Il sangue dell'Olimpo. Eroi dell'Olimpo. Vol. 5

Rick Riordan

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 giugno 2018
Pagine: 502 p., Brossura
  • EAN: 9788804689003

Età di lettura: Da 12 anni

81° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Bambini e ragazzi - da 12 anni

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

L'equipaggio della Argo II, la nave volante guidata dai semidei greci e romani, non è ancora riuscito a sconfiggere la minaccia più temibile: la divina Gea e il suo esercito di giganti. Ad Atene la Festa della Speranza è alle porte, e la perfida dea della Terra ha intenzione di celebrarla in grande stile: sacrificando due semidei per tornare in vita. Percy Jackson e i suoi amici devono fermarla, ma hanno visioni sempre più frequenti di una cruenta battaglia che minerà la pace tra il Campo Mezzosangue e il Campo Giove. Solo se i semidei riusciranno a condurre la statua di Athena Parthenos al Campo Mezzosangue potranno evitare la guerra. Le armate di Gea stanno avanzando, e le forze greche e romane dovranno combattere unite, o per il mondo sarà la fine. Età di lettura: da 12 anni.

€ 9,78

€ 11,50

Risparmi € 1,72 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    01/09/2017 08:49:28

    Il primo libro di Riordan che mi ha deluso Prima di tutto il libro è incentrato Jason, Piper e Leo tagliando fuori i migliori semidei del gruppo: Percy, Hazel, Frank e Annabeth. Rendendoli dei personaggi di contorno! Ma questo in fine dei conti è un difetto trascurabile. La più grande mancanza di questo libro è lo scontro finale tra olimpi e giganti. La battaglia con Gea è più che plausibile, non essendosi ancora adattata al suo corpo proprio come Tartaro nel libo precedente. Ma i giganti! Io mi aspettavo una serie di battaglie epiche per le strade di Atene, dove ognuno dei sette al fianco del suo genitore divino avrebbe affrontato un gigante. Non una scaramuccia di pochi minuti Avrei dato al libro due sole stelle se non fosse stato per i capitoli di Nico e Reyna: le sue uniche ancore di salvezza. Trovo ridicola quella scena finale con la mancanza di entusiasmo dei semidei verso gli Olimpi. Ma cosa vogliono quei mocciosi? Gli dèi forse non intervengono per risolvere tutti i loro problemi e farli trovare la tavola già bella che pronta, ma il loro aiuto indiretto è più che palese. Tanto per fare un esempio: Percy può avercela con Era quanto gli pare ma senza di lei sarebbe morto nel labirinto, un fatto innegabile. Insomma: da comprare solamente per chiudere la saga Per quanto riguarda la saga nella sua interezza, dove averla completata, a mio giudizio è molto bella ma inferiore alla prima, “Percy Jackson e gli Dèi dell’Olimpo” aveva qualcosa di unico. Inoltre “Eroi dell’Olimpo” ha un terribile mancanza: l’assenza di Nettuno. Dopo aver visto il potente ma simpatico Poseidone nella prima saga, sarebbe stato carino un confronto con il temibile e temuto Nettuno dei romani. Un vero peccato Comunque, tanto per la cronaca, Augusto era sicuramente un uomo ambizioso, però se non avesse trasformato la repubblica romana in un impero questa sarebbe crollata su se stessa.

Scrivi una recensione