DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Sale mercurio zolfo. Una favola alchemica

Baltasar

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: StreetLib
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,85 MB
  • EAN: 9788826028309
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"L'alchimia è l'arte di trasmutare i metalli per ottenere l'oro. Ovviamente essa non è un'azione chimica ma una operazione simbolica. Il simbolismo alchemico si situa su un piano cosmologico: le due fasi di coagulazione e soluzione corrispondono a quelle del ritmo universale. Rappresenta, l'alchimia, l'evoluzione umana da uno stato dove predomina la materia ad uno stato spirituale" ...tre personaggi più uno misterioso attraversano uno spazio a-temporale ...il riappropriarsi del tempo e della propria capacità di riflessione equivale, probabilmente, al riappropriarsi del proprio equilibrio, dove il giusto pensare e il giusto agire diventano possibili, opportuni, doverosi... Si dice, o quantomeno si crede, che noi umani adoperiamo circa il 10% della capacità intellettiva. Soltanto il 10 ... e forse meno. Ebbene, se così fosse, mi chiedo: a quale percentuale dobbiamo arrivare, noi, per avere la capacita di trovare una buona soluzione per noi? E se invece così non fosse, cioè se ci trovassimo già ad adoperare il 100% della nostra capacità intellettiva, vorrebbe significare che ci dobbiamo affidare a dei cervelli elettronici per progredire oltre? Allora cos'è l'uomo, un embrione di una macchina? ...l'eccessiva protezione di tutto quello che ci appartiene e che rappresenta la proprietà individuale ci rende ciechi, ci limita e ci conduce in oscure camere mentali dove ognuno di noi si guarda bene dal rendere, queste camere, accessibili agli altri. E dopo un po', queste camere, divengono inaccessibili persino a noi stessi e restano luoghi sterili, tetri e definitivamente vuote.
Note legali