Lo sceicco bianco

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1951
Supporto: DVD
Salvato in 29 liste dei desideri

€ 9,90

Venduto e spedito da Allstoreshop

Solo 1 prodotto disponibile

+ 3,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,90 €)

Giunta a Roma col marito, una giovane provinciale va alla ricerca del protagonista di un fotoromanzo e rimane delusa nello scoprire in lui un meschino istrione.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    santo

    31/03/2020 16:17:24

    bellissimo film,consiglio di vederlo!

  • User Icon

    Michele Bettini

    08/02/2017 20:24:22

    Considero Fellini un regista inguaribilmente provinciale e dalle corte vedute. Tuttavia questo può considerarsi un capolavoro, se non altro perché ha dato modo ad Alberto Sordi e Leopoldo Trieste di elevarsi, come protagonosti, ad attori di Serie A. Il matrimonio comincia male e finirà male: un marito scrupoloso e una sposina frivola, sulla scia del FIGLIO DELLO SCEICCO. Del resto anche lo sceicco interpretato da Valentino era una effimera gloria, visto la vita privata di Rodolfo valentino e la sua morte prematura. Così è anche nella vita non disinvolta del personaggio dei fotoromanzi interpretato da Alberto. Alla fine la coppia, ricostituitasi, va a San Pietro a purificarsi. Ma entrambi gli sposi, per ragioni diverse, non ne sono convinti.

Primo film interamente diretto da Fellini, un piccolo classico con Alberto Sordi

Trama
Una coppia di sposini provinciali si reca a Roma in viaggio di nozze. Lei, appena può, fugge per andare a vedere il suo idolo, il divo dei fotoromanzi che interpreta il personaggio dello Sceicco Bianco. Dapprima la donna accetta la pesante corte dell'attorucolo, ma poi si rende conto di quanto sia fasullo e torna dal marito che intanto ha avuto una sua avventuretta con una prostituta. Primo film interamente diretto da Fellini. Nonostante l'ottima interpretazione di Sordi non fu un successo, ma venne in seguito molto rivalutato ed è oggi considerato, giustamente, un piccolo classico.

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Mustang Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 85 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Contenuti: presentazione: Presentazione di Maurizio Porro; documentario: Documentario: Cinema Forever - Documentario: The Magic of Fellini
  • Federico Fellini Cover

    Federico Fellini cresce in una famiglia piccolo-borghese, la madre casalinga e il padre rappresentante di commercio di generi alimentari. Si iscrive al liceo classico di Rimini. Guadagna i primi soldi come caricaturista realizzando ritratti di attori celebri per il cinema Fulgor di Rimini. La sua attività di disegnatore e caricaturista continua anche negli anni successivi e gli frutta collaborazioni con giornali e riviste, tra cui la Domenica del Corriere e il settimanale fiorentino 420. Nel gennaio 1939 si trasferisce a Roma. Dice di volersi iscrivere alla facoltà di Giurisprudenza ma è solo una scusa perché in realtà è interessato al mondo dell'avanspettacolo e della radio. Conosce Aldo Fabrizi, Erminio Macario e Marcello Marchesi e comincia a scrivere... Approfondisci
  • Alberto Sordi Cover

    "Attore e regista italiano. Comincia a recitare a metà degli anni ’30 dividendosi fra l’avanspettacolo, il teatro di rivista e piccole comparse al cinema (dà la voce a Ollio/O. Hardy). Il primo film da coprotagonista è I tre aquilotti (1942) di M. Mattòli, anche se negli anni ’40 i maggiori successi gli vengono dal teatro leggero e dalla radio, medium nel quale S. sperimenta e costruisce una galleria di personaggi che porterà infinite volte e con grande successo al cinema, ritraendo un uomo banalmente medio la cui apparente cattiveria nasconde una malcelata ingenuità, un cialtrone sostanzialmente vigliacco, uno sbruffone succube delle circostanze, un individuo in bilico fra la tragedia e la farsa. F. Fellini si accorge del suo immenso talento e lo chiama a interpretare il meschino divo dei... Approfondisci
  • Leopoldo Trieste Cover

    "Attore e regista italiano. Autore di alcune opere teatrali, dopo aver collaborato alle sceneggiature di film di un certo interesse (Gioventù perduta, 1948, di P. Germi; Febbre di vivere, 1953, di C. Gora), si afferma come interprete di Lo sceicco bianco (1952) e I vitelloni (1953) di F. Fellini, rivelando una spiccata predisposizione al grottesco. Ottiene in seguito buoni risultati drammatici come caratterista in Divorzio all'italiana (1961) e Sedotta e abbandonata (1964) entrambi di P. Germi, cui seguono numerose altre caratterizzazioni in film minori. Come regista dirige gli ambiziosi Città di notte (1958) e Il peccato degli anni verdi (1960)." Approfondisci
Note legali