Saxophone Colossus (Limited Edition)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Sonny Rollins
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Jazz Images
Data di pubblicazione: 14 ottobre 2016
  • EAN: 8437012830905
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,90 €)

Il fotografo francese Jean-Pierre Leloir (1931-2010) ha catturato alcune delle immagini più iconiche della vita del jazz in Francia durante gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta. Questa collezione, in edizione limitata, raccoglie alcuni dei migliori album della storia del jazz arricchiti dalle splendide e inedite fotografie di Leloir che ne ritraggono i rispettivi autori. Quando Rollins è entrato in studio il 22 Giugno 1956 per registrare "Saxophone Colossus", uno dei suoi album più acclamati come leader, era già un membro regolare del celebre Max Roach & Clifford Brown Quintet da un anno e mezzo (questo spiega la presenza Roach nell'album). Appena quattro giorni dopo la registrazione questo gruppo non esisteva più. Infatti a causa di un tragico incidente stradale il 26 Giugno Clifford Brown e il pianista della band Richie Powell persero la vita. Ad appena 26 anni, Rollins era già una figura ben nota nel mondo del jazz. Aveva già registrato diversi album come leader ma, soprattutto, era stato membro di una delle formazioni più importanti del periodo: il Miles Davis Quintet. Dopo lo scioglimento del Max Roach & Clifford Brown Quintet, Rollins si concentrò sempre più sulla sua carriera solista che prosegue instancabile ancora oggi.
Disco 1
1
Saint Thomas
2
You Don’t Know What Love Is
3
Strode Rode
4
Moritat
5
Blue 7
  • Sonny Rollins Cover

    Propr. Theodore Walter Rollins. Tenorsassofonista statunitense di jazz. Si impose nel 1950 nel gruppo di Bud Powell e poi con Miles Davis, con Thelonious Monk, con Max Roach e Clifford Brown, e ben presto con gruppi propri, come uno dei più originali solisti dello hard bop, sviluppando in seguito una tecnica puntillistica con sonorità dalle inflessioni sardoniche. All'inizio del decennio successivo subì, accanto a Don Cherry, suggestioni del primo free jazz, e in seguito qualche influenza del filone funky. Tra le numerose e varie esperienze successive, la prestazione senza accompagnamento di The Solo Album (1985), la composizione ed esecuzione del Concerto for saxophone and orchestra (1986), perfino collaborazioni con i Rolling Stones (1981): in ogni occasione «Sonny» R. ha dimostrato soprattutto... Approfondisci
Note legali