Categorie

Ian McEwan

Traduttore: S. Basso
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 296 p., Brossura
  • EAN: 9788806224745
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gianni F.

    22/11/2016 13.55.51

    Romanzo angosciante in un paio di situazioni. Un pochino lento nelle descrizioni fin troppo accurate, di interventi chirurgici, di correnti musicali, di Squash....La dimostrazione di come questi straordinario scrittore, non lasci nulla al pressapochismo. Un romanzo bello, ma come sempre da Mc Ewan, niente "allegria", ma buona lettura.

  • User Icon

    Luca

    09/08/2015 14.50.34

    Avevo letto anni fa i Cani Neri e non mi aveva entusiasmato. Questo è un libro particolare che deve essere letto tutto d'un fiato pena, a mio parere, la difficoltà nel portarlo a termine. Le descrizioni sono molto minuziose e l'autore riesce a cogliere tutte le sfumature umane con rara sensibilità. Interessanti i dettagli delle operazioni neuro-chirurgiche descritte. Complimenti alla traduttrice

  • User Icon

    Alessandro

    23/04/2015 13.51.17

    Un libro dalla durata narrativa di 24 ore ma che potrebbe essere l arco di tempo di una vita....e

  • User Icon

    ru

    23/01/2013 17.30.43

    Libro stupendo!!! da leggere e rileggere! MeEwan non si smentisce!

  • User Icon

    Joe

    20/04/2012 18.29.28

    Anch'io, come altri lettori, giudico questo libro estremamente noioso nella sua ingiustificata prolissità,un'opera d'autore mal riuscita,che alla fine ti pone l'unica domanda che un libro non dovrebbe arrivare a porre: che diavolo l'hai letto a fare? Pretenzioso ed inutile.

  • User Icon

    elisabetta

    25/05/2011 16.11.40

    Siamo sicuri che sia lo stesso autore che ha scritto "Espiazione"? Un ritmo lento, quasi snervante.... Forse l'ha fatto scrivere ad un'altra persona.

  • User Icon

    mario

    03/02/2010 21.38.51

    Non si legge McEwan per assaporare una trama. Il colore delle sue parole, i suoni, le sfumature risuonano molto e richiamano momenti di vita straordinari. McEwan è uno scrittore da leggere per frasi, fermarsi, godere di un particolare e riprenderlo. Ho letto questo libro, come molti altri libri di questo scrittore, in Italiano e in francese, e continuo a leggerlo. McEwan è un autore da chevet. McEwan è uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi. McEwan merita il premio Nobel.

  • User Icon

    silvia

    06/12/2009 16.18.09

    uno dei miei libri preferiti in assoluto e uno dei miei libri preferiti di McEwan, che ci spiega come render sublime ogni momento dell'esistenza

  • User Icon

    Fosca

    22/11/2009 20.28.51

    Bello! Bello Bello bellissimo! ANche se ho solo 13 anni mi è piaciuto da impazzire!

  • User Icon

    mari

    22/09/2009 09.46.43

    Sono d'accordo con Gianmaria: romanzo deludentissimo, niente a che vedere con il grande Mc Ewan di Lettera a Berlino, Cortesie per gli ospiti, Espiazione... e poi scusate: ma non vi sono odiosi i personaggi che sempre più spesso fanno da protagonisti ai suoi ultimi romanzi, quelle famiglie borghesi dove tutti sono belli, intelligenti, colti e raffinati, hanno successo, si vogliono bene, si stimano a vicenda, sono sempre felici e continuano (i coniugi) a fare felicemente sesso dopo vent'anni dio matrimonio? Mi viene la nausea!

  • User Icon

    bazu

    10/12/2008 14.02.32

    Il “sabato” di McEwan è il sabato ti Perowne un neurochirurgo di fama indiscussa, avendone letti altri dell'autore ritengo che questo sia la prima volta in cui si cimenta della dilatazione del tempo: non è cosa semplice costruire un romanzo su una sola giornata perché se questa giornata è quella di riposo di un neurochirurgo difficilmente è possibile movimentarla di modo da renderla avvincente. Di solito romanzi del genere sono romanzi psico-filosofici in cui ogni riga di testo risulta esser uno spunto per una riflessione più o meno profonda, quello che risaluta da questo romanzo è un qualcosa di incompleto. Non è avvincente ma neppure profondo,ci si trova a riflette blandamente sulla fragilità delle nostre certezze, sul senso di combattere il male invadendo stati stranieri e su quanto questo possa effettivamente essere una cura piuttosto che una miccia che innesca altro male, sulla ciclicità e sulla fugacità della vita, sul senso di scrivere e di esprimersi artisticamente, sulla forza di saper perdonare. Tanti come detto sono gli spunti ma sono troppo blandi e retorici. Questo romanzo in due righe lo potrei tranquillamente definire noia per 19 su 20 capitoli e un diciannovesimo capitolo da cardiopalma al punto che, avendolo letto poco prima di addormentarmi, mi ha tolto il sonno per un'oretta buona. McEwan è maniacale nella verosimiglianza: se deve parlare di un argomento si avvale di preziose e approfondite consulenze che poi trasporta nel romanzo. Questo “Sabato” è davvero troppo medico, se fossi un neurochirurgo o un semplice medico forse avrei apprezzato molto le descrizioni dettagliate delle operazioni chirurgiche ma non essendolo le ho trovate pesanti: un “diluente” narrativo poco utile.

  • User Icon

    sandra

    05/12/2008 13.36.49

    Il fatto è che lo scrittore di mestiere deve scrivere, come l'impiegato delle poste deve timbrare... Mc Ewan è abilissimo scrittore, capace di scrivere appunto su commissione e ci mette gli ingredienti giusti: il terrorismo, la guerra in Iraq, il neurochirurgo, e tira per le lunghe con il suo eloquio sopraffino. ma noi che siamo smaliziati lo cogliamo in flagrante e non ci mena per il naso.... comunque sa scrivere e questo è già qualcosa

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    26/10/2007 15.25.01

    Difficile dare un giudizio definitivo, a caldo, su un'opera simile...... La penna dell'Autore diviene sempre più acuminata e precisa, quasi maniacale; senza dubbio molte difficoltà si saranno presentate nella traduzione, anche per i traduttori più esperti! Una affascinante storia fatta di niente, come ne abbiamo viste tante al cinema e - più raramente - nei libri.... Potrebbe, con gli anni, diventare un classico, al pari de "L'inverno del nostro scontento" o di "E' successo qualcosa".....una radiografia esemplare di un giorno nella vita di un integrato di lusso, nella società di oggi. Molti i punti di contatto col capolavoro di Michelangelo Antonioni "Identificazione di una donna".... Su tutti la - riuscita! - ricerca della perfezione formale nel raccontare una vicenda che è non banale soltanto per il protagonista. La celebrazione dell'individuo. Magistrale.

  • User Icon

    cecilia

    02/09/2007 01.08.08

    E' il mio destino: amo McEwan e rimango coinvolta da tutto quello che scrive. A volte è un coinvolgimento che sa di violenza. A volte è un coinvolgimento che sembra un guardarsi allo specchio. Nel caso di "Sabato" il coinvolgimento sta tutto nella contemporaneità degli eventi narrati rispetto alla cronaca che il lettore sperimenta nel suo quotidiano. Nessuno di noi è più lo stesso dopo l'11 settembre. A cambiare non è stato solo il mondo, ma siamo stati tutti noi, nella nostra individualità e nelle nostre reazioni di fronte alla paura. E questa, purtroppo, è stata la grande vittoria del terrorismo. Con "Sabato" MacEwan dà voce al nostro io diviso, tra razionalità e irrazionalità, tra paura del diverso e tentativo di accoglienza e comprensione. Anche una vita perfettamente felice e borghesemente perfetta si arena su questo terribile presente che non sa superare. Inoltre a parer mio anche la professione del protagonista, un chirurgo e un chirurgo del cervello, è una metafora della lotta che la nostra generazione deve intraprendere per estirpare il tumore che il terrorismo ha fatto nascere nelle nostre coscienza.

  • User Icon

    Massimo

    12/07/2007 22.31.21

    Da leggere, sicuramente. Forse un po’ tirato nella trama e nel ritmo delle vicende narrate, ma il peccatuccio si perdona a fronte della profondità del messaggio ed il modo originale scelto per trasmetterlo. Un messaggio molto al maschile: uomini che arrivati a una certa età si mettono in discussione (e non sempre con lucidità…), mettendo a nudo le loro inquietudini e le loro debolezze che forse non sono abituati (o capaci?) a sostenere….

  • User Icon

    chamcha

    09/06/2007 17.45.46

    Ian dove sei finito? Se ci sei batti un colpo...

  • User Icon

    Paolo Moles

    09/06/2006 11.55.52

    La recensione de L’Indice qui sopra riportata è perfetta, quindi non c’è da aggiungere altro se non che “Sabato” è un brillante esempio di come la mente umana sia capace di descrivere se stessa. Leggere “Sabato” è come sostituire la propria mente con la mente del protagonista, guardare con i suoi occhi e sentire il battito del suo cuore. Sorprende l’impareggiabile capacità dell’autore nel clonare le sensazioni nella mente del lettore, i meccanismi della ragione qui sono in bella vista, impalpabili, parole scritte da un genio che ci dimostra una volta di più il miracolo della vita. Bello davvero, ma non per tutti, chi lo trova noioso è un “superficiale”.

  • User Icon

    dr. Fabyus

    27/04/2006 14.02.36

    Così come ho trovato due chiavi di lettura nel libro, mi sento di dover dare due voti. Una giornata nella vita di Henry Perowne in un sabato londinese? 1: proprio non ci siamo! Una metafora nemmeno poi tanto nascosta di quello che sta accadendo al mondo negli ultimi anni? 5: basta sollevare il primo strato, la prima "buccia della cipolla", e si scopre come McEwan sia riuscito a trasferire nella storia e nei personaggi proprio tutti i concetti che esprime quando ci fa leggere i pensieri del protagonista. Concordo con altri sul giudizio globale: di certo non il miglior McEwan.

  • User Icon

    Gianmaria

    17/04/2006 01.29.17

    E' un esempio di come uno scrittore geniale e di successo sia costretto a scrivere anche quando gli manchi l'ispirazione. Questo richiedono le case editrici. Tanto i suoi bellissimi racconti e romanzi precedenti erano fogoranti, tanto questo è prolisso e privo di nerbo. Un libro inutile.

  • User Icon

    Vincenzo Nasti

    05/04/2006 08.31.13

    Ci sono romanzi che nella semplicità risultano molto più realistici di quelli complessi. “Sabato” è l’impresa non riuscita di voler descrivere realisticamente la giornata londinese di Henry che risulta assurda e insensata, eccedente di descrizioni troppo meticolose e inutili che rendono noiosa e pesante la lettura del libro. L’esuberanza di vocaboli sembra affermare che l’autore, Ian McEwan abbia voluto fare sfoggio della sua saccenza rendendo alcune pagine (anatomia del cervello, partita a squash, etc…) del tutto superflue e mettendo nella testa del protagonista una massa di pensieri, una specie di tumore letterario, che nemmeno un Essere Supremo sarebbe capace di pensare tutti in una volta. Unica nota positiva è l’umanità che scaturisce ad esempio nell’incontro tra Perowne e la madre e nelle battute conclusive. Complessivamente, però, il risultato è insufficiente. Libro sconsigliato a chi ama la lettura un po’ più soft. VOTO : 2/5

Vedi tutte le 47 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione