Categorie

Giacomo Debenedetti

Editore: Marsilio
Collana: Saggi. Critica
Edizione: 2
Anno edizione: 1999
Pagine: XXXIV-326 p.
  • EAN: 9788831771399

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    27/09/2012 02.20.13

    La prima serie dei "Saggi critici" della Collana "Il Pensiero Critico",1952, era in gran parte dedicata alla letteratura francese.Gli studi che la compongono furono scritti negli anni in cui Parigi toccava l'apogeo della sua irradiazione artistica,con gia' qualche cosa di insidiato, che la faceva anche piu' suggestiva.Sono contenuti nella "prima serie" i saggi su Marcel Proust,che hanno efficacemente contribuito allo studio del massimo scrittore francese del secolo passato.Ma di quella serie fanno parte anche i saggi su Umberto Saba, che segnano una data nella critica del poeta e costituiscono un "ponte" verso nuovi interessi, piu' specificamente rivolti alla letteratura italiana contemporanea. Ad essa e' dedicata tutta questa "seconda parte": da Cecchi a Moravia, da Bontempelli a Bacchelli, da Palazzeschi a Panzini, a Moretti, a Marinetti, a Ojetti, a Vigolo, a Savarese, a Ravegnani.Gran parte degli scrittori che ebbero nel decennio sul '40 una delle loro fioriture, vi sono presi in esame. Ma oltre a un Omaggio al De Sanctis, esame di coscienza indispensabile a ogni critico italiano, tre maestri vi sono studiati: D' Annunzio(e il saggio su di lui costituisce la maggiore aggiunta alla riedizione del presente volume),Svevo e Pirandello. La critica del Debenedetti e' intesa principalmente a ottenere, col maggiore risalto plastico, dei "ritratti dal di dentro" e mira anch'essa, ma valendosi anche di strumenti estetico-letterari, ad attuare quello che oggi, sulle orme di Leo Spitzer, potrebbe chiamarsi "il circolo della comprensione". Non si puo' cominciare a parlare di Debenedetti,senza ricorrere all'aiuto di lui in persona, senza tentare di ricomporre almeno in poche righe un'immagine di questo uomo piccolo, magro, dotato di una spettacolosa forza nervosa, lui che e' nato a Biella nel 1901,che ha lavorato per parecchi anni su vari fronti della cultura ufficiale facendo la spola tra gli studi all'Universita' di Torino e le riviste letterarie (Solaria di Piero Gobetti)

Scrivi una recensione