoni. Cacciati dalle proprie case, in fuga da guerre e persecuzioni, yazidi e mandei, drusi e zoroastriani, copti e samaritani e altri gruppi ancora si trovano ad affrontare, nei paesi ospitanti, sfide e ostacoli inediti per salvare dall'oblio - lo si chiami secolarismo - le tradizioni ancestrali di cui sono gli ultimi eredi.

€ 21,25

€ 25,00

Risparmi € 3,75 (15%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Claudio Rapetti

    07/11/2017 20:49:14

    Un libro prezioso uscito nel momento più appropriato è "Regni dimenticati. Viaggio nelle religioni minacciate del medio oriente" di Gerard Russell. Un piccolo gioiello che riesce a cancellare leggende urbane e visioni senza sfumature che si hanno sull'islam e sul medio oriente. Quell'area è stata per secoli un crocevia di culture e di religioni: paganesimo, paganesimo ellenico, culla dei culti misterici, ebraismo, cristianesimo, gnosticismo, mazdaesimo, nestoriani, copti, drusi, manichesimo, maroniti, yadizi, musulmani sunniti, mussulmani sciiti, musulmani alawiti, caldei ecc Questo perchè da sempre è terra di incontri, scontri e mescolamenti di culture: li nasce il concetto moderno di dualismo morale (con gli zoroastriani), li nasce il primo monoteismo compiuto, li nascono i culti misterici, li nasce l'ellenismo, li nascono ebraismo, islam e cristianesimo, li nasce lo gnosticismo, il manichesimo ecc Una terra fertile culturalmente e questo proprio perchè crocevia di culture. Quando l'Impero Romano diviene cristiano e si inizia a perseguitare eretici e pagani e a tollerare molto meno gli ebrei tanti di questi si riversano nell'impero Sassanide che abbracciava il culto zoroastriano/mazdeo. Li vi trovano accoglienza per motivi politici (è tua amico il nemico del tuo nemico) ma anche perchè vi sono stati lunghi periodi di tolleranza religiosa (alternati con persecuzioni terribili contro i non mazdei). La cosa prosegue con l'Impero Bizantino: i vari eretici prosperano nell'impero Sassanide e infatti la Chiesa nestoriana riuscì (anche se a volte perseguitata) a creare una grande e radicata comunità. Il manichesimo riuscì quasi a scalzare il malconcio mazdaismo (religione di stato nella Persia Sassanide e i Sassanidi si dichiaravano discendenti di uno degli dei di questa religione) ma poi fu perseguitato per ragioni sociali (aveva un impostazione "socialista" non gradita alla ricca nobiltà terriera e latifondista persiana ed era avversato dal clero mazdeo che non aveva i

Scrivi una recensione

Indice

Prefazione di Rory Stewart

Mappa dei regni dimenticati

Introduzione
I. Mandei
II. Yazidi
III. Zoroastriani
IV. Drusi
V. Samaritani
VI. Copti
VII. Kalasha
Epilogo. Detroit

Cronologia
Fonti e letture di approfondimento
Indice analitico