Categorie

Charles Frazier

Traduttore: M. Dallatorre
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Edizione: 3
Anno edizione: 1998
Pagine: 504 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830414778

recensione di Rognoni, F., L'Indice 1998, n. 9

Un po' come il "Paziente inglese" di Michael Ondaatje (Garzanti, 1993), questo primo romanzo del quarantasettenne Charles Frazier, "Cold Mountain* (così, semplicemente, il titolo originale), è la storia romantica di una convalescenza impossibile.
Ferito nel corpo, e più fatalmente nello spirito, dagli orrori di quattro anni di guerra civile, Inman, un soldato sudista d'origini contadine, fugge dall'ospedale dove è stato ricoverato, e cerca di far ritorno alla nativa Cold Mountain, North Carolina ("nella sua mente la Cold Mountain si ergeva come un luogo in cui si sarebbero potute raccogliere le sue sparse energie"), dove la più raffinata Ada Monroe, la figlia del pastore, forse lo sta ancora aspettando.Nella sua odissea attraverso le macerie della sconfitta imminente, gli episodi grotteschi o spietati si susseguono, fra essi aprendosi solo rare parentesi di serenità: come in una sosta tranquilla nel campo degli zingari; o nelle due notti che Inman trascorre, immobile, al fianco di una giovane vedova; o in quel sogno, "vivido come il giorno reale", in cui Ada gli si avvicinava "allo stesso ritmo della pioggia" ed egli "anelava a stringerla fra le braccia, e si accingeva a farlo, ma per tre volte, mentre si protendeva verso di lei, Ada si dissolveva fra le sue braccia, diventava un'immagine sfuocata, tremula e grigia.La quarta volta, però, rimaneva solida e concreta, e si lasciava tenere stretta" - che è una variazione, molto riconoscibile, sull'incontro di Enea col fantasma di Creusa ("Eneide", II, vv. 792-94).
Ma, nella maggior parte dei casi, Inman è costretto a fuggire dalla violenza più efferata, o ad attaccare e uccidere a sua volta, per sopravvivere o rendere giustizia, con la riluttanza implacabile degli ultimi personaggi di Clint Eastwood, o - se si preferisce - appunto con l'elegiaca "gravitas" dell'eroe virgiliano, piuttosto che con la bella incoscienza di quelli omerici.La dimensione del racconto è anzi profondamente morale (di contro, per esempio, alla forsennata amoralità delle storie di Cormac McCarthy, il maggior narratore "southern* di questi anni); tale risoluto sentimento del bene e del male rischierebbe d'appesantire il romanzo, se quasi sempre non fosse governato da uno stile, un tono, di stupefatta rassegnazione, e non fosse spesso sorretto da un umorismo nero e straniante, nella più schietta tradizione di Poe e Mark Twain (vedi soprattutto il personaggio strepitoso di Veasey, indimenticabile predicatore ciarlatano, criminale in erba e vittima insensata).
Alle avventure di Inman, si alternano i capitoli dedicati ad Ada. La quale, educata in città al pianoforte e alle buone letture, dopo la morte improvvisa del padre si è ritrovata tutta sola a doversela cavare in una fattoria isolata, senza la minima idea di come si coltivi un orto, o si tiri il collo a un pollo. Così la sua sarebbe una ben tragica pastorale - anzi presto la giovane dovrebbe riparare a Charleston, rinunciando alla propria indipendenza "emersoniana" - se in suo aiuto non arrivasse Ruby, una ragazzina tanto selvatica e disimbranata, quanto Ada non è ancora uscita dalla bambagia (ma ci uscirà ben presto, imparando i colori dell'alba, i nomi degli alberi, e che quando si va a lavorare in campagna non serve portarsi dietro un libro come a una scampagnata...).Insieme le due donne riescono a creare l'utopia di una comunità ideale, un idillio continuamente minacciato (la montagna è battuta dal perfido Teague e la sua banda a caccia di disertori), ma non così fragile come potrebbe sembrare - un luogo sacro e orgogliosamente domestico, come il tempio di Filemone e Bauci, la cui storia la non più giovane Ada starà leggendo nell'ultima pagina del libro.
È presto per decidere se "Ritorno a Cold Mountain* sia davvero un grande romanzo, necessario nell'ampiezza del suo respiro, o piuttosto un prodotto d'altissima qualità e splendidamente confezionato. Senza dubbio il libro soffre di un eccesso di costruzione, probabilmente implicito nella sua struttura: il montaggio alternato, si sa, essendo sempre gratificante a livello emozionale, ma a lungo andare prevedibile e meccanico. Tutto si tiene e tutto converge, per cui ora del finale era forse quasi impossibile scampare al sentimentalismo: il rischio, non proprio evitato, è che esso investa retrospettivamente tutta la storia d'amore di Inman e Ada, che infatti probabilmente costituisce la parte più debole del romanzo.Così come potrebbero infastidire (ma è questione di gusti) certe corrispondenze un po' troppo ostentate, il gioco dei richiami classici e mitologici, il simbolismo e, più in generale, la saturazione degli argomenti.
"Ritorno a Cold Mountain* è veramente un libro totale, al punto che non mi stupirei se Frazier restasse l'autore di quest'unica opera, un po' come Ralph Ellison ha detto tutto nell'"Uomo invisibile", o Malcom Lowry in "Sotto il vulcano" (qui il contrasto con il già ricordato McCarthy - i cui romanzi sono invece chiaramente tasselli di una "ouvre" - non potrebbe essere più netto). Qui ci sono decine di personaggi perfettamente caratterizzati; c'è l'amore e c'è la guerra ("il vecchio Robert E.Lee aveva detto che era un bene che la guerra fosse così terribile, altrimenti poteva succedere che ci si prendesse troppo gusto"); c'è la tragedia di un'intera nazione; ci sono gli orrori della schiavitù, ma anche i crimini degli Unionisti; lo sterminio degli indiani e la precaria sopravvivenza della loro saggezza nei racconti orali, e in canti e preghiere che sembrano scritti da Emerson; c'è la natura nei suoi aspetti più belli e delicati, più indifferenti, più mostruosi, e anche filtrata da certe splendide pagine dei "Viaggi" di William Bertram (il naturalista americano amato da Coleridge e Chateaubriand); ci sono la tragedia e la commedia, intrecciate come in un dramma shakespeariano; ci sono i tempi distruttivi della storia, e quelli ciclici e rigeneranti
- dionisiaci e tuttavia ordinati - del mito e della musica.
Ma la grandezza del romanzo, se autentica, non è tanto funzione della generosità delle sue inclusioni, quanto di un tono quasi indefinibile, il ritmo peculiare - quasi sempre sostenuto nei capitoli dedicati a Inman, meno in quelli per Ada - di quella che sopra ho chiamato una "convalescenza impossibile". Per tutto il libro (almeno fino all'incontro con l'amata), Inman appartiene già più al mondo delle ombre che a quello dei vivi, quindi ogni suo gesto e azione, e il suo sguardo, sono guidati da uno strano disinteresse - non l'indifferenza, ma come un distacco da sé e dagli altri, una stanchezza immedicabile: da qui quella patina lievemente, poi a tratti violentemente, allucinata (vedi soprattutto lo straordinario capitolo centrale, "Vivere come un gallo da combattimento"), e certi interni che ricordano gli scorci di Georges de La Tour, dove ogni illuminazione più frontale abbaglierebbe, offendendo occhi ormai così abituati all'oscurità.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elisa

    23/01/2007 19.26.16

    Non c'è paragone, il film è bellissimo e gli attori sono straordinari (ehm...qualcuno si è ricordato di citare la fantastica Renee Zellweger???), ma niente a che vedere con le minuziose descrizioni di Frazier. Ai più sembreranno noiose, ma avete idea di quanta ricerca ci sia dietro per ricreare il paesaggio, il modo di parlare, lo stile di vita dei Monti Appalachi nel 1865? E poi Ada...è un personaggio meraviglioso... Spero che la mia tesi ne/le renda merito!

  • User Icon

    Satine

    10/04/2005 15.35.05

    Ho letto il libro e visto parallelamente il film, che ho trovato bello pur avendo alcuni difetti, primo fra tutti il cast sottotono. Il libro è scritto bene ma in alcuni punti perde smalto, diventa noioso e non ha il carisma del film, la cui parte migliore è la potenza di cui alcuni dialoghi (adoro quando Jude Law dice alla splendida Nicole, "tu sei tutto quello che mi aiuta a non scivolare in un baratro senza luce"). Il film ha anche il grande pregio di mettere molto in risalto il significato principale di questa storia, il senso della comunità e di famiglia, la convinzione che le persone possono aiutarsi a vicenda. Nel libro ho sentito poco tutto questo, mi sembra fosse più concentrato sull'individualità di Ada e di Inman.

  • User Icon

    annabi

    16/01/2005 12.33.04

    ho letto questo libro dopo aver visto il film - che ho trovato splendido. sono rimansta un po' delusa. per quanto ben scritto, è molto lento, a tratti noioso, persino i dialoghi sono descritti invece che riportati direttamente! il personaggio di Inman è sicuramente più coinvolgente di quello di Ada, i capitoli che lo riguardano sono più emozionanti. in generale il libro è molto poetico, ci sono splendide descrizioni anche se a volte troppo lunghe. infine, considerato che il succo del romanzo è il ritorno di lui, trovo assurdo che della sua morte si parli per sì e no due pagine! sembra... tagliato.

  • User Icon

    giorgia

    10/01/2005 14.56.15

    Il libro nel complesso è caratterizzato da una bellissima storia d'amore anche se in alcuni punti è noioso e troppo lento.La storia di Inman è sicuramente più affascinante e più coinvolgente di quella di Ada.La parte del romanzo che mi ha sconcertata di più è la fine.Già il libro in se non è allegro ma il finale è davvero troppo drammatico!

  • User Icon

    Mariangela

    27/09/2004 15.29.39

    Di certo un film fatto bene. Ma tra quello ed il libro l'unica cosa veramente "sicura" è la noia che si trascina lentamente sino alla fine.

  • User Icon

    Terry

    15/09/2004 04.38.44

    Qualcuno ha contato quante volte è stata scritta la parola "azzurrino"? Troppe.I dialoghi non sono diretti,ma descritti...va benissimo, ma sono raccontati in modo così noioso da non rimanere nella testa.Forse in lingua originale sarebbe più apprezzabile,forse la traduzione lo ha penalizzato(anche se sono convinta che la ricchezza della lingua italiana renderebbe bello qualsiasi scritto), sta di fatto che questo libro l'ho riposto con la consapevolezza che il giorno in cui l'ho comprato avrei potuto scegliere meglio. Questo è quel che penso io, ma ognuno ha il diritto di giudicare solo dopo aver toccato con mano propria, perciò se vi incuriosisce compratelo e prescindere da quello che ne avete letto.

  • User Icon

    rita

    23/04/2004 16.34.29

    il film è sicuramente da vedere:bellissimo!!

  • User Icon

    Claude

    15/03/2004 12.24.22

    Per la prima volta nella mia vita penso che un film sia meglio del libro. Il libro non è male, ma in alcuni punti è troppo lento.

  • User Icon

    Dario

    23/02/2004 11.47.10

    Un bel romanzo, non c'è che dire, ma - sorpresa! - secondo me la versione cinematografica è superiore. Pur essendo molto fedele al romanzo, il film compie una mirabile opera di sintesi riuscendo ad ampliare la potenza del messaggio del libro a tratti leggermente sfuocato.

  • User Icon

    Tenzing Norkhay

    21/06/2002 18.14.20

    Insomma non mi ha entusiasmato, ma nemmeno deluso. Si legge volentieri, è un tipico romanzo americano dell'epopea west, quando però vivere era davvero dificile. C'è parecchia violenza gratuita, incomprensibile (ma è nata da qui questa grande nazione ?), e tantissima poesia. Ne potrebbe nascere un film, chissà. Vorrei potegrli dare di più, ma è uno di quei libri che probabilmente non rileggerò completamente, ma ogni tanto andrò a ripescare per alcuni suoi momenti, alcuni periodi, alcune belliissime immagini.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione