Ritratti abusivi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2013
Supporto: DVD
Salvato in 3 liste dei desideri
Ritratti Abusivi è il racconto realistico di una periferia italiana e dei suoi surreali abitanti, la comunità abusiva del Parco Saraceno (Castel Volturno, Caserta). Come rinchiusi in un luogo infinitamente degradato e senza tempo, da almeno dieci anni, gli abitanti del Parco Saraceno vivono tra miserie e illegalità, sospesi tra violenze quotidiane e il sogno di una vita normale.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gionni

    22/09/2018 12:17:58

    Film racconto-documentario girato nella comunità abusiva che alloggia/"alberga" nel Parco Saraceno di Castel Volturno (in provincia di Caserta) negli edifici fatiscenti che erano abitati un tempo dai militari americani della vicina base NATO e poi abbandonati. E' uno spaccato della realtà di periferia .."alla napoletana" ! Luogo di immenso degrado dove gli occupanti vivono in condizioni di miseria e nell'illegalità. Ma mentre per chi guarda dall'esterno questo risulta il peggior posto dove vivere (..il degrado strutturale ha ridotto tutto in condizioni tali da risultare inutilizzabile nonchè estremamente pericoloso per il rischio di crolli in ogni momento..) tuttavia gli abusivi sentono questo luogo come casa propria e lo vivono manifestando "appartenenza" ad esso. In una situazione surreale con aspetti tragi-comici.. esternando una filosofia del quotidiano possibile solo "nel mondo napoletano". Immagini che comunque ci insegnano qualcosa (..molto) ..mostrando gli sprechi, mai risolti, di luoghi altrimenti da risanare e valorizzare (vista la collocazione di essi, con il mare prospiciente) e poi, soprattutto, come queste persone "filtrino" le avversità del quotidiano e riescano a vivere, a modo loro, con "leggerezza" in un contesto del genere. Perciò il film ritrae il contrasto tra lo squallore del posto e lo "straordinario" attaccamento ad esso della gente che ci vive. Una visione che a tratti è deprimente ma che concede però molti sorrisi guardando e sentendo come queste persone affrontano ogni giornata. DA VEDERE !

  • Produzione: Minerva, 2015
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 70 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Formato Schermo: 1,78:1
  • Area2
  • Contenuti: altro: "La Domitiana" film di Romano Montesarchio
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali