Categorie

Franco Cardini, Sergio Valzania

Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 208 p. , Brossura
  • EAN: 9788804648307

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mario Brunetti

    16/04/2016 23.26.53

    Per me è stata una lettura molto gradevole e significativa. La tesi degli autori mi ha convinto. C'era un tassello nella storia di quegli anni che non riuscivo ad incastrare bene. Questo libro mi ha consentito di capire appieno le dinamiche della geopolitica di allora. Ben vengano libri come questo che aiutano a comprendere meglio la "miseria" della politica internazionale italiana. Ne raccomando la lettura.

  • User Icon

    Valerio Caruso

    18/11/2015 13.20.07

    Lungi dall'essere uno studio storico serio, tutto l'impianto del libro è sostenuto da un'impronta ideologica ben connotata,assai diffusa tra gli italiani: l'antitalianità a tutti i costi. Qui,però, si esagera fin troppo.Probabilmente un giorno ci imputeremo la proliferazione nucleare. La pretesa aria di novità che circonda poi il testo rende questo "studio" ancora più insopportabile.

  • User Icon

    Gabriele

    08/04/2015 09.32.47

    I pregi di questo saggio sono quelli di scorrere bene e fornire un quadro dettagliato della situazione internazionale euro-mediterranea a cavallo tra Otto e Novecento. Oltre a questo il nulla. Ripetitivo nell'esposizione, scade spesso nella cronologia pura dei fatti. A livello di contenuti offre per tutto il testo una tesi stentata e forzata che, nella conclusione, si trasforma in un ormai banale esempio di retorica castrante anti-italiana, anti-europea, buonista, pacifista e terzomondista cui purtroppo siamo abituati da anni. Cito dalla conlusione: "La guerra non cambia il corso della storia, lo incattivisce solamente". Che andare ad ammazzarsi non sia una bella cosa credo siamo tutti d'accordo, ma un'affermazione come questa è un delirio ideologico che uno (due!) storico serio non può permettersi. Mi aspettavo di meglio da Valzania, di cui avevo apprezzato molto altre opere individuali. Peccato. Assolutamente non consigliato.

Scrivi una recensione