Scheletri nell'armadio

Gero Mannella

Editore: Ensemble
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 6 dicembre 2017
  • EAN: 9788868811808
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Tutto ha inizio quando Orazio, il protagonista, rientra a casa e sua moglie Jessica, donna esuberante con accessi di ninfomania, sta facendo sesso con un altro. L' "altro" deve nascondersi, come nella migliore delle tradizioni, nell'armadio ma in un susseguirsi di situazioni assurde, la storia, tingendosi di giallo, prende strade inaspettate.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Subhaga Gaetano Failla

    04/09/2018 14:01:58

    "Scheletri nell'armadio" è un'astronave (o una stellaimbarcazione) con dentro Groucho Marx e William Burroughs in stile Alan Ford; è un vagoncino d'ottovolante che precipita tra le urla di Achille Campanille e dei Monty Python appiattiti sul fondo dell'abitacolo; è un fuoco d'artificio dove artefice e artifici svolazzano leggiadri, con frullo d'ali perfino di Queneau (ché sì, invece, proprio quello del romanzo "L'Icaro involato"), nella furia pirotecnica di labirinti linguistici, nella vertigine degli eventi e dei significati, nella labirintite presunta del lettore in cerca d'orientamento. Ho letto "Scheletri nell'armadio" in un treno affollato, nascondendo la mia risata con la mano, per scoprire subito dopo che tutti i passeggeri leggevano gli "Scheletri", coprendosi la bocca e indossando, ognuno di loro, un magnifico frac. "Lettori d'alta classe", ho pensato, sebbene in quel treno per pendolari erano inesistenti gli scompartimenti di prima classe. "Sono capitato per caso in una pagina mai scritta di Gero Mannella?", ho pensato ancora. Ma poi mi sono aggrovigliato, a causa di quel "mai scritto", in inestricabili dubbi metafisici. E allora ho deciso, per liberarmi dal groviglio, di esprimere con acribia assoluta il mio giudizio sintetico e molto moderato: Gero Mannella è un genio e il suo romanzo "Scheletri nell'armadio" un capolavoro immortale.

Scrivi una recensione