Le rose di Cordova - Adriana Assini - ebook

Le rose di Cordova

Adriana Assini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 677,1 KB
Pagine della versione a stampa: 208 p.
  • EAN: 9788889682425
Salvato in 13 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Una regina non cammina scalza e se soffre non piange, né piega il capo, neppure quando ha torto". Così parla Nura della sua sovrana. È lei, schiava moresca, a raccontare la drammatica vita di Juana I di Castiglia, terzogenita dei Re Cattolici, passata ingiustamente alla storia come la Pazza, per effetto di un sordido complotto destinato a strapparle la corona. Tra la Spagna e le Fiandre del XVI secolo, il ritratto forte di una donna anticonformista e ribelle che alle brame di potere antepone gli affetti e sbaglia tutte le sue mosse, amando, non riamata, quegli uomini della sua famiglia che, uno dopo l'altro, finiranno per tradirla.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Roberta

    03/01/2018 10:57:48

    È un breve romanzo storico su una delle più controverse figure del XVI secolo, la regina Giovanna, nota come Giovanna la Pazza, figlia dei re Cattolici, Isabella di Castiglia e Ferdinando D’Aragona. E' Nura/Francisca, la sua schiava, a raccontare la storia e la vita di Giovanna: le sue ribellioni alla corte, l'incontro e l'amore per il marito Filippo di Borgogna (soprannominato "il Bello") trasformato poi in una ossessione che la spingerà a portare con sé, nei suoi lunghi e numerosi spostamenti nel Regno, il cadavere del marito, cosa che verrà presa a pretesto per tacciare Giovanna di pazzia e rinchiuderla nel castello-Fortezza di Toedesillas per circa vent'anni, privandola non solo del suo diritto di governare ma anche dell'amore dei figli. Una lettura scorrevole che conferma, come questa sfortunata regina fosse solo una vittima della ragione di stato.

Note legali