Round Midnight

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Thelonious Monk
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Waxtime
Data di pubblicazione: 23 novembre 2018
  • EAN: 8436559464550

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,90 €)

Questo LP riunsce alcune gemme poco note di Thelonious Monk tratte dalle sue registrazioni per la Riverside. La prima registrazione di Monk della sua composizione più famosa, "Round Midnight", fu fatta privatamente da Timme Rosenkrantz nel novembre del 1944. In seguito Monk incise il brano per Blue Note nel 1947 e per Vogue nel 1954. Ma Monk rielaborava sempre le sue composizioni e per a versione che sarebbe stata poi pubblicata sull’album “Thelonious Himself”, Monk sperimentò vari approcci alla melodia. Fortunatamente queste registrazioni sono state conservate e vengono presentate qui sulla Side A. "Played Twice", "There's Danger in Your Eyes, Cherie” e “I Should Care” sono versioni alternative di quelle presenti negli album della Riverside “Five by Monk by Five”, “Thelonious Alone in San Francisco”, e “Thelonious Himself”, mentre la registrazione di “Little Rootie Tootie” è un bis tratto dal concerto alla Town Hall del 28 febbraio 1959.
Disco 1
1
Round Midnight [In Progress]
2
Played Twice [Take 2]
3
Little Rootie Tootie [Encore]
4
There’s Danger In Your Eyes, Cherie [Take 1]
5
I Should Care [Take 2]
  • Thelonious Monk Cover

    Pianista e compositore statunitense di jazz. Nel 1941 partecipò alle «jam sessions» sperimentali dei musicisti di bop al Minton's e al Monroe's di New York; incise nel '44 con Coleman Hawkins e in proprio nell'immediato dopoguerra. A lungo ignorato dalla critica, ottenne il successo alla fine degli anni '50, soprattutto nella formazione del quartetto (per lo più con il sassofonista Charlie Rouse, in forza dal 1959 al '72). Informale tanto nel comportamento (apparentemente chiuso al mondo esterno) quanto nella musica, è stato uno dei protagonisti in assoluto del jazz moderno, più per l'influenza generale esercitata sulle nozioni essenziali della musica (in particolare dagli anni '70, quando M. si era ritirato dall'attività in pubblico) che per il singolare stile pianistico.?Come interprete... Approfondisci
Note legali