Categorie

Il riccio e la volpe e altri saggi

Isaiah Berlin

Traduttore: G. Forti
Curatore: H. Hardy, A. Kelly
Editore: Adelphi
Edizione: 2
Anno edizione: 1998
Pagine: 492 p., Brossura
  • EAN: 9788845913679
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 25,50

€ 30,00

Risparmi € 4,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Questi saggi ci offrono l'occasione di assistere allo spettacolo di una grande intelligenza che si abbandona ai meandri della storia, dei personaggi e delle idee con equanime passione, e poi vi si ritrova, torna indietro, inventa nuovi percorsi, lasciandoci alla fine con un'impressione concreta e inconfondibile di tutto ciò che abbiamo toccato. Berlin ha amabilmente tentato di convincere, per anni, i suoi lettori inglesi, sempre un po' increduli dinanzi all'efficacia delle idee, che certe combinazioni di concetti e fisiologie possono produrre risultati pratici immani nella storia. Il miglior esempio di tutto questo è l'intelligencija, quella setta ufficiosa di sradicati, gelidi o deliranti (o l'uno e l'altro insieme), che si presentarono all'inizio come un pittoresco angolo russo nella cultura europea, e poi dilagarono ovunque, fomentando gli eventi, uno solo dei quali fu la Rivoluzione del 1917. Per capire che cosa sia stata, come sia nata e di quali elementi si componesse l'intelligencija non c'è via più rapida della lettura di questo libro. Si tratti di Herzen o di Bakunin, di Belinskij o di Turgenev, ogni volta riaffiora – quando Berlin scrive di loro – tutta la rete di tensioni che era sottesa a un lungo momento incandescente della storia russa.Ma le indagini di Berlin si affacciano al di là di una storia della cultura, accennando a una sorta di fisiognomica delle idee. «La volpe sa molte cose, ma il riccio ne sa una grande» dice il verso di Archiloco intorno a cui ruota il saggio che dà il titolo a questo libro. Con l'aria di proporre un innocuo gioco di società, Berlin prova a individuare due grandi famiglie di spiriti: da una parte le volpi, coloro «che perseguono molti fini, spesso disgiunti e contraddittori, magari collegati soltanto genericamente, de facto, per qualche ragione psicologica o fisiologica, non unificati da un principio morale o estetico»; dall'altra i ricci, coloro «che riferiscono tutto a una visione centrale, a ... un principio ispiratore, unico e universale, il solo che può dare un significato a tutto ciò che essi sono e dicono». Applicato alla Russia dell'Ottocento, questo gioco diventa non solo illuminante, ma indispensabile. Difficile, dopo aver letto Berlin, non vedere Puškin come «volpe sublime» e Dostoevskij come purissimo riccio. Non solo: tutta la cultura russa sembra disporsi naturalmente, come in un tableau vivant, fra questi due estremi. Al centro, Berlin ci invita a considerare il caso più enigmatico, Tolstoj, l'uomo che «era per natura una volpe, ma credeva fermamente di essere un riccio». Anche Berlin, una volpe per eccellenza, ha un segreto aspetto di riccio: questi suoi saggi, a lungo dispersi in pubblicazioni disparate, rivelano nel loro insieme una saldissima unità: come il suo amato Turgenev, Berlin sa disegnare un ritratto magistralmente bilanciato di un'epoca grandiosa della Russia, isolando, sovrapponendo e intrecciando i suoi tratti più attraenti e i più temibili.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mose attianese

    05/04/2006 05.02.41

    L'occidente ha avuto la sua storia e il suo sviluppo.Non si puo' giudicare la Russia con i nostri criteri e il nostro etnocentrismo."Il riccio e la volpe" mette in luce le dinamiche di una cultura vicina ma allo stesso tempo lontana da quella occidentale.Una cultura lacerata tra ovest ed est.Il riccio concentra il suo sistema di pensiero verso una grande verità, il suo mondo è ben articolato e diretto verso una grande realtà filosofica, morale ed estetica; la volpe, che si muove su scenari piu' ampi, tenta di realizzare più fini anche lontani tra di loro, nella sua mente ricompone verità e fenomeni anche lontani.Pietro il Grande era una volpe, perchè il suo sguardo va alla ricerca di una dimensione storica più ampia e internazionale; Dostoevskij va alla ricerca di verità legate allo spirito, alla storia, alla cultura russa. F.M. Dostoevskij va verso una grande ricomposizione morale, estetica e politica dell' universo russo; egli non è un semplice scrittore ma è un profeta che tenta di trovare il principio ispiratore e universale di una comunità, di una cultura e si fa interprete dei loro destini. Il riccio viene identificato con la figura degli slavofili, mentre la volpe con gli occidentalisti. Questi furono i grandi artefici delle dispute culturali del XIX secolo. Da Belisnki a Tolstoj, da Dostoevkij a Herzen, da Puskin a Caadaev,"Il riccio e la volpe" rappresenta una fisiognomica delle idee. Una continua tensione tra due modi di essere, tra due modi di pensare e tra due modi di interpretare la propria storia che sembra percorrere la cultura russa da Pietro il Grande in poi.Una domanda sorge spontanea:La Rivoluzione fu guidata da dottrine e principi illuministici,individualisti razionali, internazionalisti occidentali ma il popolo russo vi aderì perchè in Lenin e nel suo partito vide la realizzazione concreta del proprio ruolo messianico: la creazione del paradiso in terra in base a principi di solidarietà e comunitarismo appartenenti alla spiritualità russa.E l'URSS? Poche Volpi alla guida di tanti ricci?

Scrivi una recensione