Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro - Hisham Matar - copertina

Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro

Hisham Matar

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Anna Nadotti
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 21 marzo 2017
Pagine: 246 p., Rilegato
  • EAN: 9788806216641
Salvato in 92 liste dei desideri

€ 18,52

€ 19,50
(-5%)

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro

Hisham Matar

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro

Hisham Matar

€ 19,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro

Hisham Matar

€ 19,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 10,53

€ 19,50

Punti Premium: 11

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 19,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il figlio Hisham ci accompagna in un viaggio lucido e struggente attraverso i luoghi di una memoria privata che è anche fardello collettivo di una nazione, alla ricerca di un padre perennemente vivo e morto al quale restituire almeno la certezza di un destino.

Vincitore del Premio Pulitzer 2017, nella sezione «Biografia e Autobiografia»

«Un appassionante racconto d'amore e speranza, e anche una toccante meditazione sul dolore e la perdita». - Colm Tóibín

«Il ritorno mi ha fatto piangere e mi ha dato un insegnamento sull'amore e sulla casa.» - Chimamanda Ngozi Adichie

«Trionfo dell'arte sulla tirannia, affascinante nella costruzione, emotivamente intenso, "il ritorno" è un tesoro da lasciare ai posteri.» - Peter Carey

Hisham Matar ha diciannove anni quando suo padre Jaballa, fiero oppositore del regime di Muammar Gheddafi, viene sequestrato nel suo appartamento del Cairo, rinchiuso nella famigerata prigione libica di Abu Salim e fatto sparire per sempre. Ventidue anni piú tardi il figlio Hisham, che non ha mai smesso di cercarlo, può approfittare dello sprazzo di speranza aperto dalla rivoluzione del febbraio 2011 per fare finalmente ritorno nella terra della sua infanzia felice. Quel viaggio verso un presente ormai sconosciuto non è che lo spunto per un itinerario storico e affettivo ben piú vasto. Visitando i luoghi e incontrando i parenti e gli amici che hanno condiviso con Jaballa decenni di prigionia nel «nobile palazzo» di Abu Salim, Hisham può recuperare un passato che risuona in lui con un'eco mai sopita e ritagliare i contorni di un padre che, in assenza di un corpo, risulta privo di confini. Le tappe del viaggio privato s'intersecano con la storia libica del ventesimo secolo, dalla resistenza all'occupazione italiana al flirt di Gheddafi con l'Inghilterra di Tony Blair.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 3
5
0
4
3
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Simona

    08/10/2017 15:32:49

    Recentemente ho letto in un articolo che la storia si impara leggendo libri....ecco dopo aver letto questo libro posso pensare che sia vero....alla narrazione di questa lunga, impegnativa ricerca del padre, con uno svelamento profondo delle emozioni provate dal figlio che è anche l'autore del libro, si intreccia la storia della Libia più recente e l'inizio della dittatura di Gheddafi, la storia di una famiglia costretta a fuggire dal proprio paese, la vita in più paesi stranieri. Questa storia sfugge tuttavia ai toni con i quali siamo abituati a sentire o leggere dei paesi mediorientali, soprattutto dalle cronache e dagli articoli giornalistici, rende invece in modo pieno, disteso la vita in questi paesi, certo con i suoi drammi,le tensioni ma anche con gli aspetti di una vita fino ad un certo punto agiata e serena. Un libro che lascia la curiosità di esplorare nuovi autori non strettamente occidentali ma soprattutto nuove prospettive.

  • User Icon

    Patrizia

    15/09/2017 13:23:44

    Il valore aggiunto di questo libro, il cui tema principale è il dolore della perdita del padre ed il dramma dello sradicamento per motivi politici, è duplice: 1° ho apprezzato la fame di cultura di quella famiglia, questo bisogno di conoscenza e di condivisione; 2°la storia d'Italia vista dall'Africa, a tratti affascinante, come la vicenda di Guido Ferrazza, a tratti orribile, come lo sterminio dei Libici, con tanto di lager, in epoca fascista. Mi ha messo la curiosità di leggere i libri di Alessandro Spina( libico con pseudonimo italiano) e di Knud Holmboe( unico reporter testimone dei campi di sterminio italiani)

  • User Icon

    Claudio

    05/05/2017 14:18:44

    Libro bellissimo che si muove tra diversi generi e non si può costringere in una singola categoria. Certamente la storia della famiglia dell'autore e soprattutto del suo rapporto con il padre, ucciso in quanto oppositore del regime libico. Ma anche molto altro, e comunque scritto in modo magistrale per rendere le forti emozioni delle loro esistenze accanto alle vicende della storia libica.

Matar, il dolore di un lutto nell'assenza

In un film realizzato nel 2010, il cileno Patricio Guzman dava voce alle madri dei desaparecidos sotto la dittatura di Pinochet. Lo faceva dopo avere dedicato buona parte della sua pellicola, invece, alla natura: raccontando astri e terre, e galassie, e sconfinati spazi resi secchi dalle arsure di altipiani desertici. Chi ha visto il film non può dimenticare il dolore di quelle madri, i loro volti segnati, induriti. Donne resilienti. L'empatia del regista le aveva messe in condizione di raccontare la loro angoscia; e di lì, dalle loro confessioni, lo sprigionarsi di una forza. Il cuore del film (una storia di assenza, di vuoto di tracce) sta tutto nell'irruzione tardiva di quella forza – perché tardiva, sconvolgente.

Ho ripensato a Nostalgia de la luz, leggendo Il ritorno di Hisham Matar. Medesima lotta tra presa di coscienza e illusione, come accade con le perdite complicate dalla loro immaterialità (quando manca il corpo e niente può venire elaborato a partire da un rituale di sepoltura, tutto resta allo stadio di drammatica ipotesi circa un possibile altro corso degli avvenimenti, diverso, meno definitivo).

Il padre di Matar, Jaballa, attivista militante in prima linea nell'opposizione al regime di Gheddafi, è scomparso ventidue anni prima. Ora, nel 2012, il figlio, scrittore già noto, ritorna in Libia nel fermo proposito di fare luce sul passato. Elaborare: sebbene lui stesso non lo sappia sino in fondo, è infine maturo per farlo. Gestione di un lutto in absentia è processo raddoppiato, come raddoppiata è la perdita. Privi non si è soltanto della persona, anche della certezza della sua morte. La china dell' impervio cammino, Hisham Matar la sale senza infingimenti. Provvisto di una sana dose di amor proprio, anzi. Vigile su se stesso. Attento ai crolli psicologici, allo sfiancante oscillare tra consapevolezza e illusione, tra lucido convincersi che il padre sia morto, e un'altrettanto lucida intuizione che una speranza, perché non debordi trasformandosi in illusione, si deve saperla addomesticare. Vero narratore, sa come inanellare le volute di certi andirivieni della memoria. Fluente, chiara, la sua voce scivola in mezzo alle sponde del ricordo (immagini del padre sparito, testimonianze di chi lo ha conosciuto) e istantanee della terra “color ruggine, giallo e verde” che è stata quella dei paesaggi d'infanzia.

Jaballa è morto nella prigione di Abu Salim, nell'atroce massacro (più di mille prigionieri torturati e uccisi) che Gheddafi vi perpetrò? Sul filo d'acciaio di questo interrogativo, il libro scompone e ricompone un capitolo di storia, di resistenza, di passione di giustizia. Lo sguardo di Hisham Matar disseziona il nervo più scoperto delle cose, riemergendone limpido, con chiarezza puntato attorno a sé – sulla Libia, il suo paese, e su quel che del passato soffia nel vento presente. Il ritorno non è quello di Ulisse, ma di Telemaco, colui che mite, compassionevole, accoglie il padre, lo riabbraccia abbracciandone intanto il destino. Come un Telemaco contemporaneo, ripercorrendo le ombre della vicenda di cui è figlio, Matar nel mentre dipana gli orditi del passato dona un nuovo assetto alla sua propria vita.

Succede con certe narrazioni solide, mirabilmente compatte nonostante le molte diffrazioni del flusso temporale, che a prevalere sulla materia narrativa sia la forma del racconto. Qui trova parola quanto di più muto può accompagnare il tormento di un ricostruire in absentia. “Nel tempo, il treno dei miei tentativi di scoprire dove fosse mio padre ha continuato a sferragliare. Avanzava nel buio, senza cedimenti, e sempre più simile, col passare degli anni, a qualcosa che si nutre della propria bramosìa”. Di questa imperiosa, tirannica necessità di capire, conoscere, racconta Il ritorno. Lo fa con la precisione e la grandezza d'animo di qualcuno che sa come scandagliare i risvolti più chiaroscurali della propria urgenza di voler sapere. Incontri, memorie condivise, tentativi di chiarimento di livelli stratificati di fatti lontanissimi nel tempo ma sempre pulsanti nel cuore: l'indagine di cui il libro di Hisham Matar si compone ha qualcosa di un romanzo di formazione. Insieme al protagonista, a lettura ultimata ci sentiamo noi anche più maturi, e migliori. Pronti ad affrontare e osservare la vita con maggiore pienezza e attenzione, ora che l'arcipelago della perdita, lancinante ancora, perché più chiaro si è però configurato più sopportabile.

Lisa Ginzburg

 

Indice

I. Botola

II. Abito scuro

III. Il mare

IV. La terra

V. Blo'thaah

VI. Poesie

VII. La tua salute? La tua famiglia?

VIII. La tregua e la clementina

IX. Il vecchio e suo figlio

X. La bandiera

XI. L'ultima luce

XII. Bengasi

XIII. Un'altra vita

XIV. Il proiettile

XV. Massimiliano

XVI. Campagna d'opinione

XVII. Il figlio del dittatore

XVIII. Le buone maniere degli avvoltoi

XIX. Il discorso

XX. Anni

XXI. Ossa

XXII. Il patio

Ringraziamenti

Nota bibliografica

  • Hisham Matar Cover

    Hisham Matar è nato a New York da genitori libici. Ha trascorso l'infanzia tra Tripoli e Il Cairo. Dal 1986 vive a Londra. Nessuno al mondo (Einaudi, 2006 e 2008), il suo primo romanzo, è stato tradotto in tredici lingue. Per Einaudi ha pubblicato nel 2011 Anatomia di una scomparsa e nel 2020 Un punto di approdo.Foto di Diana Matar. Approfondisci
Note legali