Riflessioni su Christa T. - Christa Wolf,Anita Raja - ebook

Riflessioni su Christa T.

Christa Wolf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Anita Raja
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 882,07 KB
  • EAN: 9788866322979
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il romanzo percorre l'arco breve e intenso della vita di Christa T. dalla prima adolescenza alla maturità, dal tempo della scuola lungo la storia frammentaria e intensa di un profondo legame di amicizia. Lo sguardo e l'attenzione di Christa Wolf restano come inchiodati sulla figura enigmatica e spregiudicata di questa singolare ragazza che gioca come un maschio e si ribella al conformismo. Attraverso lo studio partecipe della Wolf vediamo Christa T. confrontarsi con gli eventi verso i quali la sua irrequieta natura la conduce: l'amore infelice per Kostija che le preferisce una giovane donna dolce e rassicurante, le sue difficoltà a mantenere un impegno regolare e proficuo negli studi, la scelta di fare l'insegnante, l'incontro con Justus, l'uomo appassionato, innamorato e saldo che sarà il padre dei suoi figli, le sue irresistibili e disperate fughe nell'abbandonarsi ad amori irragionevoli e dannati: tutte le possibili derive le appaiono lecite e quasi obbligate per sfuggire alla normalità. Pubblicato tra mille difficoltà nel 1969 nella Rdt, Riflessioni su Christa T. è il romanzo dell'inadeguatezza, della fatica di stare al mondo e della difficoltà di dire io.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Claudio Musso

    02/04/2010 21:15:44

    Il secondo romanzo di Christa Wolf, uscito - tra mille difficoltà per via della censura - nella Ddr del 1968. Un testo in cui la scrittrice tedesca comincia a rivelare, attraverso le vicende della protagonista, il suo paradigma critico nei confronti, non tanto del socialismo (ancora oggi è socialista), quanto della terra che era destinata ad accoglierlo, ossia la Germania ad Est del Muro. C'è un passo, tra gli altri, che amo in modo particolare - forse perchè è ancora attuale - quello in cui si riflette sul singolo all'interno del sistema. I cittadini tedesco-orientali - e forse, oggi, non solo loro - sono descritti come costellazioni che solo in apparenza sono libere di muoversi intorno ad un centro che rimane immutabile e sordo, che è quello del potere politico; una specie di cornice che racchiude i gesti ma dove non c'è spazio per l'individualità dell'io - da qui la celebre espressione wolfiana "la difficoltà di dire io"; una recita senza varianti di scena o copione in cui, al massimo, si può stare in silenzio dietro il sipario dell'ufficialità della politica. Si ha insomma la sensazione, leggendo questo testo che ha oramai 40 anni, di osservare interlocutori che non vengono mai interpellati, nomi da mettere in colonna assieme ad altri, "rotelline", come scrive la Wolf, di un macchinario che solo in apparenza si muoveva.

  • User Icon

    jean-marie

    01/01/2006 17:39:59

    POCHE PAROLE :un capolavoro straordinario di cui rileggere pagine e pagine trovandole nuove e meravigliosamente ricche ogni volta.

  • User Icon

    elisa califano

    13/11/2003 17:25:43

    Ne Riflessioni su Christa T. c'è tutto: l'amore, la paura, il dolore, l'amicizia. Aprendo a caso in una qualsiasi pagina, ogni volta una sorpresa, una lezione, una lucida descrizione delle forze agenti nel mondo. Sullo sfondo una Germania lacerata e ancora divisa (nel ricordo, nella memoria soprattutto), nel romanzo molto più come metafora e simbolo della condizione umana che come reale assetto socio-politico-geografico di una nazione. Tutto ciò raccontato con lo stile che solo la concisione, la sinteticità, ma allo stesso tempo la pienezza e la perfezione della lingua tedesca permettono.

  • Christa Wolf Cover

    Nata il 18 marzo del 1929 in Polonia è considerata una scrittrice tedesca e ha vissuto nella Germania Est, laureandosi a Lipsia e svolgendo attività di lettrice editoriale a Berlino (dove è morta) e a Halle. È una delle principali scrittrici contemporanee. Passata in pieno per due dittature su terra tedesca, ha incarnato per decenni il cuore della letteratura e dei sogni dell’ex-Rdt. Il suo impegno politico ufficiale si è accompagnato a un’insistente rivendicazione della propria autonomia di scrittrice; nel 1976 è stata espulsa dall’Unione degli scrittori tedeschi. Il racconto lungo, Il cielo diviso (Der geteilte Himmel, 1963), storia di un amore nella Germania divisa, divenne uno dei testi più letti e discussi nel suo paese.... Approfondisci
Note legali