Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Richard Wagner. Lohengrin (2 DVD) - DVD di Placido Domingo,Cheryl Studer,Richard Wagner,Claudio Abbado

Richard Wagner. Lohengrin (2 DVD)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Richard Wagner
Direttore: Claudio Abbado
Supporto: DVD
Numero supporti: 2
Etichetta: Arthaus Musik
Data di pubblicazione: 21 giugno 2012
  • EAN: 0807280095791

€ 29,90

Punti Premium: 30

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Registrato dal vivo alla Wiener Staatoper nel 1990.

Opera romantica in tre atti di Richard Wagner, su suo libretto.

Personaggi
Heinrich/Enrico l'Uccellatore, re di Germania (basso)
Lohengrin (tenore)
Elsa di Brabante (soprano)
Gottfried, duca di Brabante, fratello di Elsa (muto)
Friedrich di Telmarund, conte di Brabante (baritono)
Ortrud, moglie di Friedrich (soprano)
L'araldo del re (basso o baritono)
Quattro nobili di Brabante (tenori e bassi)
Quattro paggi (soprani e contralti)
Nobili sassoni, turingi e brabantini, dame, vassalli, servi (coro)

Atto I
Sulle rive della Schelda, si presenta davanti a re Heinrich Friedrich von Telmarund, avanzando pretese sul ducato di Brabante. Morendo, il duca di Brabante gli aveva affidato i figli Elsa e Gottfried. Ora egli accusa Elsa di fratricidio (Gottfried è scomparso durante una passeggiata con lei in un bosco); rinunciando alla sua mano, cui aveva diritto, ha sposato la nobile Ortrud e rivendica per sé il ducato. Il re invita Elsa a difendersi: essa risponde di aver sognato che un cavaliere sarebbe giunto in sua difesa. Telmarund si dichiara pronto a battersi con chiunque vorrà difenderla, ma nessuno si presenta; quand’ecco appare sul fiume una navicella tirata da un cigno, dalla quale scende un cavaliere in armi risplendenti: egli congeda il cigno e dice di essere pronto a difendere Elsa per provarne l’innocenza e, se vincerà, di volerla sposare, a patto però che mai ella chieda chi egli sia, né da dove venga, altrimenti dovrà abbandonarla. Elsa annuisce, e il re acconsente al duello: il misterioso cavaliere vince Telramund, ma gli risparmia la vita, invitandolo a pentirsi della falsa accusa.
Atto II
Nella notte, Telramund e Ortrud intessono la trama della vendetta. Ortrud, che è dotata di poteri magici, confida la sua intenzione di indurre Elsa a trasgredire alla promessa e a chiedere il nome al cavaliere del cigno. Tenta, infatti, ma inutilmente; e così le nozze vengono solennemente celebrate.
Atto III
Nella camera nuziale, Elsa chiede al marito il suo nome, ormai che sono soli e uniti. E insiste nella richiesta; in quel momento Telramundf irrompe nella stanza per uccidere il misterioso rivale, ma viene da questi abbattuto. Ma ormai è tardi; Elsa ha chiesto il nome allo sposo ed egli risponde che lo dirà alla presenza del re. Sulle rive della Schelda, davanti a re Heinrich, ai nobili e a Elsa, il cavaliere si duole di aver dovuto uccidere Telramund, ma ancora più che Elsa non abbia mantenuto la promessa. Narra dunque le sue origini e la sua storia, pronuncia il suo nome: il suo nome è Lohengrin, figlio di Parsifal; viene da una terra lontana dove nel castello di Monsalvat risplende il santo Gral, il vaso dell’Ultima cena in cui Giuseppe d’Arimatea raccolse il sangue di Cristo in croce. I cavalieri del Gral, che lo custodiscono, sono dotati di poteri sovrumani e vanno spesso nel mondo per difendere l’onore e la virtù; ma se sono costretti a rivelare il loro mistero, devono allora sottrarsi agli occhi dei profani e ritornare al Monsalvat; così anche Lohengrin deve partire: riappare la navicella tirata dal cigno. Ortrud rivela che il cigno è il giovinetto Gottfried, da lei stessa incantato. Una colomba scende allora dal cielo mentre il cigno si tuffa nel fiume, da cui riemerge il fratello di Elsa. Elsa cade esanime nelle braccia del fratello, mentre Lohengrin s’allontana nella navicella tirata dalla colomba.

(fonte: Enciclopedia della Musica Garzanti)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Placido Domingo Cover

    Tenore spagnolo. Figlio d'arte, esordì giovanissimo nella compagnia di zarzuelas dei genitori. Diplomatosi in pianoforte e composizione, si dedicò interamente al canto dal 1959, mettendosi in luce nel 1966 in Carmen a New York. Il caldo timbro vocale, l'intelligenza musicale (in varie occasioni ha diretto opere egli stesso) e le non comuni doti sceniche ne hanno fatto il maggiore tenore lirico-drammatico degli ultimi decenni. Ha affrontato, anche a rischio di minare la sua voce, un repertorio sconfinato (da Otello e Don Carlos a Werther, Lohengrin e Parsifal), e vanta una delle più ampie discografie di cantante lirico. Approfondisci
  • Richard Wagner Cover

    (Lipsia 1813 - Venezia 1883) musicista e scrittore tedesco. Figura emblematica del passaggio dal primo al secondo romanticismo tedesco, credette in gioventù negli ideali libertari e partecipò alla sollevazione di Dresda nel 1849. Dopo il fallimento dei moti rivoluzionari, fu influenzato dal pessimismo metafisico di Schopenhauer e finì per incarnare un ideale artistico ambiguamente etico-religioso, nel quale - soprattutto dopo la creazione del teatro «sacrale» di Bayreuth - si riconobbe, in parte, la borghesia tedesca del tardo Ottocento e del primo Novecento. La sua concezione dell’«opera d’arte totale», fusione di musica, poesia e arte figurativa (e al tempo stesso rappresentazione sacra e nazionale), lo condusse a essere l’autore di tutti i testi poetici dei suoi drammi musicali, che spesso... Approfondisci
  • Claudio Abbado Cover

    Nasce a Milano nel 1933 (figlio di Michelangelo, violinista e musicologo, e fratello di Marcello, pianista e compositore), dove studia composizione, pianoforte e direzione d’orchestra al Conservatorio G. Verdi, con E. Calace, G. C. Paribeni, A. Votto e B. Bettinelli, diplomandosi nel 1957 in direzione d'orchestra all'Accademia musicale di Vienna, dove è allievo di H. Swarowski. Inizia l'attività direttoriale nel 1958 vincendo a Tanglewood (SUA) il premio Kusevickij e nel 1963 il premio Mitropoulos alla Filarmonica di New York.Debutta al Teatro alla Scala nel 1960 e ne sarà direttore musicale dal 1968 al 1986. Ha diretto il Berliner Philharmoniker. Ha fondato nel 1986, per valorizzare i giovani musicisti, la Mahler Jugendorchestra, l’European Community Youth... Approfondisci
Note legali
Chiudi