Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Riccardino - Andrea Camilleri - ebook

Riccardino

Andrea Camilleri

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,12 MB
Pagine della versione a stampa: 292 p.
  • EAN: 9788838941023
Salvato in 31 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'ultima avventura del commissario Montalbano
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,59
di 5
Totale 83
5
29
4
23
3
11
2
13
1
8
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fiorella Palomba

    15/04/2021 14:29:40

    Riccardino, un romanzo sul mitico commissario Montalbano, è stato ideato da Camilleri nel 2004 e rivisitato nel 2016, pubblicato nel 2020. È un racconto complesso dalla struttura rigorosa mitigato con la lingua inventata dall’autore entrata nel nostro dire quotidiano. Uno congedo dal lettore, dalla propria creatura e dall’editore. La storia segue il classico schema investigativo caro ai lettori e si arricchisce di ripetute “intrusioni” che l’autore mette a punto in un piacevole gioco di ruolo tra “autore” (Camilleri), il commissario reale e quello televisivo. Queste “intrusioni” sono veri e propri dialoghi/scontri sulla conduzione del caso e sulla conclusione; creano un surplus di aspettative sul procedimento e sul finale della indagine e del romanzo. Ho scritto all’inizio che questo è un addio a tutti, dai personaggi del romanzo, a quelli televisivi, al lettore-spettatore, un addio commovente e consapevole: l’autore sa che non ci sarà un futuro. Mi piace concludere con questa bella e potente immagine del commissario che pranza sul suo terrazzo a Marinella e pensa: “C’era ‘n’aria frisca e lucita che smaltava i sapori” 🌸

  • User Icon

    ROSSELLA

    30/03/2021 10:11:49

    Se non si sapesse che la stesura risale al 2015 e che è stato scritto con la disposizione di pubblicazione postuma , giudicherei questa indagine molto al di sotto degli standard , di solito altissimi, dei romanzi di Montalbano ( da qui il mio voto decisamente basso ) . Tuttavia la scrittura e l'impianto narrativo sono sempre superbi , la cadenza siciliana avvincente e imprescindibile dai personaggi, le caratterizzazioni inarrivabili . L'Autore si congeda a fatica dal suo protagonista più amato e , anziché in modo tragico , risolve con una modalità delicata, quale la dissoluzione di un'opera pittorica , simbolo del lento dissolversi dell' esistenza . E in effetti Montalbano è il suo capolavoro artistico . Nel sovrapporsi di due realtà ( narrativa e televisiva ) si intuisce la tristezza di questo addio e la serena consapevolezza dei raggiunti limiti di una vita che ormai volge al termine.

  • User Icon

    A.Giordano

    21/03/2021 22:48:23

    La storia è abbastanza avvincente ma non tra le migliori, il "nuovo" dialetto pesa non poco nei dialoghi. Ho apprezzato tutto il resto, anche la fine, una diversa non sarebbe stata concepibile

  • User Icon

    alvin

    16/03/2021 21:35:34

    Ultimo edito di un autore che ha saputo farsi apprezzare per il suo stile innovativo e per la fervida fantasia insita nei suoi romanzi. A ciò si aggiungano l’intreccio narrativo, la storia del Commissario Montalbano e una scrittura a volte fluida e a volte meno (perché scritta in “Sicilianese”), ma che ci ha costretti a impararne l’idioma per seguire meglio le vicende. Detto ciò, Riccardino mi è parso deludente, forse anche per l’amaro sapore in bocca dovuto al saperlo ultimo. Romanzo piatto, uno dei tanti, mentre mi aspettavo l’opera di commiato e qualche colpo di scena imprevisto o forse anche troppo previsto. Ma credo sia meglio così e non potendo aspettarci nuove uscite, andremo a rispolverare l’intera antologia e rileggeremo con piacere di nuovo tutto dall’inizio, già certi della più totale soddisfazione.

  • User Icon

    Ivan Coralluzzo

    09/03/2021 10:34:57

    Il libro rispecchia la scrittura, lo stile e la narrazione del suo immenso autore. Nonostante questo, il libro lascia interdetti, perplessi. Forse le aspettative erano alte, anzi di più. L' amarezza e un po' di insoddisfazione diventano difficile nasconderle.

  • User Icon

    marizona

    03/03/2021 19:29:47

    Ho letto quasi tutti i libri di Camilleri, ma questo è veramente terribile! Inverosimile, assurdo e non scomodiamo Pirandello, che si rivolterebbe nella tomba. Ma come può aver scritto e addirittura fatto mettere in cassaforte questo orribile testo???? Con quale coraggio potrebbero trasformarlo in fiction???

  • User Icon

    silvana

    25/02/2021 10:04:56

    Ho finito adesso di leggere Riccardino. Cosa scrivere che non é già stato scritto? Bellissimo, divertente, straziante, malinconico. Grazie Camilleri per averci regalato questo libro, l'uscita di Montalbano e dell'autore. Ora capisco perché Zingaretti ha detto basta con Montalbano: perché é finita e recitare il Montalbano di Riccardino sarebbe veramente dura. .

  • User Icon

    Chiara

    16/02/2021 13:50:48

    Degna conclusione del percorso di vita del personaggio Montalbano. Grazie

  • User Icon

    chiara

    07/02/2021 20:01:18

    Bellissimo.Li sto rileggendo tutti.cammilleri è tra gli autori che mi tengono compagnia in questo periodo di ritiro dal mondo causa covid.e mi aiuta .li rileggero' tutti e li collezionero' .è stato un grande scrittore e montalbano un personaggio riuscito.non amo molto i gialli .in genere sono pieni di descrizioni traculente e di sesso spinto .camilleri è alla stessa altezza di agatha Christie secondo me .bravo

  • User Icon

    cocchi

    20/01/2021 21:36:53

    Non il mio preferito tra i libri di Camilleri ma comunque da leggere

  • User Icon

    giovanna bini

    30/12/2020 18:55:25

    Leggere Camilleri è un po’ come fare un tuffo nella cultura siciliana, “Riccardino” l’ultimo atto delle indagini di Montalbano racconta l’evoluzione del personaggio perfettamente coerente con la sua naturale crescita. Adoro Camilleri , così come tutti i suoi scritti e la versione comparata delle due edizioni appaga ancora di più la curiosità e l’approfondimento sulla forma e la lingua siciliana. Un vero Maestro.

  • User Icon

    Manuela

    20/12/2020 11:45:58

    Libro particolare, distante dalle indagini di Montalbano a cui eravamo abituati, ma con un finale a mio avviso poetico e degno del personaggio e del suo autore

  • User Icon

    Laura

    23/11/2020 21:27:40

    Questo è il primo libro di Camilleri che leggo, spinta solo dalla curiosità del finale. Ho visto e rivisto in TV le puntate del Commissario Montalbano, a cui si devono esclusivamente il successo dei suoi libri. Il linguaggio spesso volgare e la banalità del finale non hanno reso la lettura piacevole. Mi è piaciuta, però, l'idea di Camilleri di scrivere il finale della sua creatura in vita e di renderla pubblica solo dopo la sua morte.

  • User Icon

    angelo

    12/11/2020 14:24:15

    Ingredienti: un personaggio in cerca di dialogo col suo autore letterario e attore televisivo, il fu “Montalbano sono” all’ultima apparizione sulla scena, il turno di un delitto da districare tra corna-affari-mafia, uno-nessuno-vari finali possibili per un classico teatrino dei pupi. Consigliato: a chi vuol salutare “di pirsona pirsonalmenti” uno scrittore fecondo e immaginifico, a chi vuole condire un giallo siciliano con tocchi filosofici e pirandelliani.

  • User Icon

    Agata

    05/11/2020 07:21:48

    Ultimo coup de theatre del maestro Camilleri. Un finale spiazzante in cui un escamotage agevola il congedo fra il personaggio e l'autore.

  • User Icon

    Roberta Zazzeri

    22/10/2020 16:39:05

    Ultimo capitolo delle avventure del commissario Montalbano. Un romanzo molto diverso dagli altri. Dove il delitto e la soluzione di esso passano in sevìcondo piano rispetto al rapporto che si viene a creare tra Montalbano personaggio, lo scrittore e il Montalbano televisivo. Apprezzabilissimo la ricerca del lessico e i rimaneggiamenti apportati rispetto alla prima versione. Consiglio sicuramente la versione con doppia stesura, che si presenta in una bellissima edizine rilegata.

  • User Icon

    Barbara

    18/10/2020 18:36:31

    L'ultima indagine di Montalbano; è stato un piacere leggere questo ultimo racconto anche se il finale è "particolare" e inaspettato.

  • User Icon

    Sasha

    07/10/2020 11:11:51

    Che dire? Non sono mai stata una fan di Camilleri, ho cercato di digerirlo ma i suoi romanzi mi restano sempre in gola. Se non fosse stato per Luca Zingaretti e la serie televisiva che non mi stanco mai di guardare non avrei mai avuto interesse nel leggere Riccardino. Ho fatto del mio meglio ma non solo ho trovato la trama semplice e monotona, il finale mi ha lasciato l amaro in bocca.. A dirla tutta è difficile mantenere le aspettative, Camilleri ha senz'altro lasciato grandi scarpe da riempire ma nell eliminare la sua creatura non è stato, a mio parere, il genio che tutti conoscono. Tutte le cose finiscono, e Montalbano rimane un capolavoro, ma questo romanzo proprio no

  • User Icon

    Charlie57

    04/10/2020 08:51:47

    Bravo Maestro Camilleri, in questo ultimo romanzo dedicato al commissario Montalbano, personaggio più conosciuto e, forse, anche il più amato dagli italiani, il Maestro ha escogitato un finale inaspettato che, indubbiamente, porterà alla formazione di due pensieri opposti: coloro che lo criticheranno e coloro che lo apprezzeranno. Personalmente lo apprezzo.

  • User Icon

    Giovanni Bruni

    02/10/2020 07:56:56

    Siamo stati abituati da Camilleri a romanzi decisamente più elaborati e calati nella realtà. Mi aspettavo almeno lo stesso livello di scrittura che ha sempre egregiamente mantenuto, ma mi ha deluso. Aspettavo un fine di Montalbano più "serio".

Vedi tutte le 83 recensioni cliente
  • Andrea Camilleri Cover

    Nato a Porto Empedocle (Agrigento), Andrea Camilleri ha vissuto per anni a Roma.  Dal 1939 al 1943, dopo un periodo in un collegio da cui viene espulso, studia ad Agrigento al Liceo Classico Empedocle dove ottiene la maturità classica senza dover sostenere l’esame a causa dell’imminente sbarco degli alleati in Sicilia. A giugno inizia, come ricorda lo scrittore, "una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere di sangue, di paura".  S’iscrive all’Università (Facoltà di lettere) ma non si laureerà mai. Si iscrive anche al Partito Comunista.Inizia a pubblicare racconti e poesie e vince il Premio... Approfondisci
Note legali