Categorie

Giampaolo Pansa

Editore: Rizzoli
Collana: Saggi italiani
Anno edizione: 2013
Pagine: 448 p. , Rilegato
  • EAN: 9788817068741

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Catilina

    24/03/2014 21.53.34

    Un libro più che piacevole, scorrevole, sincero. Si ripercorre la storia d'Italia, inserendo anche parti meno trattate, come lo scacco della Calabria della fine degli anni '70, e trattando le maggiori vicende in modo obiettivo, che a qualcuno potrebbe apparire parziale solo perché abituato a leggere la storia d'Italia secondo la deformazione dell'impronta comunista. Fanno ridere quelli che si dicono infastiditi dall'anticomunismo di Pansa. Strano che non si legga di persone "infastidite" nel rileggere sempre la solita tiritera retorica sulla Resistenza. In fondo non è così strano: è il risultato ben riuscito del lavaggio del cervello per mano comunista. Pansa serve anche a disintossicarsi da questo disturbo.

  • User Icon

    Oldpaul

    18/02/2014 16.56.38

    Ormai Pansa ha solo l'ossessione dell'anticomunismo, sempre più viscerale, non della ricerca delle verità anche scomode di alcuni suoi vecchi libri. Sempre buon affabulatore, ma anche superficiale nella sua contro storia, per non dire scorretto. Nella valutazione di fatti usa le tecnica della chiacchierata / intervista di una persona terza , dando così la sensazione che le opinioni riportate , sempre di parte, siano la realtà dei fatti.il terrorismo e' sempre monocromatico, poche parole per eventi come piazza fontana, neanche una parola sulla strage di Bologna, persino la stagione di mani pulite rivisitata e distorta . Letto fino in fondo nella speranza vana che ci fosse almeno uno spunto che valesse la lettura

  • User Icon

    Dike1127

    06/01/2014 19.55.41

    Forse non ci saranno approfondimenti su tutti i fatti più importanti accaduti in Italia nel dopoguerra, ma probabilmente l'autore non voleva scrivere una monumentale storia del secondo dopoguerra, ma un resoconto autobiografico di alcuni di questi fatti, per come sono stati da Pansa stesso percepiti e vissuti. Mi sembra una buona opera, con la solita ottima scrittura.

  • User Icon

    MRA

    01/01/2014 21.16.06

    L'ho letto tutto d'un fiato, così come tutti gli altri libri precedenti.

  • User Icon

    carlo

    08/11/2013 08.31.12

    Come ci ha abituato Pansa scrive magnificamente.Ho letto il precedente commento di chi dice che è sempre la stessa pasta ma evidentemente il presunto lettore(dubito che l'abbia letto!)nn si è nemmeno accorto che le descrizioni riguardano il periodo dal 1946 ai gg nostri e nn la 2a guerra ed il suo dopoguerra che Pansa ha già avuto modo di illustrare.Evidentemente si usano questi commenti per fare politica,anche se meschina!! Preciso,puntuale,argomentato,equidistante, Pansa fa divorare il suo libro tutto d'un fiato!

  • User Icon

    spaggio

    21/10/2013 23.20.40

    Era l'ultima possibilità, per me, di continuare a leggere i libri di Pansa: delusione profonda. Da tempo questo autore scrive sempre lo stesso libro, per giunta noioso. Mi dispiace, non si può continuare in eterno ad essere riconoscenti per i bei tempi (i bei libri) andati.

  • User Icon

    maxdebe

    14/10/2013 16.14.11

    Il grande Pansa non delude mai. Un libro di ricordi e aneddoti inserito nella storia recente del nostro paese. Una prosa coinvolgente dell'ultimo grande giornalista rimasto.

  • User Icon

    giancarlo fedi

    13/10/2013 17.04.00

    Mi ha deluso. Mi aspettavo qualcosa alla Montanelli, ho trovato solo aneddoti e fatti personali aventi solo come sfondo alcuni eventi importanti della recente storia d'Italia.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione