€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ziogiafo

    10/10/2017 08:58:21

    ziogiafo - Ricomincio da tre – Italia, 1981 - 1^ parte - Con «Ricomincio da tre», Massimo Troisi, inizia la sua brillante carriera cinematografica “alla grande”, infatti, questo film porterà una “ventata nuova” nel torpore del cinema italiano dell’epoca, riscuotendo un grande successo di pubblico e di critica, oltre ogni aspettativa, rimanendo per moltissimi giorni nelle sale. La grande umanità dello straordinario attore-regista napoletano traspare in ogni sequenza del film. Gaetano (Massimo Troisi), un timidissimo ragazzo napoletano, stanco della realtà in cui vive, dove non cambia mai nulla… decide di trasferirsi a Firenze. E’ da tanto che lo vuole fare, ormai è più che convinto, è ora di cambiare… Si ricomincia da tre! “Da zero!” vorrai dire… gli ripete lo scontroso amico Raffaele (Lello Arena) una sera, mentre discutono animatamente giù al portone di casa di Gaetano, in attesa di altri amici. «Tre cose mi sono riuscite nella vita, perché dovrei perdere pure queste e partire da zero?...» gli risponde Gaetano che ormai è già proiettato con la mente a Firenze e non vuole più dare ascolto a nessuno, tantomeno allo scettico Raffaele che pur di fargli cambiare idea gli cita la “sua” famosa frase: «Chi parte, sa da che cosa fugge ma non sa che cosa cerca!»… Bastano queste poche battute a ritmo serrato, quel simpatico conflitto verbale di sempre fra i due grandi amici, (nella vita e nella finzione), per capire che siamo già entrati in una coinvolgente atmosfera comica, che ci riserverà non poche sorprese nel corso di tutto il film. Dopo una rocambolesca partenza in autostop, Gaetano arriva a Firenze, appoggiandosi a casa di una zia per qualche tempo, poi sarà ospite di Frank, (un giovane predicatore protestante italoamericano), passerà da un’esperienza all’altra, fino a quando conoscerà Marta ( Fiorenza Marchegiani ), una giovane e bella infermiera di cui si innamorerà, non senza qualche goffo approccio. .../... continua nella 2^ parte.

  • User Icon

    ziogiafo

    10/10/2017 08:55:17

    ziogiafo - Ricomincio da tre – Italia, 1981 - 2^ parte - Tutto procede a gonfie vele per Gaetano, che dovrà fare i conti però, con qualche problemino in arrivo da Napoli: Raffaele, che gli ha promesso di raggiungerlo al più presto per stare un po’ insieme… La fastidiosa presenza di Lello a Firenze, costituirà per il povero Gaetano un vero e proprio intralcio per la sua organizzazione quotidiana, una pesante zavorra che andrà a complicare la già difficile situazione, ma che produrrà per lo spettacolo, innumerevoli occasioni comiche, sfruttate meravigliosamente dall’affiatata coppia Troisi-Arena. Impossibile raccontare nel dettaglio una comicità raffinata di questo tipo, che nasce da fittissimi dialoghi e situazioni a dir poco paradossali, gestite in maniera egregia da un fuoriclasse della “battuta” come Massimo Troisi, spalleggiato da un eccezionale Lello Arena che lo segue a ruota. Molto brava anche Fiorenza Marchegiani che ha saputo sostenere con tenacia il non facile ruolo di Marta, all’interno della “spigolosa” ma simpatica storia, guadagnandosi meritatamente l’ampio consenso del pubblico. Le bellissime musiche che accompagnano il film sono di Pino Daniele, amico fraterno di Massimo. «Ricomincio da tre» fu premiato nel 1981 con due “David di Donatello” per il miglior film e migliore attore (Massimo Troisi), più due “Nastri d’Argento” per il soggetto e la regia. Massimo Troisi… un’icona del nostro tempo. Cordialmente, ziogiafo.

Scrivi una recensione

1981 - David di Donatello Miglior Attore Protagonista Troisi Massimo

  • Produzione: Rai Cinema
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Note: restaurato HD
  • Durata: 109 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano (dialetto)
  • Formato Schermo: 1,66:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); interviste: intervista al produttore Fulvio Lucisano; speciale: Ricordo di Tonino Pinto