Ritorno in Lettonia

Marina Jarre

Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 2 settembre 2003
Pagine: 275 p., Rilegato
  • EAN: 9788806164508
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 9,45
Descrizione
Era una bambina di dieci anni quella che nel 1935 fuggiva dalla Lettonia con la madre e la sorella lasciandosi alle spalle l'infanzia, una famiglia spezzata e un'identità ebraica che ben presto sarebbe diventata fatale. Del padre lontano, e della sua fine in un giorno d'autunno del 1941 insieme agli altri ebrei del ghetto di Riga, sarebbero rimaste poche tracce anche nella memoria. Per questo, fare ritorno in Lettonia sessant'anni dopo significa iniziare un viaggio verso tutto ciò che non è stato. Marina Jarre è nata a Riga nel 1925, con il cognome Gersoni. Dal 1935 vive in Italia.

€ 9,45

€ 17,50

9 punti Premium

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    18/09/2012 00:26:50

    Il fatto è che il padre della narratrice è si Lettone, ma di origine ebraica ed il nome Gershon è quello del primogenito di Mosè. Così la ricerca di notizie su di lui diventa una ricostruzione del calvario degli ebrei di Lettonia e del loro annientamento. Il procedimento della Jarre (e perciò del suo libro) è quasi di tipo giudiziario, anche se non sistematico: raccoglie testimonianze, anche epistolari, coeve, fa tesoro dei libri consacrati al problema, consulta documenti e lapidi, con un'ardimentosa mescolanza dei generi. Il calvario secolare culmina in un'ecatombe perpetrata a Riga dai militari tedeschi con l'aiuto volenteroso della popolazione. In grandi rastrellamenti nei due ghetti di Riga si raccolgono tutti gli ebrei, anche donne e bambini, anche malati e moribondi strappati dagli ospedali. Essi vengono spinti con la violenza, in due giorni successivi, verso fosse fatte scavare da prigionieri russi, e mitragliati fino all'ultimo uomo. Il loro numero, solo accennato dalla scrittrice, è di quelli a quattro zeri: gli ebrei lettoni, intorno al 1930, ammontavano a 95.000. Queste scene apocalittiche, che includono anche l'assassinio del padre della scrittrice, costituiscono un'immagine ricorrente nel libro: prima vaga e confusa, si arricchisce via via di particolari, che vengono a costituire un campionario della bassezza umana: la folla e le autorità che assistono compiaciute alla barbara mattanza, il soldato che scatta la foto-ricordo. Ma quando la Jarre raccoglie le dichiarazioni di qualcuno dei responsabili non intende promuovere processi e condanne. Le muove un assillo morale : capire, per quanto possibile, i comportamenti, affacciarsi sugli abissi dell'abiezione, approfondire i motivi di una congiura del silenzio che si è riscontrata anche in Italia. Figlia di madre valdese, e valdese essa stessa, la Jarre non si sente divaricata rispetto alla discendenza da un padre ebreo. Anzi. Rivive in sé la profonda continuità tra Ebraismo e Cristianesimo.

Scrivi una recensione