Scritto e. mangiato

Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,78 MB
  • EAN: 9788828329824
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Omaggio

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
Nel 2011 la Biblioteca romana di Corviale, ora intitolata a Renato Nicolini, indisse un premio letterario dedicato al racconto breve — anzi, brevissimo: il racconto Bonsai — sul tema del cibo. Ne venne fuori questo libro, pubblicato allora solo in versione cartacea: comprendeva il racconto vincitore, le menzioni speciali, i racconti finalisti, alcuni racconti di scrittori amici della biblioteca nonché un'appendice di gustose ricette.

Antonio Trimarco, allora responsabile della Biblioteca e curatore del libro insieme a Brigitte Cordes, ha fortemente voluto la pubblicazione di questa nuova edizione digitale, che Biblioteche di Roma mette a disposizione come risorsa gratuita. Perché il lavoro delle biblioteche "consiste anche nel dar voce ad una cultura popolare diffusa, e mantenerla come memoria per tutti".

È troppo per noi, è troppo per noi… abituati al “do ut des”… Ma tutti gli uomini insistono, è il loro gesto di ospitalità. Siamo esterrefatti, sorpresi, increduli, spiazzati: di fronte a noi i loro sorrisi e le loro mani spalancate. Prendiamo il pane, sembra un dono sacro: lo spezziamo e ne assaggiamo una parte per ciascuno. È buonissimo, primitivo, arcaico. Ha il sapore del fuoco nella crosta e quello del grano nel suo interno. Scotta ancora. Mentre mangiamo, Gianni mi guarda e chiede: − Noi, al loro posto, che cosa avremmo fatto? − Non gli rispondo, ma i miei occhi lucidi mi tradiscono. Continuiamo a mangiare ed ingoiamo il nostro dubbio. Decidiamo di lasciare loro del latte e con quello tutto il nostro rispetto. Salam aleikum. Aleikum salam. – Grazie di cuore e scusateci per aver pensato male di voi.